Ultimo aggiornamento: 20.02.20

 

Principale vantaggio

Il collirio Night Repair vanta una formula innovativa volta a garantire un’idratazione ottimale dell’occhio e prevenire, al contempo, le alterazioni del film lacrimale che generano secchezza. Inoltre, grazie ai benefici dell’acido ialuronico (ecco i migliori modelli) si propone di salvaguardare i bulbi oculari dagli agenti batterici responsabili della congiuntivite e altre infezioni corneali.

 

Principale svantaggio

La progettazione del flacone non è delle migliori, dal momento che l’ugello appare abbastanza corto per riuscire ad applicare la soluzione senza avvicinare troppo l’erogatore alle palpebre, e il fatto che il collirio presenti una consistenza piuttosto viscosa, lo rende ancora più difficile da dosare.

 

Verdetto: 9.5/10

Il prodotto si fa apprezzare soprattutto per il suo rapporto qualità/prezzo molto convincente, e visto che dispone di un INCI praticamente ridotto all’osso, si presta a essere utilizzato senza problemi anche da chi soffre di ipersensibilità oculare.

Acquista su Amazon.it (€7.95)

 

 

DESCRIZIONE CARATTERISTICHE PRINCIPALI

 

I benefici dell’acido ialuronico

Chi ha detto che un buon acido ialuronico serve solo a distendere le rughe e a prevenire i segni dell’invecchiamento cutaneo? In realtà, gli utilizzi di questa portentosa molecola si spingono ben oltre, poiché si tratta di una sostanza già naturalmente presente nel nostro corpo e localizzata in particolare nel tessuto connettivo, nelle articolazioni e, non ultimo, nell’umor vitreo dell’occhio.

Ed è proprio qui che casca l’asino, come si suol dire ironicamente. Sebbene siano in pochi a saperlo, l’acido ialuronico viene usato da diversi anni anche in oftalmologia come lubrificante oculare per le sue particolari caratteristiche. 

Trattandosi di una molecola dalla tipica struttura spiraliforme, riesce a sciogliersi facilmente in ambiente acquoso e gode di un’eccellente viscoelasticità che gli permette di trattenere una grande quantità di molecole d’acqua. Da questo deriva la sua elevata capacità idratante che la rende ideale nei trattamenti contro la secchezza oculare, espletando anche un apprezzabile potere antimicrobico.

Non solo, grazie alla sua particolare viscosità, presenta un comportamento pseudoplastico affine a quello delle mucine solubili del film lacrimale, e questo significa che riesce a mantenere la superficie oculare perfettamente lubrificata sia in caso di affaticamento della vista sia quando si portano le lenti a contatto.

Un trattamento efficace contro la secchezza oculare

Il collirio Night Repair di Optrex è ideale per chi ha problemi di secchezza oculare e necessita quindi di un lubrificante che garantisca un’idratazione ottimale della cornea. Ma partiamo dal principio: l’occhio, per chi non lo sapesse, è rivestito da un sottilissimo film lacrimale prodotto da apposite ghiandole che ne attivano il deflusso quando i bulbi oculari sono minacciati da agenti batterici o esterni che rischiano di comprometterne il delicato equilibrio.

Potrebbe capitare, però, che la permanenza prolungata in ambienti riscaldati artificialmente o davanti allo schermo del computer comporti un’eccessiva evaporazione dello strato superficiale del film lacrimale, rendendo di conseguenza gli occhi maggiormente esposti all’azione lesiva degli agenti patogeni. 

Grazie all’elevato contenuto di acido ialuronico ad alto e medio peso molecolare, il collirio Night Repair svolge un’intensa azione idratante già a partire dall’applicazione, mantenendo la superficie oculare perfettamente lubrificata per venti ore consecutive.

La sua formula in gel, caratterizzata da una densità maggiore rispetto a tanti altri prodotti concorrenti, riesce a imitare il comportamento pseudoplastico delle mucine lacrimali, presentando una viscosità maggiore quando l’occhio è aperto e una viscosità minore in fase di ammiccamento, così da permanere più a lungo sulla superficie corneale.

Inoltre, grazie alla presenza del cloruro di sodio e della glicerina, in percentuale pari allo 0,9%, risulta indicato per pulire e rimuovere i corpi estranei dagli occhi in caso di fastidi, e per la stessa ragione si presta anche come efficace trattamento preventivo per chi soffre di particolari condizioni infettive, tra cui la congiuntivite e le allergie, previa applicazione ovviamente di un medicamento specifico prescritto da uno specialista.

 

INCI e packaging

Come già sottolineato, Night Repair fornisce un immediato sollievo dalle irritazioni e dai fastidi causati dalla secchezza oculare, e si propone di idratare l’occhio quando la produzione di lacrime diminuisce. 

Sebbene si tratti di un prodotto da utilizzare prevalentemente di notte, per consentire alle sostanze umettanti contenute di agire in profondità durante il sonno, l’azienda consiglia di applicare qualche goccia di soluzione anche al mattino appena svegli per preparare gli occhi ad affrontare una nuova giornata e garantirgli una maggiore protezione dagli agenti esterni che potrebbero provocare gravi infezioni congiuntivali.

Leggendo l’INCI del prodotto notiamo che nella sua formulazione, oltre all’acido ialuronico, alla glicerina e al cloruro di sodio, non sono presenti altre sostanze, quindi niente Benzalconio Cloruro o vasocostrittori che andrebbero a compromettere l’integrità delle membrane lipidiche dell’epitelio corneale.

Il costo del flacone da 10 ml non sembra eccessivo se lo confrontiamo con altri colliri simili, tuttavia non possiamo fare a meno di segnalare la poca cura riservata alla progettazione dell’erogatore, che non permette un’applicazione agevole della soluzione.

 

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

Ultimo aggiornamento: 20.02.20

 

Maschera Viso – Guida all’acquisto, Opinioni e Confronti

 

La pulizia quotidiana del viso è un’abitudine da cui non si può prescindere, ma sapevate che l’applicazione settimanale di una buona maschera viso porta a un livello di detersione più profondo e completo? Ebbene sì, questi cosmetici sono diventati fondamentali nell’ambito della skincare e nelle profumerie, così come online, se ne possono trovare di tutti tipi: purificanti, esfolianti, peel off, detox, senza dimenticare le pratiche maschere in tessuto che negli ultimi anni hanno riscosso un notevole successo. Ma come scegliere il prodotto giusto tra così tante offerte? Se non riuscite a orientarvi nel vasto panorama cosmetico, cominciate a dare un’occhiata a quelli che, secondo noi, sono i migliori prodotti di quest’anno: la Dr.Organic Maschera Viso Manuka Honey 125 ml è perfetta per chi vuole idratare e purificare il viso in modo naturale, poiché formulata solo con ingredienti biologici provenienti da fonti naturali sostenibili; mentre L’Oréal Paris Maschera per il Viso Anti-imperfezioni all’Argilla Pura svolge un’ottima azione tonificante capace di apportare turgore e compattezza anche alle pelli più stanche e opache.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Le 8 Migliori Maschere Viso – Classifica 2020

 

Scegliere la migliore maschera viso per le proprie esigenze è una questione abbastanza soggettiva, perché molto dipende dal tipo di pelle e dai risultati che si vogliono ottenere. Utilizzate la nostra tabella di comparazione per confrontare prezzi e caratteristiche degli otto prodotti che, tra quelli venduti online, hanno ricevuto il maggior gradimento da parte delle utenti.

 

 

Maschera viso al miele

 

1. Dr.Organic Maschera Viso Manuka Honey 125 ml

 

La prima proposta in classifica è una maschera viso al miele che si fa apprezzare per le sue proprietà rigeneranti e la texture morbida e cremosa che si massaggia con facilità. Usata regolarmente, restituisce tonicità e bellezza alla pelle del viso grazie alla presenza del Caolino, che si occupa di rimuovere a fondo le cellule morte e le impurità che generano inestetismi.

Ideale per apportare turgore al volto e purificare le pelli grasse con tendenza alla formazione di brufoli, vanta un’alta concentrazione di estratto d’Aloe Vera capace di contrastare il sebo in eccesso e la lucidità cutanea, e lo fa in modo naturale e ben bilanciato sfruttando anche le proprietà antinfiammatorie e battericide del miele di Manuka.

Rientra tra le migliori maschere viso del 2020 perché formulata solo con ingredienti biologici provenienti da fonti naturali sostenibili, senza OGM, coloranti artificiali, parabeni e altri elementi chimici potenzialmente dannosi; per cui, non abbiamo problemi a consigliarla anche a chi ha una pelle particolarmente sensibile o soggetta a irritazioni.

 

Pro

Rigenerante: La maschera viso di Dr.Organic contiene sostanze lenitive e rigeneranti in grado di regolarizzare la produzione di sebo; applicata con regolarità, aiuta a rimuovere le impurità e le tossine che rendono il viso spento e opaco.

Azione battericida: Il miele di Manuka, in combinazione agli estratti di Aloe Vera e Caolino, esplica una potente azione disinfettante e antinfiammatoria per difendere la pelle dai batteri e dagli agenti esterni che agevolano la comparsa dell’acne e dei comedoni.

Composizione: È formulata solo con ingredienti 100% naturali, senza aggiunta di OGM, coloranti artificiali e parabeni, ideale quindi anche per chi ha una cute sensibile o reattiva.

 

Contro

Non adatta per le pelli secche: Il prodotto si dimostra valido per le donne con pelle mista o grassa, un po’ meno per chi invece necessita di un trattamento intensivo contro la secchezza epiteliale.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Maschera viso per punti neri

 

2. L’Oréal Paris Maschera per il Viso Anti-imperfezioni all’Argilla Pura

 

La maschera viso anti-imperfezioni di L’Oréal Paris è disponibile in formato da 50 ml a un prezzo ultra competitivo, soprattutto se si opta per la confezione da due pezzi che permette di risparmiare ulteriormente sulla spesa finale. Il flacone in vetro trasparente si propone di preservare l’integrità della composizione e dispone di un tappo in plastica verde che concede un look essenziale e discreto al cosmetico.

Ma veniamo ora alla caratteristica più interessante del prodotto, ossia la sapiente combinazione di tre argille minerali ed estratto di alga marina. Questa formula sinergica è stata studiata per asportare le tossine e le impurità che si depositano sulla pelle quotidianamente, mentre l’estratto di alga marina si occupa di incentivare i naturali meccanismi di riparazione cellulare, garantendo al contempo un ottimale livello di idratazione cutanea.

Rientra tra le offerte più apprezzate del momento anche per la sua spiccata versatilità d’uso, poiché non ha solo la funzione di purificare, ma anche di donare luminosità e compattezza all’incarnato, il tutto senza ungere o provocare quell’odioso effetto lucido.

Per sapere dove acquistare la maschera viso per punti neri di L’Oréal Paris a prezzi bassi, potete utilizzare il nostro link a fine recensione, ma non prima di aver dato un’occhiata ai pro e contro che la caratterizzano.

 

Pro

Composizione: Una maschera che si affida a una sinergica combinazione di tre argille minerali per asportare le impurità e le cellule morte dal viso, così da donare compattezza e luminosità all’incarnato.

Applicazione: Consigliata a chi desidera avere una pelle liscia e vellutata, senza il fastidio di brufoli e punti neri evidenti, vanta una formula densa e cremosa che si stende facilmente e si rimuove con acqua tiepida.

Qualità/prezzo: Il formato da 50 ml viene proposto a un prezzo molto conveniente, soprattutto se si considera la buona qualità degli attivi contenuti. Non solo, optando per la confezione da due flaconi si potrà ottenere un maggiore risparmio.

 

Contro

Pesante: Trattandosi di un cosmetico caratterizzato da una texture abbastanza ricca e corposa, è forse più indicato per la stagione fredda che non per l’estate. Meglio non usarla quando fa molto caldo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Maschera viso nera

 

3. LD Dreamam Maschera Viso Black Mud Peel Off

 

Ormai è risaputo: le black mask sono oggi protagoniste indiscusse della skincare, poiché già dalla prime applicazioni regalano una pelle più pulita e meno grassa. Ma sapevate che una buona maschera viso nera può rivelarsi anche un valido alleato contro l’invecchiamento cutaneo? 

Ebbene sì, con la Black Mud Peel Off di LD Dreamam potrete contrastare efficacemente i segni dello skin aging per donare al viso un aspetto più giovane e levigato, oltre ovviamente a rendere meno evidenti punti neri e imperfezioni.

La sua composizione a base di carbone nero aiuta a migliorare la circolazione sanguigna per ridurre i depositi adiposi che generano gli inestetismi, mentre le sue particelle esfolianti eliminano le cellule morte e le impurità per migliorare la luminosità dell’incarnato, combattere la lucidità cutanea e rendere la pelle più morbida e compatta.

Si fa apprezzare anche per la sua formula delicata che agisce rapidamente senza provocare irritazioni o sfoghi cutanei, ragion per cui può essere usata senza problemi anche da chi ha una pelle molto sensibile o reattiva.

 

Pro

Purificante: Una maschera peel off ad azione purificante che si propone di rimuovere in modo efficace i punti neri e le impurità che si depositano ogni giorno sulla pelle, così da donarle un aspetto più tonico e riposato.

Effetto anti-age: Combina al meglio l’azione di diversi ingredienti per ottenere altrettanti benefici; in particolare, si dimostra un valido alleato contro l’invecchiamento cutaneo, dal momento che il carbone nero stimola la circolazione sanguigna per minimizzare i segni dello skin aging.

Applicazione: Si fa apprezzare soprattutto per la sua spiccata praticità di utilizzo: basta, infatti, stenderne un sottile strato su tutto il viso, evitando labbra e contorno occhi, attendere un tempo di posa di 15 minuti e rimuovere la maschera come fosse una pellicola.

 

Contro

Idratazione: Nonostante la sua polivalenza, il prodotto non vanta alcun effetto idratante; pertanto, chi ha bisogno di un trattamento nutriente dovrà puntare su un cosmetico specifico per pelle secca.

Acquista su Amazon.it (€16.99)

 

 

 

Maschera viso purificante

 

4. Grace & Stella Maschera Viso al Fango del Mar Morto

 

I pareri delle consumatrici sono spesso la migliore linea guida per stabilire la qualità e l’efficacia di un prodotto, e dal momento che quelli relativi a questa maschera viso purificante sono per la maggior parte positivi, non potevano che includerla tra i nostri consigli d’acquisto.

Nonostante il costo alto a cui viene proposto il formato da 200 grammi, rientra tra i cosmetici più venduti e apprezzati sul mercato in virtù di una formulazione ricca e gradevole che agisce in profondità per apportare numerosi benefici alla pelle del viso, a partire proprio dalla sua efficace azione protettiva e anti-age che promette di ridurre e prevenire i segni dell’invecchiamento cutaneo.

Nella sua composizione troviamo un mix di ingredienti pregiati, tra cui il Caolino, il burro di Karitè e la glicerina vegetale, che aiuta a combattere quei fastidiosi inestetismi che minano la luminosità e la compattezza dell’incarnato, e grazie alle proprietà rigeneranti del fango del Mar Morto risulta indicata anche nella cura dell’acne e della cellulite, soprattutto se applicata con costanza.

 

Pro

Versatile: Il prodotto di Grace & Stella si serve del fango del Mar Morto per agire in modo mirato sulla ritenzione idrica e le tossine in eccesso; oltre che sul viso, può essere applicato anche sulle aree estese del corpo, come gambe e glutei, per combattere la cellulite.

Per tutti i tipi di pelle: Se avete un’epidermide molto grassa o acneica noterete una progressiva riduzione del sebo e della lucidità cutanea già dopo due settimane dall’inizio del trattamento, mentre le donne con cute secca potranno fare affidamento sul suo potenziale idratante.

Profumazione: Piace a molte utenti perché caratterizzata da un profumo neutro e delicato che non risulta fastidioso, mentre la sua consistenza molto simile a una crema ne facilita la stesura.

 

Contro

Prezzo: Anche se proposta in formato da 200 grammi, il costo appare abbastanza alto rispetto a quello di altri cosmetici simili.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Maschera viso idratante

 

5. La Chiocciola Maschera Viso alla Bava di Lumaca

 

Una formulazione leggera, setosa e dall’effetto nutriente caratterizza questa maschera viso idratante alla bava di lumaca, pensata sia per le donne sia per la pelle maschile. Scevri di ogni forma di orgoglio patriottico, la riteniamo un’alternativa made in Italy di qualità superiore rispetto a tanti altri prodotti concorrenti perché prodotta solo con ingredienti 100% biologici, mentre la bava viene estratta attraverso un metodo di stimolazione manuale che evita ogni forma di stress alle lumache, senza trascurare il fatto che l’azienda utilizza solo quelle provenienti dal proprio allevamento in Basilicata.

In merito agli effetti, segnaliamo che il prodotto è ricco di collagene, elastina, peptidi e acido glicolico che, agendo in sinergia, favoriscono la riparazione delle ferite cutanee, come quelle causate dall’acne. Le vitamine A ed E, invece, svolgono un’intensa azione antiossidante volta a proteggere le cellule epiteliali dai radicali liberi responsabili del progressivo invecchiamento cutaneo.

L’effetto idratante e anti-age assicurato dalla bava di lumaca viene ulteriormente potenziato dalla scelta dell’azienda di non usare siliconi, parabeni e coloranti sintetici nella formulazione del cosmetico, che rispetta quindi ogni forma di sensibilità cutanea senza aggredire la pelle o provocare irritazioni.

 

Pro

Cicatrizzante: Al centro della formulazione di questa maschera viso idratante troviamo la bava di lumaca, una sostanza dall’elevato potere cicatrizzante che si occupa di riparare e ricompattare la pelle per rendere meno evidenti le cicatrici e i segni lasciati dall’acne.

Anti-Age: Essendo ricca di collagene, peptidi e antiossidanti, è in grado di rallentare l’invecchiamento cutaneo e contrastare l’azione dei radicali liberi responsabili del progressivo cedimento dei tessuti.

Naturale: Questo cosmetico è interamente realizzato in Italia e la bava proviene solo da allevamenti lucani dove le lumache vengono allevate in modo etico e senza subire alcun maltrattamento in fase di estrazione.

 

Contro

Applicazione: I tempi di posa di questa lozione sono abbastanza lunghi e costringono a dedicare qualche minuto in più alla propria skincare quotidiana.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Maschera viso all’argilla verde

 

6. Cattier Maschera Viso all’Argilla Verde e Menta

 

Per una detersione profonda della pelle grassa e mista la soluzione migliore è la maschera viso all’argilla verde e menta di Cattier, che grazie alle sue proprietà astringenti e rinfrescanti si occupa di assorbire il sebo in eccesso e riequilibrare il film idrolipidico del derma.

La sua consistenza fluida, molto simile a quella di una tradizionale crema idratante, la rende estremamente semplice da applicare e da rimuovere: basta, infatti, stendere un leggero strato di prodotto su viso e décolleté (evitando gli occhi e le labbra), lasciare agire da 5 a 10 minuti e risciacquare con acqua tiepida.

Se avete una pelle molto reattiva e temete che un prodotto del genere sia troppo aggressivo per voi, potete stare tranquille perché la maschera di Cattier, oltre ai preziosi estratti di Caolino, Menta Piperita e argilla verde, vanta nella sua formulazione anche la Calendula, che si propone di calmare i rossori e le irritazioni. Considerata la sua composizione 100% biologica, risulta adatta anche per chi soffre di sensibilità cutanea.

 

Pro

Formula pregiata: La maschera viso di Cattier, oltre all’argilla verde, sfrutta un potente mix di ingredienti pregiati, tra cui l’estratto di Menta Piperita e Caolino, per agire negli strati più profondi del derma e contrastare la disidratazione cutanea.

Esfoliante: L’argilla verde attrae come una calamita le tossine e le impurità dal viso per normalizzare la produzione di sebo e ridurre la dilatazione dei pori, mentre la sua azione esfoliante rimuove le cellule morte e promuove il rinnovamento cellulare.

100% bio: Un prodotto biologico esente da fonti potenziali di allergie e intolleranze, come siliconi, parabeni e petrolati; questo significa che può essere utilizzato tranquillamente anche da coloro che hanno una pelle sensibile o reattiva.

 

Contro

Non adatto per le pelli mature: Se cercate una maschera per il viso che aiuti a ridurre le rughe e gli altri segni dell’invecchiamento cutaneo, questa non è la soluzione adatta a voi.

Acquista su Amazon.it (€7.4)

 

 

 

Maschera viso Garnier

 

7. Garnier Maschera Viso Pure Active Intense 3 in 1

 

La maschera viso Garnier Active Intensive è pensata per l’idratazione e la detersione delle pelli impure. Si tratta di un portentoso cosmetico multiuso il cui acquisto non alleggerirà troppo il vostro budget riservato alla cosmesi, dal momento che viene proposto in una confezione contenente due flaconi da 150 ml l’uno, a un prezzo che ha dell’incredibile.

È un concentrato di ingredienti attivi capace di contrastare in modo efficace l’insorgenza di brufoli e punti neri, oltre a ridurre quelli già presenti sul viso. La sua formula arricchita con estratto di mirtillo è in grado di regolare la produzione di sebo per ripristinare il naturale equilibrio idrolipidico della pelle, che apparirà più tonica e radiosa già dalle prime applicazioni.

Tra i suoi principi attivi troviamo anche l’acido salicilico, un potente antibatterico ad azione purificante, che si occupa di detergere la cute in profondità e alleviare eventuali rossori e irritazioni. Ma il protagonista indiscusso di questo cosmetico resta il carbone vegetale, che agisce sulla pelle come una calamita per asportare le tossine e le impurità dal viso, che apparirà subito più sano, liscio e luminoso.

 

Pro

3 in 1: Con un solo prodotto si potrà idratare, purificare ed esfoliare la pelle per ottenere una pulizia profonda del viso. Non solo: grazie all’acido salicilico, un antibatterico naturale dalle proprietà purificanti, si potranno anche attenuare i rossori e le cicatrici lasciate dall’acne.

Con carbone vegetale: Grazie al suo efficace potere assorbente, il carbone vegetale ingloba al suo interno tutte le impurità e le tossine per liberare i pori e rendere la pelle più sana e levigata.

Formato convenienza: La confezione da due flaconi rappresenta un elemento vantaggioso per quante cercano un cosmetico di qualità che sia anche più economico di altri prodotti concorrenti.

 

Contro

Occhio all’INCI: Sebbene gli ingredienti siano perlopiù di origine vegetale, la formulazione del prodotto non è esente da qualche piccola pecca e potrebbe dare origine a intolleranze o reazioni allergiche se si ha una cute reattiva o molto sensibile.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Maschera viso Geomar

 

8. Geomar Maschera Viso Idratante Anti-Stress

 

Molte donne pensano che brufoli e punti neri siano gli unici inestetismi della pelle da contrastare, finendo così per trascurare tutti gli altri fattori che in punta di piedi rendono il viso spento e opaco. È il caso dello stress ossidativo – tanto per citarne uno – che silenziosamente accelera l’invecchiamento cutaneo e porta a un’irreversibile cedimento dei tessuti epiteliali.

Grazie agli estratti di fiore di Altea e Aloe Vera, la maschera viso Geomar si pone come efficace trattamento dermo-cosmetico per apportare idratazione profonda alla pelle e ripristinare il suo naturale equilibrio idrolipidico in soli cinque minuti.

La sua texture leggera, molto simile a un gel, è estremamente piacevole da stendere e adatta per tutti i tipi di pelle, soprattutto per quelle secche e provate dallo stress. Applicando la maschera in maniera costante, si noterà un significativo miglioramento delle rughe e delle cicatrici cutanee, e il viso tornerà di nuovo luminoso, tonico e soprattutto protetto dagli agenti esterni.

 

Pro

Con fiore di Altea biologico: Grazie alle sue proprietà emollienti, lenitive e protettive, l’estratto di Altea, presente in elevata percentuale nella maschera viso Geomar, garantisce un efficace trattamento contro tutte le forme di infiammazione causate da eczemi, acne e dermatiti da contatto.

Contro lo stress ossidativo: L’Aloe Vera, invece, si propone di nutrire in profondità la pelle per apportare la giusta dose di idratazione ai tessuti epiteliali; in questo modo, si potrà rallentare l’invecchiamento cutaneo e favorire il processo di rinnovamento cellulare.

Packaging: L’offerta comprende due confezioni monodose, da 7,5 ml l’una, per essere sicuri di impiegare sempre la giusta quantità di prodotto, e sebbene il costo non figuri tra i più convenienti della nostra lista, i risultati garantiti e la bontà della formurmulazione valgono sicuramente il prezzo pagato.

 

Contro

Risultati a lungo termine: Come tutti i cosmetici a base di ingredienti naturali, per ottenere i risultati sperati dovrete munirvi di tanta pazienza e applicare la maschera con regolarità seguendo le indicazioni riportate in etichetta.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare una maschera viso

 

Prendersi cura della propria pelle è un gesto fondamentale per mantenere l’incarnato fresco, tonico e radioso. Oltre alla tradizionale pulizia del viso e all’idratazione quotidiana attraverso creme e sieri, un altro prezioso alleato nella beauty routine è la maschera di bellezza.

Ne avrete sicuramente viste di tutti i tipi, da quelle shakerabili a quelle in tessuto, passando per le nuove versioni peel off pensate per esfoliare la pelle e liberarla da impurità e tossine. Insomma, non c’è che l’imbarazzo della scelta, ma se vi state chiedendo quale maschera viso comprare, in questa guida vi forniremo alcuni utili consigli per individuare il prodotto più adatto alle vostre esigenze.

 

 

A cosa serve

Ma perché usare una maschera viso quando il nostro beauty case pullula di cosmetici pensati per un trattamento skin care completo? Molte donne, in effetti, considerano le maschere di bellezza come una coccola in più per la propria pelle, ma il motivo per cui sono oggi così in voga tra le beauty addicted di tutto il mondo è perché riescono a prendersi cura dei diversi bisogni del derma in modo mirato e con ottimi risultati.

Questi cosmetici, infatti, contengono una percentuale di principi attivi superiore rispetto alle comuni creme idratanti e si differenziano dai tradizionali trattamenti di bellezza per il loro effetto intensivo e la particolare rapidità d’azione. Senza trascurare, poi, la loro versatilità d’uso: idratanti, rivitalizzanti, esfolianti, nutrienti, purificanti, ce ne sono davvero per ogni esigenza e per tutti i tipi di pelle.

Da qui, è abbastanza chiaro come scegliere una buona maschera viso dipende principalmente dalle proprie caratteristiche cutanee e dal tipo di problematica su cui si vuole intervenire. Proprio come le creme e i sieri della migliore marca, anche questi cosmetici sono formulati con una specifica combinazione di ingredienti volti a ripristinare il normale equilibrio idrolipidico della pelle, ma si dimostrano utili anche per asportare tutte quelle impurità che, depositandosi quotidianamente sul viso, ne compromettono la bellezza e la salubrità, oltre a proteggerlo dall’azione lesiva del photoaging responsabile del progressivo invecchiamento cutaneo.

 

Quale scegliere in base al tipo di pelle

Il primo fattore da considerare quando si deve scegliere una maschera per il viso è la tipologia di pelle: per quelle grasse che tendono a diventare lucide nella zona T e ad avere una predisposizione all’acne, si consiglia un prodotto a effetto purificante che non contenga sostanze oleose. In questo caso gli ingredienti da prediligere sono l’argilla e il miele, che si fanno apprezzare per le loro proprietà astringenti e antinfiammatorie.

Chi, invece, ha una pelle secca o soggetta a desquamazione localizzata dovrebbe preferire un trattamento capace di ripristinare il naturale equilibrio idrolipidico del derma, quindi via libera alle maschere viso ad azione idratante e rivitalizzante. 

Infine, per le pelli miste che presentano le caratteristiche sia dell’epidermide secca sia di quella grassa, saranno perfette le maschere in tessuto con proprietà detox, che si propongono di donare luminosità e compattezza all’incarnato.

Il vostro viso mostra i primi segni dell’età? Tranquille, il panorama cosmetico offre un vasto assortimento di prodotti ad azione anti-age che sfruttano il retinolo, l’acido ialuronico, il collagene e gli antiossidanti per rallentare l’invecchiamento ossidativo e ottenere un immediato effetto liftante.

 

Anche la stagione è importante

Un altro fattore da non sottovalutare quando si sceglie una maschera per il viso è il periodo dell’anno in cui vogliamo utilizzarla, poiché a seconda della stagione la nostra pelle può cambiare le sue esigenze. Per esempio, durante l’estate o anche prima, il viso andrà preparato per l’esposizione ai raggi ultravioletti in vista dell’abbronzatura e, pertanto, sarà necessario liberarla dalle impurità dell’inverno.

In questi casi, è bene optare per delle maschere formulate con estratti di agrumi e vitamina C che aiutino a purificare in profondità il derma e a garantirgli la giusta dose di idratazione. Al contrario, durante il periodo invernale il viso avrà bisogno di maggiore protezione contro il freddo e i continui sbalzi termici, per cui è preferibile scegliere un prodotto in grado di agire sia sullo strato superficiale dell’epidermide, per rinforzare la sua naturale barriera protettiva, sia in profondità per contrastare la disidratazione e potenziare le riserve d’acqua dei tessuti epiteliali.

 

 

I risultati

È chiaro, dunque, che i risultati che si possono ottenere con l’applicazione di una buona maschera viso sono diversi a seconda della sua formulazione, ma tutte, bene o male, riescono a garantire un “trattamento d’urto” per risolvere una specifica problematica. Per alcuni cosmetici (come, per esempio, quelli idratanti) gli effetti sono visibili fin da subito; mentre per altri potrebbero essere necessarie più applicazioni prima di ottenere il risultato sperato, soprattutto se si tratta di prodotti ad azione specifica e mirata.

A ogni modo, per ottenere riscontri apprezzabili, una maschera viso andrebbe sempre applicata con costanza e regolarità, seguendo, ovviamente, le modalità d’uso riportate in etichetta. Infine, non dimenticate di dare un’occhiata all’INCI prima dell’acquisto, in modo da capire se le sostanze contenute possano effettivamente giovare alla vostra pelle senza provocare irritazioni o pericolosi sfoghi cutanei.

 

 

 

Domande frequenti

 

Come fare una maschera per il viso?

Tutti ormai sappiamo che le maschere facciali sono un ottimo espediente per risolvere diverse problematiche cutanee, come l’acne o la mancanza di idratazione, ma quello che probabilmente in pochi sanno è che si possono realizzare dei cosmetici personalizzati direttamente a casa, sfruttando ingredienti che probabilmente sono già presenti nelle nostre dispense. 

Per esempio, si può unire la polpa di un avocado a un cucchiaio di miele e una manciata di farina di avena per ottenere una maschera a effetto purificante e detossinante; oppure mescolare il succo di un limone con 60 ml di olio di oliva e un cucchiaino di zucchero per realizzare un trattamento esfoliante.

 

Quante volte a settimana fare la maschera viso?

La risposta a questa domanda non è sempre univoca, perché molto dipende dalla tipologia di pelle e dal tipo di prodotto. Le maschere a base di argilla, per esempio, andrebbero applicate una volta a settimana per impedire la formazione di microfessurazioni che contribuirebbero a far evaporare più velocemente l’acqua dalle cellule, mentre è consigliabile usare quelle idratanti a giorni alterni per minimizzare la secchezza epiteliale. A ogni modo, si tratta di un’informazione facilmente reperibile sull’etichetta del prodotto.

 

Cosa mettere dopo la maschera viso?

Dipende dal tipo di pelle: per quelle grasse o miste si consiglia un tonico riequilibrante che contribuisca a chiudere i pori e a rinforzare le proprietà astringenti della maschera applicata; mentre in caso di cute secca o soggetta a desquamazione localizzata è preferibile terminare il trattamento con l’applicazione di un siero o di una crema idratante.

 

Come si usa una maschera viso in tessuto?

Di maschere per il viso ne esistono davvero tante, ma quelle che stanno prendendo sempre più piede nel settore della dermo-cosmesi sono le versioni in tessuto. Come il termine stesso suggerisce, si tratta di maschere realizzate con uno speciale tessuto imbevuto di sostanze nutrienti che verranno subito assorbite dalla pelle. A differenza dei prodotti in crema o gel, non richiedono stesura e non necessitano di risciacquo, e questo significa che i principi attivi contenuti continueranno a lavorare anche dopo la rimozione.

 

A cosa serve una maschera viso peel off?

Una maschera peel off consente di rimuovere i punti neri e il sebo in eccesso per rendere ogni zona del volto più levigata e luminosa. La sua formula in crema si stende facilmente e, dopo aver atteso il tempo di posa necessario, si rimuove come fosse una pellicola. Si fa apprezzare, oltre che per la notevole praticità di applicazione, anche per la sua efficacia purificante e risulta anche più conveniente rispetto alle tradizionali maschere con risciacquo perché non c’è alcuno spreco di prodotto.

 

 

 

Come utilizzare una maschera viso

 

Oltre a purificare e idratare la pelle, le maschere di bellezza sono pensate anche per regalare qualche coccola beauty al viso: per questo motivo, prima di procedere con la stesura, è bene ritagliarsi qualche minuto da dedicare esclusivamente a se stesse e alla propria skincare quotidiana. Dal momento che questi cosmetici sono diventati un must have irrinunciabile nella nostra routine di bellezza, per consentirvi di sfruttarne appieno i benefici, abbiamo preparato una piccola guida su cosa fare prima, durante e dopo l’applicazione.

 

 

Prima dell’applicazione

Per prendersi cura del viso in modo appropriato, il primo passo è preparare la pelle al trattamento che si appresta a ricevere. Come? Rimuovendo accuratamente i residui di trucco e le cellule morte che fanno apparire l’incarnato spento e opaco, evidenziando le rughe e altre piccole imperfezioni che andremo a trattare successivamente con la nostra maschera di bellezza.

Eseguire una pulizia profonda è davvero semplicissimo e richiede pochi passaggi: prima di tutto, rimuovete ogni residuo di trucco con un detergente struccante specifico o dell’acqua micellare, facendo attenzione a strofinare il prodotto delicatamente sul viso e sul décolleté per non danneggiare il film protettivo che riveste naturalmente la pelle.

Dopo la detersione, un altro step importante è esfoliare accuratamente la cute per liberarla dalle cellule morte che impedirebbero alla maschera di aderire perfettamente al viso e ai suoi principi attivi di penetrare in profondità. 

Prima di passare alla fase successiva, se lo ritenete opportuno, applicate un buon tonico viso per riequilibrare il pH naturale del derma, e se la vostra routine di bellezza prevede anche l’utilizzo di un siero rimpolpante, vi consigliamo di applicarlo prima della maschera, in modo da intensificare il trattamento grazie alla sua formulazione fluida e nutriente.

 

Durante l’applicazione

Fatta eccezione per i prodotti in tessuto, che vanno semplicemente appoggiati sul viso, le maschere in gel o in crema vanno stese con un pennellino a setole morbide o spalmate direttamente con le dita. Per farle aderire perfettamente alla pelle, senza risultare troppo fastidiose o particolarmente appiccicose, è bene partire dal mento per poi passare al collo e terminare con guance e fronte, evitando il contorno occhi e il perimetro delle labbra.

In genere, sull’etichetta del prodotto viene riportano il tempo di posa necessario affinché i principi attivi contenuti facciano il loro lavoro, ed è pertanto importante rispettarlo alla lettera per un utilizzo corretto. In effetti, sono in molte a pensare che lasciando agire la maschera più lungo di quanto indicato si intensificherà la sua efficacia, ma in realtà si potrebbe addirittura avere un effetto contrario. 

Alcuni principi attivi, infatti, potrebbero occludere i pori e impedire alla pelle di respirare, mentre altri potrebbero addirittura risultare aggressivi per la pelle se lasciati in posa per un tempo maggiore rispetto a quello consigliato.

 

 

Dopo l’applicazione

A differenza di quanto si possa immaginare, anche la rimozione della maschera richiede alcuni accorgimenti, come per esempio utilizzare dell’acqua tiepida o servirsi di una spugna apposita per eliminare ogni residuo in modo delicato senza causare irritazioni. Diverso, invece, il caso delle maschere peel off o in tessuto: qui la rimozione non richiede l’ausilio di acqua, poiché una volta asciugate si tolgono come una pellicola.

A ogni modo – a prescindere dalla tipologia di maschera – per sfruttarne al meglio tutti gli effetti benefici, al termine del trattamento si consiglia di applicare un generoso strato di crema idratante per mantenere il viso morbido ed elastico più a lungo, oppure in caso di pelle grassa un tonico riequilibrante che aiuti a chiudere i pori e a intensificare le proprietà astringenti della maschera.

 

 

Ultimo aggiornamento: 20.02.20

 

Pelle più giovane di dieci anni senza bisturi? Con i nuovi trattamenti estetici non invasivi e le ultimissime tecniche anti-age oggi è possibile.

 

Sono tante le pratiche estetiche a cui fanno ricorso ogni anno donne e uomini di tutto il mondo. Negli ultimi tempi, infatti, si è avuto un incremento del 40% dei trattamenti di medicina estetica, meno invasivi rispetto ai veri e propri interventi chirurgici e anche più sicuri. Ma sono davvero efficaci? E quali benefici possono apportare al paziente?

La risposta a questi quesiti non è sempre univoca e dipende da una serie di fattori che sono spesso di natura strettamente soggettiva. 

 

Cos’è la medicina estetica

Fino a qualche anno fa, quando si parlava di bellezza intesa come miglioramento dell’aspetto fisico, si pensava subito alla chirurgia estetica ma verso la fine degli anni ’80 ha iniziato a fare la sua progressiva comparsa la cosiddetta “medicina estetica”, una particolare branca della medicina tradizionale, volta al trattamento di specifici difetti fisici attraverso procedure a bassissima invasività.

Molto apprezzata anche dalle celebrità di Hollywood, come Jennifer Aniston tanto per citarne una, si pone come valida alternativa ai drastici interventi chirurgici per risolvere quei disagi fisici che spesso si rivelano invalidanti per quelle donne che vogliono apparire sempre giovani e attraenti nonostante lo scorrere del tempo.

Per quanto affidabile e poco invasiva, la medicina estetica può comunque comportare diversi effetti collaterali, per cui è sempre preferibile affidarsi a medici professionisti e ricorrere al trattamento solo quando il proprio stato di salute generale lo consente, in modo da evitare inutili rischi. Per quanto riguarda, invece, le procedure da preferire, la scelta appare piuttosto complicata, visto che ne esistono talmente tante da generare confusione.

A tal proposito è bene fare una distinzione tra le tecniche più richieste e utilizzate con profitto da diversi anni perché capaci di offrire risultati tangibili con costi ragionevoli e un livello di sicurezza abbastanza elevato; e quelle che, invece, sono di dubbia efficacia e anche meno sicure, perché relativamente nuove e spesso anche frutto di pubblicità ingannevoli.

Per rendervi la vita più semplice, di seguito abbiamo elencato i cinque trattamenti a cui ci si può affidare con tranquillità senza correre rischi.

 

 

1. Tossina botulinica

Il botulino, o tossina botulinica, è un farmaco utilizzato ormai da anni nel campo della medicina estetica per spianare e attenuare le rughe d’espressione del viso. Si tratta di una proteina neurotossica, prodotta dal batterio Clostridium botulinum, che inibisce temporaneamente e in modo reversibile la trasmissione degli impulsi che fanno contrarre i muscoli, agendo direttamente sul rilascio dei neurotrasmettitori tra le sinapsi nervose. Ne esistono sette isoforme, ma le più utilizzate in estetica sono il Botox, il Dysport e il Vistabex.

Le iniezioni di botulino permettono di correggere quei piccoli difetti cutanei che si formano con l’avanzare dell’età, e vengono spesso utilizzate anche per curare l’iperidrosi, ossia l’eccessiva sudorazione che colpisce in particolar modo le zone delle mani e delle ascelle.

Viene inoculata sottopelle attraverso un sottilissimo ago nel pieno rispetto dei protocolli internazionali e delle norme igienico-sanitarie italiane di riferimento, sebbene spesso il trattamento, ove necessario, viene personalizzato in base alle esigenze anatomiche del paziente.

La tossina botulinica si fa apprezzare anche per la sua capacità di regolare l’attività dei muscoli mimici antagonisti, ottenendo così un effetto lifting non invasivo capace di risollevare le sopracciglia cadenti, di ridurre le zampe di gallina e le rughe perilabiali, e di rimodellare i contorni del viso, tra cui anche naso e mento. Il trattamento viene eseguito in ambulatorio e ogni seduta ha una durata di circa 20/30 minuti. I risultati sono riscontrabili già dopo qualche giorno e durano al massimo fino a sei mesi.

L’uso del botulino come farmaco è controindicato: in caso di allergie alla tossina o a uno degli eccipienti contenuti nel farmaco da iniettare; nei soggetti affetti da patologie che interessano muscoli e sistema nervoso, come la neuropatia periferica, la sindrome di Lambert-Eaton e la sclerosi laterale amiotrofica; in presenza di infezioni o infiammazioni a carico della zona da trattare; e durante la gravidanza o l’allattamento.

 

2. Filler a base di acido ialuronico

L’acido ialuronico (ecco la lista dei migliori prodotti) più venduto online e apprezzato nel campo della medicina estetica è sicuramente quello in forma di gel iniettabile, “patriarca” dei filler riassorbibili è oggi largamente utilizzato per donare turgore e compattezza alle pelle, soprattutto in prossimità delle labbra e degli zigomi. Tra i suoi tanti impieghi, il più richiesto è quello volto alla correzione degli inestetismi causati dall’invecchiamento cutaneo, come rughe e cicatrici lasciate dall’acne. Anche in questi casi, le iniezioni vengono rigorosamente eseguite in regime ambulatoriale e il dolore percepito è abbastanza sopportabile.

Data la bassa invasività della sostanza, che risulta assolutamente dermocompatibile, il trattamento non richiede anestesia e non dovrebbe causare reazioni allergiche.

Tuttavia, dopo l’iniezione, la zona trattata potrebbe manifestare alcuni effetti secondari, come gonfiore o arrossamenti, ma nulla che non si risolva spontaneamente nel giro di pochi giorni.

 

3. Lifting con ultrasuoni

Niente bisturi né tempi di recupero per il nuovo lifting con ultrasuoni micro-focalizzati, un trattamento nato in America nel 2009, che con una seduta di appena un’ora si propone di stimolare la naturale produzione di collagene e, quindi, di attenuare il processo di invecchiamento della pelle.

Questo particolare lifting non chirurgico ha in breve tempo conquistato il cuore di oltre un milione di donne in tutto il globo, perché senza alcuna invasività e senza lasciare cicatrici riesce a dare sostegno ai tessuti epiteliali soggetti a cedimento, in particolare quelli del viso e del décolleté, per un risultato assolutamente naturale e più duraturo. Ma c’è sempre il rovescio della medaglia, che in questo caso è rappresentato da un costo piuttosto alto; rappresenta comunque la soluzione migliore per chi non vuole sottoporsi a diverse sedute o affrontare tempi di ripresa molto lunghi.

 

4. Peeling chimico

Uno dei trattamenti più antichi della medicina estetica, tuttora impiegato in modo frequente e con grandi risultati, è il peeling chimico, ossia l’applicazione di maschere e sieri ad alto contenuto di acidi che aiutano ad affinare la grana della pelle grazie a un’efficace azione esfoliante.

Le aree che traggono i maggiori benefici da questa tecnica sono il viso, il décolleté e le mani. Anche questo trattamento prevede tempi di ripresa estremamente rapidi e non pregiudica in alcun modo la vita del paziente, dato che non lascia segni evidenti né altri effetti secondari.

 

 

5. Criolipolisi

Terminiamo con un trattamento dedicato al benessere di tutto il corpo basato su una tecnica estetica non invasiva volta a combattere i cuscinetti di grasso e le adiposità che si accumulano in diverse zone corporee, per esempio nell’addome e nei glutei.

La tecnica sfrutta l’azione del freddo per innescare nelle cellule adipose un processo chimico detto lipolisi, ossia la progressiva degradazione dei lipidi, che verranno poi smaltiti dall’organismo in modo naturale. In questo modo, si ottiene una riduzione visibile degli eccessi adiposi nell’area trattata senza ricorrere al bisturi, come invece accade con l’invasiva liposuzione.

 

 

Ultimo aggiornamento: 20.02.20

 

Avere un viso giovane, morbido, elastico e luminoso non è più solo un sogno! Con una corretta idratazione, tra acqua e cosmetici, si possono ottenere grandi risultati.

 

Per avere una pelle sempre liscia, morbida e giovane esiste un’abitudine che non deve assolutamente mancare nella propria routine di bellezza quotidiana: l’idratazione epidermica. Il benessere della nostra pelle scaturisce, infatti, dal nutrimento che le si fornisce tramite il giusto apporto d’acqua, una dieta equilibrata ricca di frutta e verdura, e l’uso dei cosmetici giusti.

A tal proposito, è fondamentale individuare la formula idratante più adatta alla tipologia della propria pelle e imparare a utilizzarla in modo corretto e costante, così da avere un viso morbido, liscio e giovane a lungo.

 

Preservare l’idratazione cutanea a ogni età

Il sogno di ogni donna è quello di avere un viso setoso e perfettamente idratato, soprattutto se si ha la sfortuna di avere una pelle particolarmente secca o soggetta a desquamazione.

Tra i venti e i trent’anni l’utilizzo di antiossidanti come retinolo, coenzima Q10 e licopene a scopo preventivo deve essere associato ai tradizionali cosmetici idratanti, in modo da impedire il progressivo inaridimento della pelle; mentre a partire dai quarant’anni, ossia quando la naturale produzione da parte dell’organismo di collagene ed elastina inizia a diminuire drasticamente, è consigliabile ricorrere a specifici prodotti anti-age, poiché in questa fase della vita i tessuti epiteliali cominciano a perdere tono e consistenza, con la conseguente comparsa di rughe e altri antiestetici inestetismi.

In ogni caso, già verso i venticinque anni è importante modificare la propria beauty routine introducendo creme e sieri ad azione idratante. È l’età in cui la pelle del viso è al massimo del suo splendore, ma è anche il periodo in cui comincia inesorabilmente il suo declino: la produzione di sebo tende a calare, così come la sua capacità di trattenere le particelle d’acqua, e rallenta progressivamente anche il normale ricambio cellulare.

Ma non fatevi prendere dal panico, perché non stiamo insinuando che a venticinque anni il viso è già irrimediabilmente invecchiato, anzi quelli appena delineati sono normalissimi processi fisiologici ancora impercettibili a quell’età. Ecco perché è proprio questo il momento migliore per intraprendere un’azione preventiva contro la secchezza e l’invecchiamento cutaneo. Come? Con una buona idratazione quotidiana naturalmente!

Applicare con costanza una crema viso idratante o un buon acido ialuronico garantisce alla pelle tutte le sostanze di cui ha bisogno per apparire al top, così da contrastare l’azione dannosa degli agenti esterni e di qualsiasi altro elemento minacci di seccarla o rovinarla.

 

 

Prima di tutto una corretta alimentazione

Come si evince dal titolo, non v’è dubbio alcuno che il proprio stile di vita, e in particolare le abitudini alimentari, può influenzare non solo il benessere del nostro organismo ma anche quello della pelle. Ludwig Feuerbach diceva “Noi siamo quello che mangiamo” e in effetti il pensiero del filosofo rispecchia appieno la realtà. Per ottenere una pelle sempre giovane, compatta e idratata è importante seguire un’alimentazione equilibrata che apporti all’organismo la giusta quantità di lipidi e acqua, altrimenti è chiaro che il tegumento, in quanto organo più esteso del nostro corpo, tenderà a diventare più fragile e quindi secco.

È fondamentale, dunque, bere molti liquidi e introdurre nella propria dieta alimenti ricchi di acqua, un’abitudine che non solo si propone di garantire benessere alla pelle, ma anche di diminuire il rischio di malattie e cali di energia. Per mantenere la cute fresca e idratata bisognerebbe bere da uno a due litri d’acqua al giorno, e non sarebbe male prepararsi di tanto in tanto una buona tazza di tè verde o altri infusi a effetto disintossicante. In questo modo, si elimineranno anche tutte le tossine in eccesso e si potrà purificare l’organismo.

Altre sostanze che non dovrebbero mai mancare nel proprio regime alimentare sono: le vitamine del gruppo B, che incentivano le reazioni metaboliche del corpo volte alla produzione delle fibre di collagene ed elastina; la vitamina C, che grazie alle sue numerose proprietà antiossidanti aiuta a minimizzare la proliferazione dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento cellulare; e acidi grassi essenziali, quali Omega 3 e 6, in genere contenuti negli oli vegetali (di oliva, soia, girasole, noci, ecc.), nel pesce (acciughe, salmone e tonno), e nella frutta secca.

 

Cosa rende la pelle idratata

Più passa il tempo più la pelle del viso tende a perdere consistenza e la sua naturale capacità di trattenere l’umidità, e non appena entra in riserva d’acqua, comincia a diventare opaca, arida e anche più sensibile. Per prevenire il problema, bisognerebbe mantenere un livello ottimale di idratazione cutanea applicando in modo costante un buon cosmetico idratante.

L’acqua, in effetti, è un elemento fondamentale per il benessere della pelle e ha il compito cruciale di garantirle una condizione di perfetta funzionalità e di migliorarne l’aspetto generale. A giocare un ruolo chiave è anche l’acido ialuronico (controllare qui la lista delle migliori offerte) che, agendo in profondità, riesce ad assorbire e trattenere le particelle d’acqua, mentre le acquaporine (particolari proteine che le conducono verso gli strati più superficiali della cute) contribuiscono a mantenere inalterato l’equilibrio idrico della pelle. Questi meccanismi metabolici, però, risultano efficaci solo se il film idrolipidico cutaneo è integro e compatto, cosa che si può ottenere con l’applicazione regolare di un idratante appropriato. 

 

 

Come idratare la pelle del viso

Per idratare la pelle a fondo sicuramente utilizzare in maniera costante una crema viso di qualità è un buon punto di partenza. Prima di iniziare il trattamento, però, è bene procedere per gradi e iniziare innanzitutto da una corretta pulizia del viso. Una volta pulito e deterso le zone di interesse con un tonico o un latte detergente, si può applicare una crema o un siero a base di sostanze che ricompattano la cute, come nel caso della glucosamina, dei ceramidi e del retinolo. Insomma, cosmetici idratanti sì, ma solo quelli ad azione mirata!

Per garantirsi il massimo dell’idratazione si possono utilizzare anche cosmetici a base di oli vegetali, come quelli di argan e di jojoba, e se volete ottenere un trattamento ancora più intensivo, potete anche applicare una o due volte a settimana una maschera viso ricca di vitamine A ed E, che agendo in sinergia riparano le strutture cellulari danneggiate dai raggi UV e dall’inquinamento atmosferico, oltre a correggere i segni dell’invecchiamento cutaneo.

A proposito di raggi UV, un ulteriore accorgimento per preservare l’idratazione della pelle facciale è quello di utilizzare a una crema viso con filtri solari, in modo che la cute sia sempre protetta dagli effetti dannosi del photoaging.

Infine, ricordate che è sempre preferibile applicare al mattino una crema che apporti idratazione ai tessuti cutanei, mentre prima di andare a dormire un cosmetico specifico per la notte, così da aiutare i tessuti epiteliali ad autorigenerarsi naturalmente durante il riposo.

 

 

Ultimo aggiornamento: 20.02.20

 

Tutti i motivi per cui può essere considerato un efficace trattamento antiage per la pelle e perché viene oggi definito un “elisir di giovinezza”

 

Se il vostro chiodo fisso è avere una pelle giovane e tonica, la soluzione più efficace risiede nell’utilizzo del miglior acido ialuronico per le vostre esigenze. Facile a dirsi ma non altrettanto a farsi, visto che in commercio esistono talmente tanti prodotti a base di questa miracolosa sostanza che scegliere quello più adatto al proprio tipo di pelle diventa un’impresa a dir poco titanica.

Non temete, siamo qui proprio per facilitarvi il compito e risolvere ogni vostro possibile dubbio sulla natura e le funzioni di quello che viene oggi definito un vero e proprio “elisir di giovinezza”. Procediamo, dunque, per gradi iniziando a dare una risposta esaustiva alla domanda “a cosa serve l’acido ialuronico?”, per poi concentrarci su tutti i suoi possibili utilizzi in campo cosmetico e non solo.

 

Che cos’è l’acido ialuronico

La prima cosa da sapere è che l’acido ialuronico è una componente fondamentale dei tessuti connettivi che conferisce resistenza ed elasticità alla pelle, oltre a formare un’efficace barriera che la protegge dagli effetti deleteri degli agenti esterni. Da un punto di vista chimico, viene classificato come glicosaminoglicano, in quanto composto da lunghe catene di zuccheri semplici, quali l’acido glucuronico e la N-acetilglucosamina. L’elevata polarità di queste sostanze conferisce alla molecola una buona solubilità in ambiente acquoso, ragion per cui riesce a garantire un’idratazione profonda ai tessuti interessati, proteggendoli al contempo da tensioni e sollecitazioni intense.

Si tratta, dunque, di una sostanza naturalmente prodotta dal nostro corpo, presente nella pelle, nel tessuto epiteliale, nelle articolazioni e negli occhi. La sua particolare struttura chimica gli permette di assorbire molte particelle d’acqua, divenendo uno strumento eccezionale per avere una cute sempre idratata, elastica e compatta.

 

 

Le proprietà

L’acido ialuronico presenta tante proprietà che lo rendono prezioso sia in campo cosmetico sia in ambito farmaceutico e medico. A rendere straordinario il suo impiego è la particolare capacità di legarsi alle molecole d’acqua e ad altre sostanze, caratteristica che consente di realizzare prodotti utili per la salute delle articolazioni e per il benessere del derma.

È capace di lubrificare le giunture cartilaginee, allo scopo di proteggerle dall’usura e dai carichi eccessivi, nonché di stimolare la produzione del tessuto connettivo e del collagene, in modo da tutelare l’organismo dall’attacco di batteri e virus. Inoltre, questa molecola è in grado di espletare importanti funzioni antinfiammatorie e cicatrizzanti, tanto è vero che viene utilizzata con successo nei trattamenti contro l’acne, le ulcere e le ustioni.

Grazie alle sue proprietà anti-age riesce a donare maggiore elasticità alla pelle ed è in grado di ridurre visibilmente i segni dell’invecchiamento cutaneo, stimolando allo stesso tempo la rigenerazione delle cellule epiteliali. In questo modo, la pelle, specialmente quella del viso, riesce a riacquistare la compattezza e la tonicità che con l’avanzare dell’età vengono inesorabilmente a mancare. Non è un caso, infatti, che la molecola venga oggi utilizzata in diversi trattamenti cosmetici volti a distendere le rughe del volto e a prevenirne la ricomparsa. Visto, poi, che stiamo parlando di una sostanza dermocompatibile, può essere utilizzata in tutta sicurezza su ogni tipo di pelle.

 

Le controindicazioni dell’acido ialuronico

L’uso topico non presenta particolari effetti collaterali, soprattutto quando utilizzato in ambito cosmetico, perché non provoca sensibilità ed è ben tollerato dall’epidermide. Tuttavia, a seguito dell’utilizzo di un siero o di una crema all’acido ialuronico, in alcuni casi potrebbero manifestarsi rossori, gonfiori, infiammazioni o prurito nelle aree di interesse. Questi effetti, però, non sono ascrivibili alla molecola in sé, ma piuttosto al fatto che è stato impiegato un cosmetico non di buona qualità.

Non sono stati, invece, registrati effetti collaterali a seguito dell’ingestione dell’acido ialuronico per via orale sotto forma di integratore o farmaco, e neanche in caso di infiltrazioni attraverso liquido sinoviale. Tuttavia, prima di intraprendere un qualsiasi trattamento è sempre opportuno accertarsi che non ci siano infezioni batteriche o di tipo virale in atto, soprattutto se l’intenzione è quella di ricorrere a filler a base di acido ialuronico da inoculare nelle zone del volto più sensibili, come labbra e contorno occhi. In questi casi, l’iniezione potrebbe comportare conseguenze piuttosto gravi e pericolose, come ecchimosi, ematomi, lividi e, in casi estremi, anche la formazione di ascessi.

Negli ultimi tempi, si sta facendo largo impiego della molecola anche per curare alcune infezioni oculari e, per il momento, non sono stati segnalati particolari controindicazioni nemmeno in questo ambito. A ogni modo, è sempre consigliabile declinare l’utilizzo della sostanza sotto ogni forma durante la gravidanza e l’allattamento, così da evitare ogni tipo di problema sia al bambino sia alla madre.

 

Come utilizzare un ialuronico puro

Nell’ambito della skincare, molti esperti raccomandano di utilizzare un siero all’acido ialuronico puro ad alta concentrazione. Questo perché molte creme viso ne contengono una quantità piuttosto scarsa e sono, in genere, formulate con l’aggiunta di altri ingredienti di derivazione chimica spesso dannosi per l’organismo.

La cosa migliore è, quindi, acquistare un gel o un siero che contenga solo acido ialuronico puro – meglio ancora se biologico e ad alto peso molecolare – e applicarlo dopo aver deterso la zona di interesse e prima di procedere ai trattamenti di bellezza successivi. Se si utilizza un gel puro lo si potrà applicare anche sul contorno occhi e sulla zona perilabiale per prevenire e ridurre le rughe d’espressione e le antiestetiche “zampe di gallina”.

Inoltre, si può usare l’acido ialuronico puro tutti i giorni e in qualsiasi momento della giornata, sia la mattina sia la sera prima di andare a dormire, e lo si può applicare tranquillamente su tutto il viso e anche sul décolleté per migliorarne la compattezza e l’elasticità.

 

 

Come realizzare una crema all’acido ialuronico in casa

Sarà anche vero che gli esperti consigliano di utilizzare un acido ialuronico puro e biologico, ma è altrettanto vero che quelli di buona qualità provvisti di un INCI “green” accettabile sono, in genere, i più costosi. Se non avete intenzione di spendere troppo potete anche realizzare un buon cosmetico anti-age direttamente tra le mura domestiche ricorrendo al fai-da-te. 

Quello che occorre è acqua distillata, sodio ialuronato in polvere e, se volete che il preparato duri più a lungo, qualche goccia di conservante naturale. Una volta aggiunta la polvere all’acqua distillata (senza però mescolare), lasciate riposare il composto per almeno otto ore in un luogo buio. In questo modo si formerà un gel viscoso, che andrà mescolato fino a quando non assumerà una consistenza liscia e omogenea. A questo punto potete aggiungere qualche goccia di conservante e iniziare a utilizzare la vostra crema antirughe fatta in casa.

 

 

Ultimo aggiornamento: 20.02.20

 

Sono finiti i tempi in cui bastava avere un addominale scolpito per essere sexy: oggi sempre più maschi ricorrono alla chirurgia estetica per aumentare il volume delle labbra con iniezioni a base di acido ialuronico

 

Rughe e inestetismi non sono un problema che riguarda solo le donne, e lo dimostra il fatto che sempre più uomini scelgono di sottoporsi a trattamenti estetici per apparire più giovani dell’età anagrafica. Tra le sostanze più utilizzate dall’universo maschile per donare nuova vita alla pelle del viso si colloca l’acido ialuronico, presente nella maggior parte delle creme anti-age maschili e indispensabile per ripristinare la tonicità epidermica.

Ricorrere a filler e iniezioni a base di questa sostanza è una tendenza in costante crescita tra gli uomini: negli ultimi anni sono aumentati esponenzialmente gli interventi maschili di chirurgia estetica per avere labbra più voluminose, mentre negli Stati Uniti sono addirittura raddoppiati i trattamenti a base di filler dermici per la correzione di diversi difetti estetici e per il  ringiovanimento della pelle.

 

Interventi di chirurgia per avere labbra voluminose

L’interesse del sesso forte di voler apparire attraente agli occhi della controparte femminile nonostante l’avanzare dell’età, spinge molti a sottoporsi a trattamenti estetici che fino a qualche anno fa erano inconcepibili. Secondo gli esperti, a far opera di convincimento sugli uomini sono in genere mogli e fidanzate, e il target che decide di farsi ritoccare chirurgicamente labbra, naso e zigomi è sempre più giovane, tra i 20 e 35 anni.

L’acido ialuronico viene iniettato in piccole quantità nella zona interessata mediante una siringa dotata di un ago molto sottile. Le iniezioni vengono eseguite in ambulatorio o presso dei centri estetici specializzati, e il trattamento ha una durata di 15-30 minuti.

In genere, non si fa ricorso all’anestesia locale, ma si può comunque utilizzare una pomata anestetica nel caso in cui il paziente che si sottopone all’intervento presenta una bassa soglia di sopportazione del dolore, sebbene si tratta in genere di procedure poco invasive e per nulla dolorose. Solo nel caso di trattamenti con filler a lungo riassorbimento, come quelli impiegati per eliminare il doppio mento o per trattare la regione degli zigomi, si ricorre a un’anestesia locale o tronculare.

A ogni modo, il risultato è immediato e già dopo le prime sedute si noterà un netto miglioramento del volume e della forma della zona trattata. Non sono stati finora registrati effetti collaterali gravi, ma può comunque manifestarsi un lieve gonfiore nell’area perilabiale nei primi due o tre giorni successivi al trattamento, niente però che non si possa facilmente coprire o nascondere fino al completo riassorbimento.

 

 

Filler all’acido ialuronico anche per la bellezza maschile

L’ottimo acido ialuronico impiegato in medicina estetica è rigorosamente sintetizzato in laboratorio con l’aiuto di particolari tecniche biotecnologiche. Dato che questi filler sono biocompatibili, risultano assolutamente sicuri e privi di controindicazioni, per cui non sarà necessario effettuare alcun test preliminare per scongiurare potenziali reazioni allergiche.

Le iniezioni a base della molecola sono la soluzione ideale quando si tratta di nutrire e idratare la pelle, ripristinare il volume di specifiche zone del volto e scolpire la forma del naso, degli zigomi e del mento.

Inoltre, ha il grande pregio di essere molto malleabile e di adattarsi facilmente alla regione in cui viene inoculata; pertanto, una volta iniettato, il medico potrà massaggiare il filler per garantire che ci sia una distribuzione uniforme tra i tessuti connettivi.

 

Quanto dura un filler a base di acido ialuronico

L’acido ialuronico è una molecola riassorbibile la cui durata varia dai due mesi ai due anni e può essere classificato in base ai tempi di riassorbimento, per cui possiamo fare una distinzione tra: filler a rapido assorbimento, con durata di due/tre mesi; filler a medio riassorbimento, sui cinque/sei mesi; e filler a lento riassorbimento, capaci di garantire effetti visibili anche fino a due anni.

Da qui è già chiaro che l’acido ialuronico non è un riempitivo permanente e questo vuol dire che, una volta inoculato, viene gradualmente metabolizzato dall’organismo, con una tempistica diversa a seconda della particolarità dell’area trattata e del tipo di prodotto impiegato. Una volta che l’effetto riempitivo e volumizzante si sarà attenuato, si potrà ripetere il trattamento periodicamente.

 

Filler dermici: cosa sono e perché anche gli uomini vi ricorrono

Mai sentito parlare di trattamenti estetici con filler dermici per uomini? Si tratta, in pratica, di tecniche non chirurgiche utilizzate per ottenere il ringiovanimento naturale di una specifica zona del corpo senza, però, compromettere la mascolinità. Quella più utilizzata consiste in iniezioni a base di tossina botulinica, che contribuisce a rilassare i muscoli del viso per distendere le rughe e impedirne la ricomparsa. Si tratta di una procedura immediata, poco invasiva ma efficace, che non richiede eccessivi tempi di recupero.

Un altro filler dermico molto apprezzato dagli uomini, soprattutto da quelli che puntano ad aumentare il volume delle labbra e degli zigomi, i primi ad accusare i segni del tempo, sono quelli formulati a base di acido ialuronico e collagene. Una volta iniettate, queste sostanze vanno a costruire una sorta di “impalcatura” molecolare elastica e flessibile, capace di conferire pienezza all’area trattata, assecondando il disegno naturale e i movimenti dei muscoli facciali. Questi trattamenti hanno, in genere, una durati di sei mesi.

Un altro utilizzo dei filler dermici per gli uomini è quello di migliorare il mento o il naso per donare armonia al viso, oppure di curare specifiche malattie della pelle e correggere alcuni difetti, come le macchie solari, i capillari rotti e le cicatrici lasciate dall’acne.

 

 

Acido ialuronico o collagene? Anche gli uomini possono scegliere

La popolarità delle iniezioni di acido ialuronico tra gli uomini è oggi seconda solo a quella delle celebrità che ne fanno ricorso. Di recente, però, in molti hanno riscoperto i vantaggi e i benefici derivanti dall’utilizzo del collagene, tanto è vero che sono sempre di più gli uomini che fanno ricorso ai filler a base di questa fenomenale sostanza proteica.

Proprio come l’acido ialuronico, anche il collagene è una componente proteica naturalmente presente nei tessuti connettivi, che si occupa nello specifico di fornire struttura alla pelle e di concederle le tipiche caratteristiche di resistenza e compattezza.

Dopo l’iniezione, però, la sostanza inoculata non si comporta come il collagene prodotto spontaneamente dalle cellule dell’organismo, ma si propone semplicemente di ripristinare la densità dei tessuti. Inoltre, il collagene contenuto in questi filler è principalmente di origine animale, per cui potrebbero verificarsi pericolosi effetti collaterali dovuti ad allergie o intolleranze, con conseguenti ricadute infiammatorie sull’organismo.

 

 

Ultimo aggiornamento: 20.02.20

 

Biorivitalizzazione con acido ialuronico: tutto quello che c’è da sapere sui cosmetici di nuova generazione formulati per ridurre i segni dell’invecchiamento cutaneo, e non solo.  

 

Oggi, l’utilizzo di sieri e filler all’acido ialuronico è in continua crescita. Si tratta di una tendenza che riguarda anche il nostro Paese, che negli ultimi anni ha conosciuto un incremento vertiginoso, di oltre il 30%, delle procedure non invasive basate sull’impiego di filler e botox formulati a base di acido ialuronico e peptidi biomimetici.

Dunque, se vi state chiedendo come individuare un cosmetico antirughe efficace, la risposta è proprio nella biorivitalizzazione, che potremmo definire l’ambasciatrice dell’anti-age e della giovinezza. In questo articolo cercheremo di fare luce sull’argomento e di fornirvi tutte le informazioni per saperne di più su questi nuovi “amici” della bellezza.

 

Cosa sono i peptidi biomimetici e perché sono così efficaci

Per capire perché i peptidi biomimetici sono oggi così richiesti e apprezzati dalle beauty addicted di tutto il mondo, bisogna innanzitutto capire cosa sono, in quali cosmetici è possibile trovarli e come riconoscerli, per poi passare alla scelta del prodotto antirughe in grado di rispondere alle esigenze specifiche della propria pelle.

Si tratta, in pratica, di molecole dinamiche e attive create in laboratorio, che riproducono l’effetto delle proteine naturali già presenti nel nostro organismo, ossia quello di agire sulle membrane cellulari con l’obiettivo di riattivarne il naturale funzionamento. Per essere più precisi, i peptidi sono catene di amminoacidi che si propongono di stimolare la produzione di collagene ed elastina per formare una sorta di “impalcatura” a sostegno delle cellule cutanee, in modo da favorire il rinnovamento del tessuto connettivo e ripristinare la compattezza della pelle.

Ne esistono diverse tipologie e ognuna è formulata per svolgere una specifica funzione, tra cui stimolare, rimodellare, tonificare e riparare i tessuti cutanei che, col passare del tempo, hanno perso buona parte della loro naturale elasticità. La loro efficacia, dunque, è data dalla loro capacità di arrivare direttamente al nucleo delle cellule per svolgere funzioni diverse a seconda della catena di amminoacidi di cui sono composti. Per esempio, possono stimolare la produzione di collagene e di acido ialuronico per garantire un effetto liftante capace di ridurre le rughe e prevenire l’invecchiamento cutaneo.

 

 

Come riconoscere una cosmetico a base di peptidi biomimetici

Per individuare un cosmetico anti-age efficace la prima cosa da fare è leggere l’INCI, ossia l’elenco degli ingredienti che compongono il prodotto. Se quello che si sta acquistando è un siero, un filler o una crema all’acido ialuronico a base di peptidi biomimetici è chiaro che li ritroveremo nella suddetta lista, ma bisogna prestare attenzione perché il nome commerciale della sostanza varia a seconda della sua struttura.

La nomenclatura più comune è “Argireline”, una molecola che imita, per così dire, la tossina botulinica per espletare un effetto rilassante sulla pelle volto a riempire e distendere le rughe d’espressione. Altre diciture che si possono trovare nell’INCI sono: “Pentapeptide-18”, molto utile in caso di rughe profonde nella zona T del volto e in prossimità del contorno occhi; “Matrixyl”, spesso impiegato in combinazione con l’Argirelina, a cui viene affidato il compito di stimolare la produzione di collagene e acido ialuronico per favorire la tonicità e la compattezza della pelle; e, infine, “Oligopeptide-68”, la cui funzione è quella di ridurre le macchie senili e di donare luce all’incarnato, dato che interviene direttamente sulla produzione di melanina.

Trattandosi di una sostanza di ultima generazione, sulla quale esiste ancora un certo scetticismo, è chiaro che la scelta del cosmetico antirughe dovrà essere accompagnata da una certa cautela, anche se, in genere, il suo utilizzo non comporta particolari reazioni allergiche ed effetti collaterali.

 

Utilizzi cosmetici

Indipendentemente dal fatto che i peptidi biomimetici siano di origine naturale o sintetizzati in laboratorio, svolgono una funzione biologica comprovata, perché interagiscono direttamente con le molecole presenti nei tessuti cellulari per attivarne l’attività metabolica.

Questa sostanza ha praticamente cambiato il mondo della skincare, tanto è vero che oggi viene impiegata nella formulazione di moltissimi prodotti cosmetici. È capace di riattivare la funzionalità delle cellule cutanee, con il conseguente incremento della produzione endogena delle sostanze indispensabili per il benessere del derma.

Ma quali sono i suoi utilizzi in campo cosmetico? Negli ultimi anni, sono stati svolti diversi studi scientifici sugli effetti di questi peptidi, e in particolare sull’Argirelina che è la più utilizzata per la realizzazione dei cosmetici anti invecchiamento. In merito all’impiego di questi prodotti, ne viene consigliata l’applicazione giornaliera per un periodo di almeno un mese se si vuole ottenere un’effettiva riduzione delle rughe periorbitali, peribuccali e della fronte. Visto, però, che stiamo parlando di un trattamento reversibile, la durata degli effetti dipenderanno principalmente dalla concentrazione della sostanza nel prodotto e dalla presenza di principi attivi aggiuntivi capaci di rafforzarne l’efficacia idratante ed elasticizzante.

Oltre che per combattere i segni dell’invecchiamento sul volto, gli esapeptidi si rivelano molto utili anche in combinazione a diete dimagranti, per ottenere un seno sodo e glutei più sollevati, e nell’ambito dell’haircare per la loro capacità di favorire la rigenerazione del bulbo pilifero.

I filler a base di peptidi biomimetici possono essere inoculati anche in specifiche zone del volto per donare volume a labbra e zigomi, oppure per ridurre il doppio mento: in questi casi, però, parliamo di veri e propri trattamenti di medicina estetica, per cui sarà necessario rivolgersi a un medico specializzato.

 

 

A quale età si consigliano?

Trattandosi di una sostanza che non comporta particolari effetti collaterali, viene consigliata già a partire dai trentacinque anni, o anche prima nel caso in cui iniziano a fare la loro comparsa le prime rughe d’espressione.

Per ottenere i risultati sperati, i cosmetici a base di acido ialuronico e peptidi andrebbero applicati in maniera costante per almeno 15/20 giorni consecutivi; mentre per quanto riguarda la tipologia di prodotto da preferire, esistono cosmetici in gel oppure in crema, e la scelta dipende principalmente dall’effetto che si vuole ottenere: durante il periodo estivo, per esempio, si consiglia di utilizzare la formula in gel perché caratterizzata da una texture più leggera e compatta che dà alla pelle la possibilità di “respirare” e di autorigenerarsi spontaneamente; se, invece, si preferisce applicare il cosmetico di notte, è meglio utilizzare un prodotto in crema, così da favorire il nutrimento e l’idratazione dell’epidermide nel momento della giornata in cui l’organismo avvia i suoi naturali processi di autoriparazione cellulare.

 

 

Ultimo aggiornamento: 20.02.20

 

L’invecchiamento vulvare preoccupa più di quello cutaneo. Ecco come ottenere una vita intima soddisfacente sotto ogni punto di vista.

 

In Italia, come nel resto del mondo, è ormai abitudine di molte donne over 50 ricorrere a cosmetici e gel intimi dedicati al ringiovanimento vaginale: filler di acido ialuronico, iniezioni di collagene, chirurgia laser…è un vero e proprio “boom” dei trattamenti estetici riservati alla zona intima femminile per donarle una nuova giovinezza. Sì, perché ormai il vero cruccio delle donne non sono più solo le rughe e la cellulite, complici i sempre più efficaci e funzionali acidi ialuronici venduti online, ma anche i problemi estetici legati al progressivo invecchiamento vulvare, un processo fisiologico inevitabile che influenza globalmente il proprio benessere intimo.

Ma quando ricorrere a cure e trattamenti anti-età per il nostro delta di venere? Gli esperti consigliano, innanzitutto, di intensificare le visite di controllo dal proprio ginecologo di fiducia già a partire dai trent’anni o, comunque, dopo il primo parto. Durante e dopo la gravidanza, infatti, la vita femminile viene sconvolta da una serie di cambiamenti fisiologici ed estetici che potrebbero mettere a rischio la propria vita sessuale. 

Oggi, in effetti, sempre più donne si rivolgono al ginecologo non solo per i normali controlli di routine, come ecografie e pap test, ma anche per farsi consigliare e prescrivere trattamenti volti a ripristinare l’equilibrio dell’ecosistema vaginale, così da ritornare ad avere una vita intima soddisfacente anche sotto il profilo sessuale.

 

Invecchiamento cellulare: un fenomeno che colpisce anche i genitali femminili

Con il passare degli anni, anche in assenza di specifiche patologie, il nostro organismo subisce un progressivo invecchiamento ossidativo che condiziona il nostro stato di benessere generale. Questi cambiamenti fisici riguardano anche i genitali esterni, con la conseguente alterazione degenerativa degli organi sessuali: i tessuti vaginali iniziano a perdere gran parte della loro elasticità e cominciano a manifestarsi diversi disturbi, come discromie cutanee, dispareunia, secchezze e assottigliamento delle mucose, che rischiano di compromettere la qualità della propria vita intima.

Per riattivare la risposta sessuale e migliorare l’estetica dei genitali esterni si può ricorrere a cosmetici e farmaci per uso topico: i primi sono, in genere, prodotti palliativi volti ad accrescere o preservare la bellezza della zona incriminata e si applicano sulle aree intime del corpo allo scopo di migliorarne l’aspetto e di proteggerle al contempo dallo stress ossidativo; i medicinali, invece, vengono impiegati a scopo puramente terapeutico per curare specifiche patologie, per cui deve essere sempre il medico a prescriverli.

 

 

Quando e come invecchia la zona genitale femminile

Prima di cavalcare l’onda del trend prodotto dai sempre più numerosi trattamenti di ringiovanimento vulvare, è importante fare una distinzione tra i disturbi che colpiscono unicamente le zone intime esterne e quelli che, invece, sono ascrivibili a patologie e affezioni ben più gravi, che andranno quindi curate dietro prescrizione medica.

Proprio come le altre zone anatomiche dell’organismo, anche i genitali femminili sono soggetti a processi di disidratazione, deflazione adiposa e diminuzione dell’elasticità. Per farla semplice, a partire dai trent’anni o a seguito di una gravidanza si può notare esternamente una perdita di volume del delta di venere e un’ipertrofia del vestibolo vulvare. Ovviamente, anche le aree interne della vulva e la mucosa vaginale vanno incontro a invecchiamento, con la conseguente diminuzione di elasticità dei muscoli e una progressiva perdita del sostegno dell’area pelvica.

 

Invecchiamento genitale e benessere sessuale

L’invecchiamento dei genitali esterni femminili può influenzare drasticamente la propria vita sessuale, e non solo da un punto di vista anatomico ma anche psicologico. Sempre più donne, sia giovani sia in età matura, decidono di ricorrere a depilazioni sempre più estreme nella speranza di risolvere i problemi estetici legati a queste alterazioni anatomiche, ma in realtà ceretta e peeling rischiano solo di mettere ancora più in evidenza i cambiamenti fisici legati all’invecchiamento biologico, che prima venivano ben celati dai peli pubici. Mettere a nudo con la depilazione integrale i difetti dei genitali esterni potrebbe, quindi, peggiorare la situazione e inibire il piacere sessuale tanto della donna quanto del suo partner.

Per quanto riguarda, invece, l’invecchiamento delle zone vaginali interne, il fenomeno può causare disturbi di diversa entità, fino a sfociare in dolori e infiammazioni durante i rapporti sessuali. Cosa fare, dunque, per prevenire l’invecchiamento della zona vulvare e ripristinare il proprio equilibrio intimo? Nei casi meno estremi, si possono effettuare semplici trattamenti anti-age di biostimolazione, molto simili a quelli che si eseguono sul viso e sul resto del corpo per ritardare il processo di invecchiamento cutaneo; mentre in quelli più gravi di atrofia vaginale bisogna ricorrere a veri e propri interventi di chirurgia, come la lipostruttura delle grandi labbra e la riduzione delle piccole. 

In entrambe le ipotesi, l’operazione è molto semplice, il recupero abbastanza veloce, sebbene sia richiesta l’astensione dall’attività sessuale per almeno un mese, e non vengono lasciate cicatrici evidenti.

 

Lubrificanti vaginali: cosa sono e come si usano

La secchezza vaginale è un disturbo abbastanza comune che può insorgere in qualsiasi momento della vita, ma che si manifesta con maggiore frequenza durante la fase della menopausa. L’insufficienza di lubrificazione naturale può comportare diverse conseguenze di natura fisica, come prurito, arrossamenti e irritazioni, che potrebbero rendere il rapporto sessuale meno piacevole, se non addirittura doloroso, fino a sfociare in veri e propri disagi psicologici e tensioni con il partner.

La prima cosa da fare in questi casi è cercare di individuare la causa scatenante del problema, che può anche derivare semplicemente da una dieta non equilibrata o da un eccessivo stress. In questi casi, si può utilizzare un lubrificante vaginale, disponibile in farmacia o sui negozi online.

Quando, invece, la secchezza deriva da disturbi legati alla menopausa sarà necessario ricorrere a una terapia ormonale sostitutiva, utile non solo per migliorare le secrezioni della mucosa vaginale ma anche per proteggere l’organismo dai rischi correlati al climaterio, quali osteoporosi, cardiopatia e ipercolesterolemia.

 

 

Utilizzi dell’acido ialuronico in campo ginecologico

Diversi studi scientifici hanno dimostrato da tempo l’efficacia e la sicurezza dell’utilizzo dell’acido ialuronico, non solo in campo cosmetico, ma anche in quello vulnologico e ginecologico. La sostanza, infatti, può essere utilizzata sia come coadiuvante negli stati atrofici e distrofici sia in caso di secchezza senile causata da carenze di estrogeni. Visto che, durante la menopausa, le zone intime tendono a perdere l’elasticità e la naturale capacità di trattenere l’acqua, l’acido ialuronico si pone come valido alleato nei processi di riparazione della mucosa vaginale, in modo da ripristinare il normale equilibrio fisiologico dell’organo riproduttore femminile.

In virtù delle sue spiccate proprietà viscoelastiche e della sua elevata biocompatibilità, l’acido ialuronico viene oggi largamente utilizzato per la formulazione di cosmetici e lubrificanti intimi, il cui impiego si è dimostrato efficace e assolutamente sicuro, dato che non sono stati registrati particolari effetti collaterali a seguito del trattamento che, pertanto, può essere considerato una valida alternativa alle invasive terapie ormonali.

 

 

Ultimo aggiornamento: 20.02.20

 

Ecco svelati i motivi per cui i prodotti a base ialuronico sono capaci di apportare effetti benefici in favore della pelle e dell’organismo

 

L’acido ialuronico presenta molteplici proprietà, come salvaguardare la pelle dagli effetti dannosi del photoaging e dell’invecchiamento ossidativo, e contrastare diverse patologie a carico delle articolazioni e del sistema nervoso. Si tratta di un mucopolisaccaride già naturalmente presente nei componenti dell’epidermide e si occupa di nutrire le cellule e apportare compattezza e turgore alla pelle del viso. I suoi impieghi in campo cosmetico sono ormai ben noti a tutti, ma quello che probabilmente molti non sanno è che la sostanza non si limita solo ad apportare benefici alla pelle, ma svolge anche altre importanti funzioni utili per il benessere del nostro organismo.

Oltre a stimolare la produzione di collagene e ad aumentare la plasticità dei tessuti connettivi, il miglior acido ialuronico ci protegge dall’attacco di virus e batteri, e dispone di numerose proprietà cicatriziali e antinfiammatorie. 

Una premessa, però, è indispensabile: prima di intraprendere un qualsiasi trattamento a base di acido ialuronico è buona norma consultare il proprio medico di fiducia o un dermatologo, che sapranno darvi sicuramente le indicazioni necessarie per individuare il prodotto più adatto al vostro caso, in modo da poterlo utilizzare in tutta sicurezza.

Detto questo, sicuri che la maggior parte di voi seguirà il nostro consiglio, passiamo ora ad analizzare nel dettaglio tutti i possibili utilizzi di questa “miracolosa” sostanza che è oggi sulla bocca di tutti.

 

Idrata la pelle e riduce le rughe

Uno degli utilizzi più noti e frequenti è quello cosmetico. Lo si può trovare come eccipiente in molte creme e sieri idratanti, oppure sotto forma di filler all’acido ialuronico, da iniettare nelle zone del viso maggiormente soggette a cedimento, per contrastare i segni dello skin aging. In effetti, la principale funzione della sostanza è quella di rallentare e ridurre il progressivo invecchiamento cellulare, in quanto capace di penetrare negli strati più profondi del tessuto connettivo per nutrire e idratare le cellule cutanee, che verranno così incentivate ad autoripararsi e a ritrovare la compattezza e l’elasticità perdute.

Chi vuole ottenere una pelle rimpolpata e luminosa, quindi, dovrebbe sempre fare un utilizzo costante di cosmetici a base di acido ialuronico, soprattutto dopo i trent’anni, ossia quando la spontanea produzione della sostanza da parte delle cellule cutanee inizia pian piano a diminuire, con la conseguente comparsa di rughe e inestetismi vari.

L’azione nutriente e umettante della molecola, infatti, evita che la pelle si secchi, poiché riesce a trattenere le particelle d’acqua e l’umidità necessaria affinché il derma non perda tono ed elasticità, così da ottenere un’idratazione profonda.

Si possono realizzare anche dei trattamenti fatti in casa unendo l’acido ialuronico puro alla propria crema viso preferita, così da garantirsi un effetto anti-age più efficace e duraturo.

 

 

Contrasta l’artrosi e favorisce il benessere delle articolazioni

Sapevate che l’acido ialuronico si propone anche di salvaguardare la salute e il benessere delle nostre articolazioni? Ebbene sì, uno dei tanti utilizzi della molecola riguarda proprio il punto di connessione fra le strutture ossee contigue, sia che si tratti di articolazioni mobili sia di quelle fisse. L’effetto espletato dall’acido ialuronico in questi casi è quello di riempire le zone cartilaginee per ridurre i disturbi alle articolazioni, che risulteranno opportunamente lubrificate e anche più resistenti.

Proprio per questo motivo, si rivela particolarmente utile per contrastare l’artrosi e tutte quelle affezioni che sopraggiungono a seguito di interventi chirurgici, come quelli che interessano le articolazioni del ginocchio o dell’anca. Non a caso, diversi utenti che soffrono di osteoartrite del ginocchio hanno riscontrato effettivi miglioramenti dopo essersi sottoposti a trattamenti a base di acido ialuronico, riuscendo così a svolgere tutte le normali attività quotidiane e anche a prevenire l’ulteriore degrado del tessuto cartilagineo.

Visto, poi, che con l’avanzare dell’età le ossa tendono a diventare più fragili e a decalcificarsi, diversi esperti consigliano l’utilizzo della molecola anche come terapia preventiva, così da ridurre sensibilmente il dolore e, allo stesso tempo, migliorare la mobilità attenuando lo stress meccanico a cui vengono sottoposte le articolazioni durante la senescenza.

 

Contro l’acne e le cicatrici cutanee

Tra i tanti benefici dell’acido ialuronico troviamo anche quello di rendere meno evidenti le cicatrici cutanee, comprese quelle causate dall’acne. In questi casi, la molecola viene impiegata come principio attivo in diversi prodotti cicatrizzanti per la cura di piaghe, ulcere, ustioni e tutte quelle lesioni dermatologiche che tendono a contaminare le zone più delicate del viso.

Basta, dunque, recarsi in farmacia o rivolgersi a uno dei tanti negozi fisici o del web per acquistare un buon acido ialuronico cicatrizzante in forma di garze o pomata da applicare direttamente sulla ferita. In questo modo, si potrà velocizzare il processo di guarigione e favorire la riepitelizzazione della lesione.

 

Altri effetti sull’organismo

Come abbiamo già avuto modo di sottolineare, l’acido ialuronico è già presente in diverse zone dell’organismo e non solo a livello epidermico. Lo si ritrova nel tessuto connettivo, negli occhi e nel liquido articolare, quindi è chiaro che i suoi benefici non si limitano solo alla pelle del viso ma anche al resto del corpo, migliorandone sensibilmente lo stato generale di salute.

In commercio sono disponibili anche integratori a base della sostanza, i quali si propongono, non solo di stimolare la formazione di collagene e tessuto connettivo, ma anche di rinforzare le difese immunitarie dell’organismo e di proteggerlo dall’attacco di virus e batteri.

Presente anche nell’umor vitreo dell’occhio, in oftalmologia la molecola si fa apprezzare per la sua capacità idratante e l’effetto pseudoplastico molto simile a quello delle mucine solubili del film lacrimale. Pertanto, viene impiegata nella formulazione di diversi colliri che consentono la lubrificazione dell’intera superficie oculare.

 

 

Assunzione e dosaggio

L’acido ialuronico può essere assunto per via orale sotto forma di integratore o di farmaco, applicato per via topica o iniettato direttamente nell’area di interesse, ma è chiaro che il dosaggio e la frequenza di impiego variano in base al tipo di utilizzo a cui viene destinato. Per fare un esempio, gli integratori di acido ialuronico andrebbero assunti tutti i giorni per un periodo non eccedente i tre mesi, salvo diverse indicazioni riportate in etichetta, mentre il suo utilizzo in forma di farmaco deve essere sempre prescritto dal medico o da uno specialista.

Per quanto riguarda le iniezioni per via endoarticolare per trattare casi di artrosi del ginocchio o dell’anca, in genere sono sufficienti tre o cinque infiltrazioni per riscontrare i primi benefici. Altri ambiti in cui le iniezioni di acido ialuronico riscuotono successo sono la medicina veterinaria e la chirurgia plastica ed estetica, ma anche in questi casi il trattamento deve rispettare scrupolosamente le indicazioni del medico.

Il discorso, ovviamente, è diverso in caso di creme, sieri e altri cosmetici a uso topico ed esterno, poiché sarà sufficiente rispettare le modalità d’uso riportate in etichetta o sulla confezione. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 20.02.20

 

Saune Facciali – Consigli d’acquisto, Classifica e Recensioni

 

I prezzi e le funzioni delle varie saune facciali differiscono di parecchio, ma due ottimi modelli che spiccano per qualità/prezzo sono: Beurer FS 50, un apparecchio versatile che permette di effettuare inalazioni di vapore per naso e bocca grazie agli accessori inclusi, è leggero e facile da trasportare; Ardes ARM281A è più spartano ma la scelta ideale se cerchi un prodotto economico che faccia bene il suo lavoro, inoltre permette di aggiungere oli essenziali a piacimento per personalizzare le sedute.

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Guida all’acquisto – Come scegliere la miglior sauna facciale?

 

Regalarsi un momento di cura del proprio corpo con un rituale di bellezza ripaga il prezzo investito per acquistare una sauna facciale. Si tratta di un dispositivo in grado di erogare vapore a temperatura costante per agire direttamente sui pori della pelle del viso per pulire in profondità e favorire l’azione delle creme e dei trattamenti specifici per correggere imperfezioni o rughe. Se non sai quale modello scegliere, confronta prezzi e prestazioni di quelli consigliati.

Regolazione della temperatura

La classifica che trovi a continuazione ti offre alcuni spunti tra cui scegliere il prodotto che meglio risponda ai tuoi bisogni: si tratta dei dispositivi che maggiore successo hanno raccolto sul mercato e si sono aggiudicati le recensioni più lusinghiere di pubblico e critica.

Una caratteristica importante, che differenzia la sauna facciale dalla comune pentola d’acqua bollente con cui si fanno i suffumigi, è la possibilità di regolare la temperatura del vapore evitando così di esporre il viso a calore eccessivo, specie se particolarmente delicato.

L’esposizione a temperatura costante consente di usare il dispositivo anche in diverse fasi del trattamento di bellezza, in un primo momento per aprire i pori e pulire in profondità la pelle e in un secondo momento dopo avere applicato creme specifiche e maschere da dover rimuovere completamente.

 

Uso di oli essenziali

La migliore marca di saune facciali offrirà la possibilità di personalizzare il più possibile il funzionamento dell’apparecchio per ottenere il massimo su misura per le proprie esigenze. In questa guida vogliamo mettere in evidenza i benefìci che offre la possibilità di aggiungere oli essenziali all’acqua, di solito demineralizzata, che si usa per creare il vapore.

L’azione profonda del vapore che dilata i pori consente alle proprietà dei singoli oli di agire al meglio e in profondità massimizzando il loro potere curativo. Scegliere oli emollienti, o dalle proprietà antibatteriche o semplicemente per il loro odore gradevole, permetterà di variare di volta in volta il risultato del trattamento per godere appieno di un momento di pura intimità.

 

 

Accessori disponibili

Alcuni dispositivi offrono la possibilità di ampliare la dotazione della sauna facciale per trasformare questo momento in una vera seduta di bellezza.

La presenza di un vano porta oggetti, per esempio, semplificherà le operazioni di trucco alla fine del trattamento, perché tutto il necessario di pennelli e accessori sarà subito disponibile direttamente con la sauna stessa.

Ma il nostro consiglio è quello di chiedersi quale sarà l’uso a cui destinare la sauna. La tecnologia impiegata, infatti, non è delle più sofisticate e si tratta soltanto di un dispositivo in grado di portare l’acqua allo stato di vapore per consentirne un’emissione costante e gradevole che investa il viso per agire sulla pelle purificandolo.

Una spesa contenuta, in questo caso, non è sinonimo di un investimento poco affidabile: al contrario sarà sufficiente ricercare con la dovuta attenzione solo le caratteristiche basilari, come la solidità dei materiali di costruzione e un buon assemblaggio delle varie componenti.

 

Le 5 Migliori Saune Facciali – Classifica 2020

 

Volete risparmiare i soldi dell’estetista ed effettuare una pulizia del viso a casa? Assicuratevi di scegliere un buon modello di sauna facciale, altrimenti finirete per rimetterci, invece. Seguite i nostri consigli d’acquisto e non avrete problemi.

 

 

1. Beurer FS 50 Sauna per Il Viso

 

Principale vantaggio:

Uno degli aspetti che è stato particolarmente apprezzato dagli utenti è che la struttura in totale è molto leggera. Questo fattore è molto importante se si pensa che sarà molto semplice trasportarlo e godere di una sauna facciale in tutta comodità.

 

Principale svantaggio:

Nonostante si possa regolare la potenza del getto, sembra che anche il livello più alto non sia particolarmente d’effetto, soprattutto se prediligete getti di vapore netti e particolarmente intensi.

 

Verdetto 9.5/10

Siamo davanti a un articolo che si annovera tra i migliori di questa categoria perché consente un trattamento di bellezza completo anche da casa, sia come sauna facciale sia come inalatore di olii essenziali.

Acquista su Amazon.it (€33.99)

 

 

Descrizione Caratteristiche Principali

 

Funzionalità

Beurer propone un oggetto molto completo e dalle molteplici funzionalità, sia estetiche che mediche. Vediamo insieme nel dettaglio quali benefici potrete trarre da un acquisto di questo genere.

Nasce come sauna per il viso, una parte del corpo molto delicata e che necessita di una pulizia molto accurata.

Grazie alla sauna Beurer questo è possibile perché il vapore va ad aprire i pori occlusi consentendo la fuoriuscita di cellule morte e di sebo.

Al termine del trattamento la pelle sarà molto idratata e, soprattutto con la giusta costanza, risentirà in maniera consistente dei benefici del vapore.

Un altro modo molto utile con cui potrete usare questo strumento, è quello dell’inalazione da bocca e naso di particolari olii essenziali. Può accadere infatti che i sintomi di alcune problematiche legate all’infiammazione delle vie respiratorie possano essere alleviati proprio grazie ad alcune sostanze naturali che entrerebbero direttamente in circolazione mettendo in funzione i loro utili principi attivi.

Struttura

Questo apparecchio si compone di una base metallica a cui si attacca il cavo della corrente dalla potenza di 120 watt. Lo scopo di questa base è quello di contenere l’acqua che verrà poi riscaldata e fatta evaporare. Tale vapore fuoriesce e si inserisce direttamente su una delle due bacinelle in plastica che sceglierete. La prima, specifica per la sauna facciale, è sagomata per consentire l’appoggio del viso quanto più confortevole possibile.

In alternativa c’è l’altro contenitore, sempre in plastica, ma dalla forma differente; si tratta dell’oggetto specifico per l’inalazione degli olii essenziali che deciderete di inserire all’interno dell’acqua. La sua forma è pensata affinché i fumi entrino direttamente dentro le vie respiratorie senza disperdere nessuno dei loro principi attivi.

 

Funzionamento

Come abbiamo detto vi basterà versare dell’acqua all’interno della base in alluminio, una volta inserito il cavo all’interno della presa di corrente. Dopo qualche minuto di attesa l’interruttore posto sul davanti consente la scelta tra due diversi livelli di potenza. Le due opzioni sono dovute al fatto che ogni pelle ha le sue esigenze e che potete così testare entrambe le modalità per verificare quale delle due risponda meglio alle caratteristiche del vostro viso.

Il trattamento si conclude nel momento in cui tutta l’acqua sarà evaporata ed è importante che la pelle riceva non più di questa dose di vapore in quanto un’esposizione prolungata potrebbe danneggiare le cellule epiteliali e rendere gli strati superficiali eccessivamente sensibili.

 

Acquista su Amazon.it (€33.99)

 

 

 

2. Ardes Medicura ARM281A Sauna Facciale Inalatore Di Oli Essenziali

 

A questo punto avrete capito come scegliere quale sauna facciale comprare, tra tanti modelli di qualità, non sia per nulla facile senza una guida attendibile. Il modello che vi proponiamo adesso è particolarmente economico, semplice da usare e funzionale. In più è poco ingombrante, sia al momento di utilizzarlo che quando bisogna metterlo da parte.

Funziona sia come sauna facciale che come inalatore di oli essenziali, a seconda dell’accessorio impiegato.

Per esaltare la sua azione, altrimenti un po’ dispersiva, consigliamo di utilizzare il caro vecchio asciugamano, alla stregua di chi fa i suffumigi con la pentola d’acqua calda.

Grazie all’azione idratante di questo strumento la pelle riacquisterà vigore e freschezza. Basta una seduta di 5-10 minuti (i programmi vanno da 1 minuto a 10) per dare un aspetto più sano e rilassato al proprio volto.

Non il modello più avanzato sul mercato, ma una valida scelta per chi preferisce strumenti semplici e immediati.

Sei tra chi cerca i prezzi bassi a tutti i costi? O tra chi si fida solo dei pareri degli altri utenti? Come vedi la nostra guida per aiutarti a scegliere la migliore sauna si arricchisce anche di una lista di pro e contro.

 

Pro

Supera le aspettative: Guardandolo non si direbbe, ma in realtà svolge il suo lavoro egregiamente e il getto di vapore è discretamente potente. Certo, nulla a che vedere con una seduta in un centro estetico, ma è tutto ciò che ti serve per una buona pulizia facciale casalinga.

Economico: Si inserisce nell’elenco dei prodotti per sauna facciale a prezzi più bassi e vantaggiosi. Con una breve seduta da 5, 10 minuti, scoprirai tutti gli effetti positivi sulla tua pelle.

 

Contro

Design spartano:Peccato non sia stata curata molto l’estetica del prodotto, che appare in effetti un po’ spartana e potrebbe far storcere il naso ai cultori dell’oggetto ben fatto.

La maschera: a volte si stacca dal pezzo principale. Ciò significa spegnere e interrompere la sauna per ricollegare la maschera e riprendere il lavoro. Un po’ una perdita di tempo per chi corre ed è sempre di fretta.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

3. Beurer FC 72 Pureo Ionic Hydration Sauna

 

Uno dei vantaggi principali di questo modello è l’utilizzo della tecnologia agli ioni che consente di scindere l’acqua in particelle microscopiche che riescono a penetrare meglio e più in profondità, idratando efficacemente i vari strati della pelle, a differenza delle saune che producono vapore normalmente.

Come testimonia la maggior parte degli utenti, la pelle appare molto più pulita rispetto all’uso di sistemi tradizionali come la classica pentola dell’acqua calda con asciugamano per coprire il viso.

I pori vengono dilatati delicatamente, permettendo alle minuscole goccioline d’acqua di penetrare all’interno. A questo punto la pelle è pronta per ricevere trattamenti di bellezza come maschere o una pulizia più profonda perché i prodotti che verranno utilizzati potranno agire più efficacemente.

Per quanto riguarda l’utilizzo, grazie all’ugello orientabile si riesce a coprire bene tutta la superficie del viso. È una sauna facciale che si fa da seduti: va appoggiata stabilmente su un piano orizzontale e, in caso di ribaltamento accidentale, interviene immediatamente una sicura che disattiva il dispositivo.

Allo stesso modo, scatta lo spegnimento automatico dopo 15 minuti di trattamento o nel momento in cui termina l’acqua del serbatoio, quindi non c’è problema se la si dimentica accesa.

In dotazione viene fornito un pratico misurino che permette di dosare la giusta quantità d’acqua; la piccola tanica si può rimuovere e lavare tranquillamente anche in lavastoviglie.

Ecco, in sintesi, quali sono i principali vantaggi e svantaggi della sauna facciale prodotta da Beurer.

 

Pro

Ioni: La tecnologia agli ioni permette di scindere le particelle d’acqua che compongono il vapore in goccioline microscopiche che penetrano meglio nei vari strati della pelle, idratandola profondamente.

Effetti: La stimolazione del vapore ha effetti positivi perché rimuove le impurità, stimola la circolazione, idrata la pelle e la prepara per un trattamento di bellezza che sarà più efficace perché i prodotti utilizzati verranno assorbiti meglio.

Utilizzo: Per usare la sauna facciale bisogna mettersi seduti. Una sicura interviene se l’apparecchio si ribalta, mentre dopo 15 minuti, o quando non c’è più acqua, scatta lo spegnimento automatico.

Serbatoio: In dotazione viene fornito un misurino da utilizzare per versare la giusta quantità d’acqua nel serbatoio che può essere rimosso e lavato in lavastoviglie.

 

Contro

Rumoroso: Per qualcuno l’apparecchio potrebbe rivelarsi piuttosto rumoroso.

Acquista su Amazon.it (€54.68)

 

 

 

4. Plastimea Measteam SPA Sauna Facciale e Inalatore

 

Quella proposta da Plastimea è una sauna facciale di dimensioni compatte e capace di raggiunge la temperatura di ebollizione in soli tre minuti. Caratterizzata da un avvolgente colore viola, presenta un design elegante e funzionale al tempo stesso, che non mancherà di appagare chi cerca un prodotto di qualità ma senza sacrificare nemmeno un aspetto banale come l’estetica.

Il serbatoio ha una capienza complessiva di 50 ml per un’autonomia di 15 minuti, mentre l’intensità di erogazione del vapore può essere regolata su due livelli differenti, utilizzando la pratica manopola posta sulla parte frontale del dispositivo. Inoltre, è dotata di un efficace sistema di protezione contro il surriscaldamento e piedini antiscivolo per garantire la massima sicurezza durante gli utilizzi.

Le opinioni degli utenti che l’hanno scelta sono molto positive, soprattutto in merito al prezzo di vendita, ritenuto vantaggioso in rapporto alle buone prestazioni offerte e alla dotazione di alcuni accessori utili, come l’inalatore e il bicchiere dosatore.

 

Pro

Regolabile: L’intensità del vapore può essere impostata su due livelli, così da permettere anche a chi ha una pelle particolarmente sensibile di utilizzare la sauna senza rischio di irritare il derma.

Rapporto qualità/prezzo: Il livello di soddisfazione dei consumatori è molto alto, e non solo in virtù di un prezzo di vendita ultra competitivo, ma anche per la buona qualità dei materiali e le ottime prestazioni offerte.

Accessori: Oltre alla sauna facciale, la dotazione include un inalatore da utilizzare con gli oli essenziali e un pratico bicchiere dosatore.

Manuale di istruzioni: L’utilizzo della sauna facciale di Plastimea si rivela abbastanza semplice e intuitivo, ma se non avete dimestichezza con dispositivi di questo tipo potete sempre fare affidamento sul dettagliato manuale di istruzioni a corredo.

 

Contro

Scotta!: Il calore prodotto dal vapore quando si imposta il dispositivo alla massima potenza potrebbe risultare troppo forte, ragion per cui consigliamo a chi ha una pelle molto delicata di regolarlo sempre sul livello più basso.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

5. Wolady Sauna Facciale Pulizia Viso Nano Ionico

 

Alla base di una corretta routine di bellezza si colloca senza dubbio la pulizia del viso, una pratica indispensabile per mantenere la pelle perfettamente idratata, luminosa ed elastica. Sotto questo aspetto, la sauna facciale di Wolady non teme confronti, poiché capace di ripristinare il giusto livello di umidità negli strati profondi del derma, per risultati visibili già dopo i primi trattamenti.

Il controllo della temperatura è automatico, quindi basta riempire il serbatoio con acqua, collegare l’alimentatore alla presa elettrica e premere il tasto di accensione per avere una piccola SPA a domicilio in ogni momento della giornata. Oltre alla sauna e a un dettagliato manuale d’uso, nella confezione troverete un certificato di garanzia di 24 mesi e un kit di accessori per rimuovere brufoli e comedoni.

Le persone che hanno acquistato il prodotto hanno particolarmente apprezzato la velocità con cui porta l’acqua a ebollizione e il suo design esteticamente gradevole, sebbene qualcuno avrebbe preferito fosse presente un selettore con cui regolare l’intensità del getto di vapore.

 

Pro

Tecnologia: Nonostante il costo da entry level, il dispositivo sfrutta una tecnologia avanzata di atomizzazione attraverso ioni negativi per favorire la dilatazione dei pori e pulire in profondità la cute, ripristinandone la naturale idratazione.

Serbatoio: A differenza di altri modelli simili, questo si distingue per la notevole capacità del serbatoio, che si assesta sui 70 ml, e per la facilità con cui si estrae, così da provvedere alla manutenzione dell’apparecchio senza incontrare difficoltà.

Una ricca dotazione: Oltre alla sauna facciale, nel prezzo sono inclusi un kit di attrezzi per la rimozione di brufoli e comedoni, nonché un dettagliato manuale di istruzioni in italiano che spiega come utilizzare il dispositivo in modo corretto.

Pratica: Gli strumenti per la cosmesi facciale sono spesso molto ingombranti, soprattutto quando raggiungono ottimi livelli di efficienza; ma non è il caso della sauna di Wolady, caratterizzata da una struttura leggera e compatta che la rende una piccola ma efficace eccezione a questa regola.

 

Contro

Regolazione del calore: Purtroppo, il modello non permette di regolare l’intensità del vapore e questo per molti potrebbe rappresentare un grosso problema. 

Acquista su Amazon.it (€25.99)

 

 

 

Beurer FS 50 Sauna per Il Viso

 

Avete voglia e bisogno di ritagliarvi qualche minuto per voi in casa? Questo dispositivo è la scusa perfetta per un po’ di relax, con il beneficio di ritrovarsi una pelle liscia e sana. Tra le migliori saune facciali sul mercato, questo apparecchio della Beurer è molto versatile e si presta a utilizzi diversi.

Questa sauna facciale è infatti dotata dell’accessorio per l’inalazione da bocca e da naso, nonché di un serbatoio per le essenze profumate. Funziona con due livelli di potenza diversa e si alimenta per mezzo di una presa elettrica (con una potenza di 120 watt).

Si può scegliere se utilizzarlo con semplice acqua (va versata nel contenitore metallico) o ricorrere a essenze profumate (da inserire in quello superiore, in plastica). È ottima anche per semplici fumenti: molto meglio della tradizionale pentola di acqua calda, con il suo getto di vapore costante, uniforme e alla temperatura desiderata.

Valutate le caratteristiche principali del prodotto in esame, ricapitoliamo il tutto attraverso una esaustiva lista di pro e contro.

 

Pro

Leggerezza: Il prodotto risulta leggero e maneggevole. Con semplicità potrai spostarlo dalla cucina, mentre aspetti che il forno riscaldi il tuo pranzo, al salotto, per guardare comodamente la tua serie tv preferita; e perché no?! In bagno, se urge.

Due livelli di potenza: Potrai regolare come ritieni più opportuno, e assecondando le tue esigenze, la potenza del flusso. In ogni caso il relax e i risultati sono garantiti.

Versatilità: Il prodotto si presta a essere utilizzato sia nella modalità sauna facciale, sia come diffusore di suffumigi e oli essenziali o inalatore.

 

Contro

Debolezza: Il getto di vapore sembra un po’ debole e non ha nulla a che vedere con quello di un centro estetico. Anche scegliendo il livello di potenza due, il calore non è del tutto soddisfacente.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Come utilizzare una sauna facciale

 

La cura del viso permette di mantenere la pelle giovane e pulita, aiutando a rimuovere le impurità che si annidano tra i pori ogni qual volta si è soggetti a smog e inquinamento.

A volte la pulizia con acqua e sapone potrebbe non bastare, poiché in grado di rimuovere unicamente lo strato esterno di sporcizia, senza riuscire ad andare a fondo.

Se recarsi dall’estetista per una pulizia profonda non vi è possibile, potreste valutare l’acquisto di una sauna facciale, strumenti in grado di erogare vapore a una temperatura costante per aprire e purificare i pori del viso mentre siete comodamente in casa vostra.

 

 

Vapore costante

La caratteristica fondamentale di questi dispositivi è proprio quella di emettere vapore costante alla temperatura prescelta. In tal modo potrete personalizzare la pulizia del viso senza esporlo a un calore eccessivo che potrebbe, invece, rovinare la pelle. La sensibilità, inoltre, è diversa in base alla soglia di tolleranza di ogni persona.

 

Semplici da usare

Questi prodotti non hanno bisogno di alcuna installazione, sono dotati di un corpo macchina con pulsanti e ghiere per accendere e regolare la temperatura, molto semplici quindi nell’utilizzo.

Ciò che è importante, però, è la preparazione del viso per ottenere risultati significativi.

 

Eseguire un trattamento

Per eseguire un trattamento completo è molto importante quindi, prima ancora di utilizzare l’apparecchio, detergere il viso in modo accurato con oli idratanti come per esempio l’olio di cocco e di girasole. Dopo aver lavato il viso con acqua e sapone, eliminate l’umidità, tamponando con un asciugamano pulito. Versate poi nel palmo della mano una noce di olio idratante, massaggiando poi il viso per distribuirlo in modo uniforme. 

 

 

Scrub

Procedete quindi con la procedura di scrub, un modo per rimuovere lo strato superficiale di pelle, caratterizzato solitamente da cellule morte che devono essere eliminate per permettere una naturale rigenerazione dello strato di pelle sottostante.

Lo scrub può essere effettuato con appositi prodotti in vendita sul mercato o in seguito a una preparazione casalinga (tra i più popolari c’è per esempio quello realizzato con fiocchi d’avena e miele).

Muovete la mano con il composto per lo scrub in modo circolare sulla sezione a T del viso, la più soggetta alla presenza di impurità.

 

Preparare il dispositivo

Dopo alcuni minuti di scrub potrete iniziare a preparare la sauna facciale. Alcuni prodotti permettono l’aggiunta di oli essenziali all’interno dell’acqua per avere un effetto purificante. Qualora lo riteniate opportuno, scegliete una di queste saune facciali tenendo presente che il costo potrebbe essere maggiore. Riempite il serbatoio di acqua ed eventualmente qualche goccia di olio essenziale (i più popolari sono il Tea tree, lavanda e limone). Ora accendete il dispositivo, selezionando la temperatura più adatta alle vostre esigenze e posizionate il viso nei pressi della maschera.

Il tempo necessario varia da 5 a 10 minuti, in seguito al quale potrete spegnere il macchinario e utilizzare una crema idratante o un tonico per viso.

Tale procedura va ripetuta almeno una volta a settimana per avere un viso più luminoso e tonico.

 

 

 

» Controlla gli articoli degli anni passati

 

Questi prodotti sono tra quelli più consigliati, ma al momento non sono disponibili

 

Joycare JC-350, Pulire il viso, Sauna Facciale, Viola

 

Ci sono diversi elementi interessanti della sauna facciale Joycare – azienda italiana – che vanno sottolineati. Uno di questi è la possibilità di regolare il getto di vapore su due livelli in base alle proprie esigenze: alcune consumatrici preferiscono uno spruzzo più deciso, per altre il livello due si rivela troppo forte.

Della confezione fa parte anche un riduttore che, infilato all’interno del corpo principale, permette di avere un trattamento più mirato su bocca e naso, ideale per colpire più efficacemente i punti neri localizzati.

Non manca il pratico dosatore per misurare la giusta quantità d’acqua da versare nel serbatoio che, essendo realizzato in alluminio e rivestito in teflon, è in grado di resistere perfettamente alle alte temperature.

Un altro elemento molto gradito è il box dove inserire un dischetto di cotone imbevuto di oli essenziali che trasforma la sauna facciale in un piacevole trattamento di aromaterapia.

Nel complesso, si tratta di un prodotto di buona qualità che, come è stato sottolineato, è molto silenzioso, impiega poco tempo a far riscaldare ed evaporare l’acqua e, in più, può essere acquistato a un prezzo non eccessivo.

Ma, soprattutto, è una sauna efficace perché la maggioranza delle consumatrici conferma che la pelle, dopo l’uso, è effettivamente più idratata, pulita e, con un utilizzo costante, priva di fastidiosi e antiestetici punti neri e brufoletti.

Riepiloghiamo adesso brevemente le caratteristiche principali che contraddistinguono la sauna facciale dell’azienda italiana Joycare.

 

Pro

Due regolazioni: Il vapore può essere regolato su due livelli in modo da soddisfare le esigenze di chi ama un getto molto deciso e di chi lo preferisce più delicato.

Dotazione: La dotazione comprende il pratico misurino per versare la giusta quantità d’acqua, un riduttore per trattare in modo localizzato e ancora più efficace bocca e naso, e un box per inserire un dischetto di cotone imbevuto di oli essenziali e trasformare la sauna in un trattamento di aromaterapia.

Qualità/prezzo: Si tratta di un prodotto resistente, versatile, silenzioso, efficace e può essere acquistato a un prezzo molto competitivo.

 

Contro

Ioni: La sauna non dispone dell’innovativa tecnologia a base di ioni.

Surriscaldamento: Alcuni utenti fanno notare che la sauna potrebbe surriscaldarsi.

 

 

Elle by Beurer FCE 70

 

Abbiamo effettuato una scrupolosa comparazione tra i modelli più venduti e il titolo di migliore sauna facciale del 2020 se lo aggiudica, a nostro parere, questo modello targato Beurer.

Basta uno sguardo per comprendere che si tratta di un prodotto di alta qualità, realizzato con attenzione e cura dei dettagli e pensato per durare a lungo. L’apparecchio funziona con acqua demineralizzata e crea in pochissimo tempo un vapore costante e piacevole. La sua azione agli ioni dilata i pori del viso, riattivando la circolazione e predisponendo la pelle ad altri trattamenti.

Si sposta e controlla con facilità grazie all’apposita maniglia posta nella parte superiore, si carica velocemente ed è dotata di un contenitore per la raccolta dell’acqua. L’ugello è regolabile secondo preferenza.

L’unica pecca di questo prodotto, che ha comunque un’azione molto efficace, consiste nella mancanza di un vano in cui poter inserire oli essenziali o altri prodotti di questo tipo.

Utilissimo apparecchio per la pulizia del viso che, comodamente da casa, ci permette di ottenere eccellenti risultati in brevissimo tempo. Qui un elenco dei pregi e dei pochi difetti di questo gradito prodotto e alla fine della descrizione trovi il link dove acquistare la sauna se ti è piaciuta.

 

Pro

Facilità: Il prodotto è molto semplice e intuitivo nel suo utilizzo come confermano i numerosi pareri entusiasti; ottimo e straordinariamente pratico il sistema per inserirvi l’acqua; comodo e sbrigativo il sistema di pulizia. Questa sua semplicità lo rende un prodotto che userai senza problemi e senza alcuna fatica, tutte le volte che lo riterrai opportuno.

Vapore: Il vapore è avvolgente e dà subito una sensazione di benessere nuovo, confermata dai risultati. Troverai la pelle più liscia e morbida e col tempo la sentirai diventare più tonica, grazie all’efficace riattivazione della circolazione sanguigna; dilata i pori, garantendo una profonda pulizia.

Ugello regolabile: Grazie al flusso direzionabile, puoi scegliere come meglio credi su quali parti del viso concentrarti maggiormente. Tutto ciò risulta ideale per mantenere un elevato livello di pulizia del viso e comodo perché sarai tu a scegliere dove dirigerlo.

 

Contro

Spazio ulteriore: Purtroppo manca un cassettino, presente anche in dispositivi venduti a prezzi bassi, o un piccolo vano per conservare oli e creme. Sarebbe stato non solo gradevole esteticamente, ma utile per avere sempre a portata di mano i prodotti preferiti.

 

 

Ardes+medicura M305

 

Se vi state chiedendo quale sauna facciale comprare per ridurre drasticamente il numero di visite dall’estetista, questo set è quello che fa per voi. A un prezzo davvero irrisorio, infatti, vi permette di acquistare non solo una buona sauna facciale, ma anche una serie di attrezzi utili per la pulizia e la cura del viso.

Stiamo parlando di un piega ciglia elettrico, un rifinitore peli con doppia impostazione e un massaggiatore detergi-viso. Tutti questi accessori, ovviamente piuttosto plasticosi e di qualità non eccelsa (a un prezzo del genere non potrebbe essere altrimenti), hanno la loro utilità e, a seconda delle vostre abitudini, finirete per trovarli più o meno utili. Tenete a mente, comunque, che vengono tutti forniti privi di batterie.

Per quanto riguarda la sauna facciale in sé, si tratta di un prodotto di tutto rispetto, con due diverse velocità tra cui scegliere e un’azione di 15/20 minuti, più che sufficiente per una buona seduta rilassante.

Un prodotto da prendere fortemente in considerazione anche in assenza di offerte!

Per un miglior quadro d’insieme delle caratteristiche salienti del prodotto appena descritto, ecco di seguito un utile quadro riassuntivo.

 

Pro

Accessori: Sicuramente gradita è la presenza di alcuni accessori, come la spazzolina per la pulizia, la spugnetta spalma crema, il massaggiatore del viso, che faranno felici anche i clienti più esigenti e danno un nuovo apporto alle funzioni base.

Rapporto qualità- prezzo: Pur non riuscendo a sostituire il lavoro di un professionista in un centro estetico, svolge il suo lavoro egregiamente e il costo del dispositivo è sicuramente un suo punto di forza.

Bel design: Piacevole la linea estetica dell’apparecchio, che è al tempo stesso leggero e funzionale.

 

Contro

Mascherina piccola: Non copre tutto il viso, alcune parti del volto non saranno raggiunte dal getto di vapore che può in effetti risultare debole alle persone più esigenti.

 

 

Laica MD6062 Bianco Sauna Facciale

 

Tra i modelli di sauna facciale di qualità venduti online abbiamo trovato anche questo dispositivo della Laica. Di dimensioni abbastanza ridotte (24,4 x 17,3 x 17,1 cm), è comodo da usare e dispone di due accessori, inalatore e diffusore di vapore, che consentono utilizzi diversi. È dotato di un unico serbatoio, in cui possono essere inseriti sia l’acqua che gli oli essenziali (insieme all’acqua).

Può essere usato come erogatore di vapore caldo per suffumigi, ricorrendo anche in questo caso al classico asciugamano sopra la testa per massimizzare il risultato.

Nonostante svolga alla perfezione tutte le funzioni di base di questo genere di apparecchi, questa sauna facciale si è classificata all’ultimo posto della nostra classifica perché priva di quel quid, quel qualcosa in più che la distingua dalle altre. Da preferire ai primi modelli della lista solo se siete amanti del brand produttore!

La nostra guida per scegliere la migliore sauna sul mercato, continua con l’illustrazione puntuale di quelli che per gli utenti sono i pregi e i difetti più evidenti.

 

Pro

Maschera: Aderisce bene al viso e questo è un assoluto punto di forza, visto che altri prodotti che servono per lo stesso uso, e non per un prezzo più economico, hanno spesso maschere poco adattabili e fastidiose.

 

Contro

Niente vano: Non esiste un apposito scomparto dove mettere oli, creme e varie.

Rumoroso: Più rumoroso rispetto ad altri prodotti dello stesso tipo. Può risultare fastidioso, soprattutto se nel frattempo vuoi guardare la tv, leggere qualcosa, o semplicemente chiudere gli occhi e rilassarti.

 

» Controlla gli articoli degli anni passati