Ultimo aggiornamento: 06.04.20

 

Il profumo è in grado di donare un tocco di eleganza e raffinatezza all’outfit di un uomo, rispecchiandone il carattere e la personalità. Nell’articolo di oggi vogliamo mettere in evidenza le basi per individuare la fragranza che racconti la propria storia e rifletta al contempo i gusti di chi dovrà indossarla.

 

Biglietto da visita degli uomini, il profumo è da sempre parte integrante dello stile e del mood maschile. Per questo motivo, scegliere un profumo da uomo economico e di qualità non è sempre un compito semplice, anche in virtù delle numerose proposte che dilagano sul mercato.

Cadere nella “trappola” delle campagne pubblicitarie è più facile di quanto si possa immaginare, e si finisce così con l’acquistare quel profumo all’ultimo grido che, alla fine, non si dimostra all’altezza delle proprie aspettative.

La fragranza, in effetti, deve valorizzare, o quantomeno completare, l’impronta olfattiva di una persona, senza però stravolgerla. Pertanto, per essere sicuri di fare la scelta giusta, bisogna tenere conto del proprio stile di vita e dei propri gusti personali, senza però trascurare la composizione del prodotto e le circostanze di utilizzo.

 

La piramide olfattiva

Per scegliere il profumo da uomo adatto alle proprie esigenze è fondamentale comprendere il meccanismo della cosiddetta “piramide olfattiva”, che indica in via teorica il grado di evaporazione e persistenza degli oli essenziali che compongono una specifica fragranza e che è costituita da tre differenti piani olfattivi: le note di testa, le note di cuore e le note di fondo.

Le prime a essere percepite sono quelle di testa, caratterizzate da sostanze volatili che scompaiono dopo poche ore dall’applicazione e, solitamente, costituite da sentori molto intensi capaci di donare alla fragranza corpo e profondità, determinando quindi la scelta del profumo.

Le note di cuore, o centrali, si avvertono subito dopo quelle di testa e conferiscono all’aroma il suo carattere distintivo. Questi effluvi, in pratica, sono più persistenti rispetto ai precedenti, poiché costituiscono la parte centrale del profumo creando il famoso “sillage”. Vengono, in genere, percepiti dopo qualche ora dall’applicazione e hanno una persistenza molto durevole che lascia una piacevole scia per tutto il giorno.

Ancora più persistenti sono le note finali, ossia quelle di fondo, che in certi casi possono arrivare anche fino al giorno successivo. Oltre ad amalgamare i vari elementi che compongono la composizione, questi effluvi evaporano con voluttuosa lentezza e rispecchiano la “personalità” della fragranza in tutte le sue sfaccettature.

A ogni modo, bisogna comunque considerare che l’interpretazione olfattiva di ciascun profumo varia anche in base all’acidità e alle caratteristiche della propria pelle: quelle secche, per esempio, tendono ad assorbire abbastanza in fretta gli oli essenziali contenuti nella composizione. 

In questi casi sono da preferire gli eau de parfum, mentre gli eau de toilette sono indicati per chi ha una cute grassa o mista, poiché capaci di garantire una buona intensità senza risultare eccessivamente pesanti.

 

La composizione

A fare la differenza tra un profumo e l’altro è anche la concentrazione di oli essenziali presente nella formulazione. Per realizzare una fragranza maschile vengono impiegati diversi elementi profumati (chiamati anche materie odorose), scelti tra fra circa 200 essenze naturali e più di 1.000 aromi sintetici.

La maggior parte dei profumi disponibili in commercio è, infatti, costituita da un sapiente mix di oli essenziali, acqua e alcol, ma visto che sono gli oli essenziali i principali portatori della fragranza, è chiaro che la loro concentrazione inciderà direttamente sull’intensità e la persistenza del profumo.

A seconda della loro percentuale è possibile classificare i profumi in: eau de parfum, che contengono il 15-20% di elementi profumati e hanno una persistenza che va dalle 12 alle 24 ore; eau de toilette, la cui percentuale varia dal 5 al 15% con una durata di circa 6/8 ore; acque di colonia, dove l’intensità non supera il 4%; e eau de fraiche, che contengono meno del 3% di oli essenziali e hanno una durata di poche ore.

 

La persistenza

Una buona fragranza si riconosce già al primo fiuto, ma se riesce a mantenere inalterata la sua essenza dopo diverse ore dall’applicazione quasi sicuramente si tratta di un prodotto di qualità.

Un altro fattore che influenza la durata e la persistenza di un profumo sono le aree del corpo dove viene applicato. I punti strategici che permettono di percepire maggiormente la fragranza, facendola anche durare più a lungo, sono quelli in cui la circolazione sanguigna è più accentuata, come la base del collo e dietro le orecchie.

Un altro grande classico sono i polsi, ma non bisogna commettere l’errore di strofinarli, altrimenti si rischia di alterare la temperatura, già di per sé alta, della zona modificando di conseguenza le note dell’essenza. Per garantirsi una maggiore durata si può anche spruzzare il prodotto sui capelli, con la sola accortezza di non eccedere con il quantitativo per evitare che l’alcol contenuto vada a seccare la fibra capillare.

Avete mai fatto caso che il più delle volte l’effluvio che si avverte all’apertura del flacone non corrisponde a quello che si percepisce sul corpo? Ebbene, questa differenza non deriva solo dalla qualità del profumo scelto, ma anche dal proprio tipo di epidermide: ogni pelle ha un odore particolare, determinato dal pH cutaneo, che cambia da persona a persona. Non solo, a modificare la percezione di una fragranza è anche la traspirazione, poiché il sudore, mescolandosi alle essenze e all’alcol contenuti nel profumo, tende a creare sentori completamente diversi.

Infine, un altro fattore che determina la persistenza di un profumo è il tasso lipidico del derma: se la pelle è grassa, per esempio, il sebo presente sulla superficie cutanea andrà a interagire con le materie odorose della composizione, alterandone in modo significativo il bouquet.

In conclusione, è consigliabile acquistare un profumo solo dopo averlo provato di persona e non perché è sembrato buono sulla pelle di un amico.

I gusti personali

Nel mondo dei profumi la differenza di genere è diventata ormai démodé. Ci sono, infatti, uomini che preferiscono “rubare” dal beauty case della propria compagna il suo profumo dalla fragranza unisex, e lo stesso vale per le donne. A ogni modo, il settore degli eau de parfum è in continua espansione e offre un variegato ventaglio di marche, tipologie e formati.

La scelta del profumo, a prescindere dalla notorietà e dai trend del momento, è una decisione strettamente personale che dovrebbe basarsi principalmente sull’emozione olfattiva che la fragranza è in grado di suscitare. Se le note che si avvertono colpiscono l’immaginazione e sollecitano i ricordi, magari stimolando anche la propria sensualità, allora molto probabilmente quello è il profumo giusto.

Dalle fragranze fruttate e fresche ideali per la stagione estiva, alle essenze ambrate e legnose che donano virilità e raffinatezza a chi le indossa, passando per gli aromi misteriosi e avvolgenti delle composizioni muschiate, affidarsi al proprio naso per scegliere il profumo che più corrisponda alla propria personalità e al proprio stile è sempre una strategia vincente, non dimenticatelo mai!

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 06.04.20

 

Il mistero di un effluvio orientale, la freschezza di un aroma agrumato, le note calde del cedro: i profumi da uomo sono capaci di conquistare l’universo femminile, lanciando un chiaro messaggio di stile. Ecco le fragranze maschili che piacciono a lei.

 

Ah, le donne! Non puoi vivere con loro e non puoi vivere senza di loro. Tutti gli uomini, presto o tardi, fanno questa considerazione, ma poi alla fine la maggior parte di loro si ritrova a escogitare mille strategie per conquistare la donna dei propri sogni. 

Quando si vuole fare colpo su qualcuno non sempre è necessario avvalersi delle parole o di uno jus raffinato: basta una fragranza, quella giusta, per aumentare il proprio potere seduttivo e influenzare la percezione che gli altri hanno di noi.

Certo, non si può negare che le campagne pubblicitarie messe in atto dai brand più famosi abbiano contribuito a rendere alcuni profumi maschili molto ambiti, ma al di là del marketing ci sono delle note olfattive su cui puntare per accendere il desiderio femminile e fare breccia sui sensi della partner.

Ma procediamo per gradi: scegliere un ottimo profumo da uomo significa scegliere il proprio “biglietto da visita”, poiché capace di riflettere la personalità, il carattere e il mood di chi lo indossa. Non a caso, le percezioni sensoriali legate a un determinato sillage inducono la persona che ci sta di fronte a tracciare un ipotetico profilo di noi, risvegliando talvolta emozioni e ricordi molto piacevoli.

Da qui è chiaro che se non si vuole passare inosservati è d’obbligo scegliere la fragranza giusta. In questo post parleremo dei migliori profumi maschili, non i più costosi, famosi o apprezzati dalla massa, ma quelli che più degli altri si distinguono per il loro carattere seduttivo, rendendo più attraente un uomo.

 

I profumi che piacciono alle donne

Premesso che il principale tratto distintivo di un uomo è il suo profumo, ci sono fragranze capaci di sedurre una donna creando alchimie misteriose e suggestioni a cui è impossibile resistere. Prendiamo come esempio il nuovo Man in Black di Bulgari: le sue note orientali urlano energia e mascolinità, mentre i sentori speziati che chiudono la piramide olfattiva firmano la parte più misteriosa della composizione, rispecchiando la personalità virile e intrigante di chi lo indossa.

Un altro classico intramontabile che sta riscuotendo un grande successo è il Dior Sauvage, caratterizzato da piacevoli note aromatiche date dagli avvolgenti effluvi agrumati del mandarino, a cui si aggiungono i delicati sentori di cuoio e sandalo dello Sri Lanka che creano un sillage mascolino capace di sedurre le donne che subiscono il fascino dell’uomo forte e sicuro di sé.

Attenzione però: il profumo è sì una potente arma di seduzione, ma per raggiungere il proprio obiettivo di conquista è fondamentale scegliere la fragranza adatta. Le donne, infatti, hanno un olfatto più sviluppato rispetto agli uomini, quindi è importante che il profumo indossato sia gradito alle signore, in modo da creare un trait d’union fra il proprio gusto e quello sensibile e sagace del gentil sesso.

In commercio sono disponibili diverse tipologie di profumi che si differenziano per concentrazione e composizione: negli eau de parfum l’intensità della fragranza è compresa tra il 10% e il 15%, assicurando una persistenza sul corpo che va anche oltre le 24 ore. Gli eau de toilette, invece, contengono una percentuale di essenza tra il 3 e l’8%, per cui possono essere considerati una versione più leggera dei tradizionali profumi, ideali per gli uomini sobri ma comunque attenti ai dettagli. Infine, abbiamo le acque di colonia, la cui intensità è pari al 2-4% circa, con una durata di poche ore.

 

Le sette note olfattive che rendono attraenti gli uomini

Arrivati a questo punto, non ci resta che presentarvi le sette note olfattive capaci di rendere irresistibili gli uomini, aumentando il loro potere seduttivo.

 

Vetiver

Tra i legni impiegati nelle composizioni olfattive dei profumi maschili, il vetiver è quello che più degli altri conferisce alla fragranza un carattere deciso e misterioso. I suoi accordi affumicati avvolgono i sensi creando un’atmosfera suggestiva che si addice soprattutto ai periodi autunnali.

Il suo olio essenziale, estratto da una pianta indiana appartenente alla famiglia delle Poaceae, fu impiegato per la prima volta verso la fine degli anni Sessanta e ancora oggi si fa apprezzare per la sua eleganza senza tempo e la particolare freschezza che riporta alla mente piacevoli sentori di terra bagnata.

 

Cedro

Anche il cedro appartiene alla famiglia olfattiva dei legnosi, ponendosi come fragranza decisa, calda e persistente, spesso accompagnata da note di testa aromatiche e vagamente speziate. Il suo olio essenziale si estrae dalla corteccia dell’omonima pianta e si contraddistingue per il suo carattere frizzante e leggero, che molte donne trovano virile. Inoltre, il legno di cedro ha la capacità di sollecitare i ricordi di infanzia, riportando alla mente sentori molto simili a quelli dei pastelli che si utilizzavano tra i banchi di scuola.

 

Muschio

Sin dai tempi antichi, l’odore del muschio viene considerato una potente arma di seduzione maschile in virtù delle sue proprietà afrodisiache. I primi profumi muschiati della storia fanno la loro comparsa negli anni ‘50, quando Dior e Guerlain lanciarono sul mercato fragranze agrumate a cui vennero aggiunte avvolgenti note di muschio bianco.

Ancora oggi è uno degli effluvi più utilizzati nella creazione dei profumi maschili proprio perché esprime raffinatezza e sensualità allo stesso tempo, senza però risultare eccessivamente invadente.

 

Vaniglia

Anche alla vaniglia vengono attribuite proprietà afrodisiache, poiché capace di stimolare la libido femminile grazie alla presenza di sentori molto simili ai feromoni maschili. I profumi appartenenti a questa famiglia olfattiva si distinguono per il loro carattere dolce e avvolgente, ideale per conquistare le donne che vogliono un compagno romantico e passionale al tempo stesso.

Cuoio

Le note olfattive denominate “cuoio” sono considerate un patrimonio storico della profumeria, in quanto capaci di enfatizzare la sensualità della composizione. Anche in questo caso, ci troviamo di fronte a fragranze decise con leggere inflessioni vellutate, che delineano la figura di un uomo raffinato e virile.

 

Agrumi

Bergamotto, limone e arancia amara sono le note che, invece, compongono la piramide olfattiva dei profumi agrumati. Queste fragranze si addicono agli uomini solari e sportivi che vogliono essere irresistibili in ogni circostanza. Sebbene gli effluvi di agrumi si prestino a creare un’atmosfera informale e amichevole, le note di cuore caratterizzate da piacevoli incursioni di bouquet fioriti creano un effetto molto suggestivo in grado di fare breccia non solo sui sensi femminili, ma anche sulle emozioni e sugli stati d’animo.

 

Cardamomo

Utilizzato fin dai tempi dei greci e dei romani, l’essenza di cardamomo è alla base di molte creazioni profumate. Si tratta di una spezia tropicale che, in combinazione allo zafferano e alla vaniglia, riesce a creare un mix morbido e vellutato dai sentori lievemente floreali, ideale per chi vuole mettere in evidenza il proprio carattere dolce e premuroso, senza però apparire eccessivamente stucchevole.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 06.04.20

 

Quando si vuole conquistare una donna non servono fiori e frasi romantiche, ma basta una fragranza, quella giusta. La comunicazione olfattiva è la migliore arma di seduzione di un uomo, quindi al bando poesie e cioccolatini, e applichiamo sulle zone strategiche un buon profumo che, all’occorrenza, lasci una scia a cui è impossibile resistere.

 

Quando si tratta di seduzione, l’olfatto gioca un ruolo fondamentale. Bellezza ed eleganza sono sicuramente un buon punto di partenza, ma nel momento in cui si vuole fare colpo su una donna anche la comunicazione olfattiva dettata dal fascino del profumo che si indossa può fare la differenza.

Tuttavia, per sfruttare al meglio questa particolare “arma di seduzione”, non basta acquistare il miglior profumo da uomo disponibile sul mercato, ma bisogna anche scegliere la fragranza giusta, tenendo conto del proprio stile di vita e del proprio carattere.

In effetti, l’incisività del binomio profumo/seduzione trova conferma anche nel mondo dell’arte, del cinema e della musica: basti pensare al film di Dino Risi “Profumo di donna” per capire quanto una fragranza possa rappresentare il tratto distintivo di una persona, uomo o donna che sia; oppure alla scena di “Ocean’s Thirteen” dove Matt Damon riesce a conquistare Ellen Barkin con un lembo di carta permeato di feromoni.

Quindi, sembra proprio che questa teoria del profumo come strumento di seduzione non sia del tutto infondata, anzi in un certo senso viene addirittura avvalorata dalla scienza. Il nostro corpo, infatti, produce delle sostanze endogene, chiamate feromoni, capaci di innescare reazioni comportamentali diverse, tra cui anche il richiamo sessuale.

Ma perché i profumi maschili vengono considerati afrodisiaci? E come riescono a fare breccia sui sensi della controparte femminile? Andiamo a scoprirlo.

 

I profumi che seducono

Quando si vuole conquistare la donna dei sogni, sicuramente la location, le buone maniere, l’outfit giusto e un’atmosfera romantica giocano un ruolo chiave, ma non sono tutto. C’è un particolare, in effetti, che può fare la differenza: il profumo.

L’odore che emaniamo può lasciare un ricordo piacevole nella testa del partner e accendere una scintilla che dà il via libera alla fantasia. È importante, quindi, capire come sfruttare al meglio questo piccolo asso nella manica per raggiungere il proprio obiettivo di conquista.

Innanzitutto, bisogna individuare la fragranza che possa fare colpo sul gentil sesso: i profumi legnosi e muschiati, per esempio, sono potentissimi detonatore di ricordi, poiché capaci di far riaffiorare nella mente di una donna sensazioni molto piacevoli. Le fragranze agrumate, invece, rappresentano veri e propri “biglietti da visita” della sensualità di un uomo, esprimendo il suo mood stilistico. Molto diffusi e apprezzati dalle gentildonne sono anche i profumi orientali, che aggiungono un tocco di mistero a qualsiasi outfit stimolando i sensi e la sfera del piacere.

 

I punti giusti

Una volta scelta la fragranza da indossare, non penserete mica sia finita qui? Per sedurre una donna è importante anche capire come applicare il profumo in modo corretto. Ci sono, infatti, dei punti strategici che permettono alla persona che si vuole attrarre di sentire appieno il sillage che il profumo indossato lascia dietro di sé.

Tra queste segnaliamo, in particolare, il collo e la zona dietro le orecchie, che consentono di percepire maggiormente la fragranza applicata e di farla durare più a lungo. Un buon escamotage, sempre in termini di seduzione, è quello di spruzzare un po’ di prodotto anche sulle guance, in modo che già al primo saluto la nostra “vittima” possa avvertire subito il nostro odore.

Altri punti particolari dove applicare il profumo sono i polsi, il gomito, dietro le ginocchia, le mani e il torace. Quindi, una volta scelto l’eau de parfum giusto e piazzato sui punti strategici del corpo, non vi resta che sprigionare tutto il vostro charme per fare colpo.

 

Quale fragranza scegliere per conquistare una donna

Vista la vasta gamma di fragranze disponibili in commercio, scegliere un profumo in base alla sua capacità di sedurre potrebbe diventare un’impresa davvero complicata. Sebbene il più delle volte si tenda a preferire una fragranza sulla scorta dei propri gusti personali, è bene tenere a mente che esistono bouquet particolari e scie olfattive molto persistenti capaci di stimolare specifici impulsi, compreso quello sessuale.

Le note “legnose” del patchouli e del sandalo sono le più seducenti in assoluto, poiché capaci di rispecchiare le tante sfaccettature della personalità maschile contemporanea: sicura e tenace nella mente ma forte e sensuale nell’anima, con un leggero alito di libertà.

I profumi floreali, invece, riflettono un carattere gentile e romantico, quindi se la donna che si vuole conquistare cerca un uomo dolce che sia sempre attento ai suoi bisogni, magari con una punta di passionalità – che non guasta mai – sono sicuramente una scelta azzeccata.

Le fragranze fruttate, soprattutto quelle caratterizzate dalle note fresche e avvolgenti degli agrumi, comunicano invece una certa estrosità e, allo stesso tempo, attenzione per i dettagli; mentre i profumi speziati, ovvero quelli dall’essenza penetrante e sensuale, esortano a inoltrarsi alla scoperta di quella personalità misteriosa e intrigante che tanto piace alle donne dal carattere forte.

Profumi ai feromoni: funzionano davvero?

Più che il profumo, la vera arma di seduzione di un uomo è il testosterone, un ormone tipicamente maschile deputato alla produzione dei cosiddetti feromoni. Questi ultimi sono sostanze chimiche in grado di inviare specifici segnali olfattivi che possono innescare risposte sessuali molto potenti. Le donne quando sono attratte da un uomo parlano spesso di “chimica”, ma in realtà sono proprio questi feromoni a prende inconsciamente il sopravvento.

Per seminare una scia irresistibile, si può allora ricorrere a profumi formulati proprio a base di queste sostanze. Incredibile ma vero: molte aziende famose hanno di recente lanciato sul mercato fragranze ai feromoni per aiutare gli uomini a fare colpo sulla controparte femminile.

Ogni profumazione si propone di esprimere la personalità di chi la indossa, per cui in vendita si possono trovare profumi pensati per renderci più attraenti, da utilizzare magari nei momenti di intimità o più semplicemente per sedurre al primo appuntamento.

Qualunque sia la fragranza preferita, recenti studi hanno dimostrato come i feromoni possano scatenare sentimenti di desiderio passionale e accendere l’interesse degli altri, ma ovviamente non si tratta né di pozioni magiche né di formule miracolose. Per far scattare la scintilla che porta all’innamoramento, i feromoni possono dare sicuramente il loro contributo, ma molto chiaramente dipende dalla nostra personalità e dalla nostra autostima.

Questi profumi, inoltre, non vengono utilizzati solo da chi è alla ricerca di un partner: molti uomini d’affari, infatti, li indossano per apparire più carismatici e guadagnare la fiducia di clienti e collaboratori, mentre altri li usano semplicemente per ottenere quel fascino aggiuntivo che li aiuti a sentirsi a proprio agio nei rapporti interpersonali.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 06.04.20

 

Volete profumare la vostra casa senza utilizzare prodotti chimici? Grazie ai nostri consigli potrete realizzare un deodorante per ambienti “home made” sfruttando ingredienti naturali e facilmente reperibili, oltre che low cost.

 

Prendersi cura della propria casa è un’abitudine che può regalare grandi soddisfazioni a quanti voglio rendere gli spazi abitativi accoglienti e perfettamente igienizzati. Un valido aiuto per raggiungere questi obiettivi ci viene dato anche dai deodoranti per ambienti, il cui compito è quello di mantenere gradevole e profumata l’aria delle nostre abitazioni. 

Scegliere il miglior deodorante per le proprie esigenze è sicuramente il primo passo per neutralizzare gli odori sgradevoli e rendere gli ambienti più vivibili. Il problema, però, è che la maggior parte dei prodotti disponibili in commercio contiene sostanze di sintesi nocive sia per la salute umana sia per l’ecosistema, e il fatto che le scritte sulle etichette sembrano arabo di certo non migliora le cose.

La soluzione migliore è, quindi, quella di creare dei profumi per ambienti “fai da te”, sfruttando ingredienti naturali, facilmente reperibili e soprattutto economici. In questo modo, oltre a salvaguardare la propria salute e quella dell’ecosistema, si potrà dare un tocco personale alla propria casa con aromi insoliti e originali rispetto a quelli che si trovano solitamente nei supermercati. Di seguito, vi proponiamo cinque ottime ricette per realizzare un deodorante “home made” unico ed efficace.

 

Deodorante per ambienti al limone

Questo deodorante per ambienti è adatto a ogni stanza della casa: in camera da letto, nel bagno e soprattutto in cucina, dove l’odore di cucinato è predominante rispetto al resto. Queste affascinanti composizioni possono trovare posto anche all’interno degli armadi o su un tavolo, poiché si tratta di elementi decorativi che non occupano troppo spazio.

Inoltre, in virtù del suo profumo fresco e piacevole, il limone risulta ideale per eliminare i cattivi odori di muffa e tabacco, oltre a essere un valido disinfettante. La preparazione di questo efficace deodorante per ambienti è abbastanza semplice e richiede pochi ingredienti.

Per prima cosa procuratevi: una scorza di limone, mezzo bicchiere di alcol denaturato, qualche goccia di olio essenziale al limone, 200 ml di acqua distillata e dei midollini di legno.

Prendete una boccetta di vetro trasparente e, dopo averla riempita per metà con l’alcol, inserite la scorza di limone e lasciatela macerare per almeno 5 ore. Trascorso questo tempo, aggiungete l’acqua distillata e unite al composto dieci gocce di olio essenziale al limone, mescolando energicamente il tutto per far amalgamare bene gli ingredienti.

A questo punto, non dovrete far altro che inserire i bastoncini nella bottiglia e posizionarla dove preferite, con la sola accortezza di cambiare a giorni alterni la posizione dei midollini per intensificare la diffusione della fragranza.

 

Bicarbonato di sodio

Dalla pulizia delle superfici di casa alla bellezza del corpo, il bicarbonato di sodio è da sempre considerato una fonte inesauribile di utilizzi e soluzioni “home made”. Non a caso, si rivela estremamente efficace anche come deodorante per ambienti, soprattutto in virtù delle sue proprietà igienizzanti e anti-odore.

Per creare un profumo per la casa a base di questo portentoso ingrediente naturale, riempite un contenitore spray vuoto (come quelli di profumi e cosmetici, dopo averli lavati accuratamente) con acqua calda, bicarbonato e qualche goccia del vostro olio essenziale preferito, o in alternativa con del succo di limone.

Dopo aver mescolato bene il tutto, spruzzate la soluzione nelle stanze della casa per diffondere un gradevole profumo di pulito, e all’occorrenza anche sui tessili e la biancheria da letto per eliminare eventuali odori di umidità e muffa.

 

Candele profumate

Se vi piacciono le candele profumate ma temete che quelle disponibili in commercio contengano sostanze chimiche dannose per la salute e per l’ambiente, anche in questo caso potete ricorrere al buon vecchio fai da te.

A dispetto di quanto si possa pensare, realizzare questi profumati elementi decorativi per la casa con ingredienti 100% naturali ed ecologici è molto facile. Per prima cosa, procuratevi della cera d’api naturale e mettetela a bagnomaria in un pentolino per farla sciogliere.

Una volta ottenuta una consistenza piuttosto liquida, aggiungete qualche goccia dell’olio essenziale che preferite e mescolate il tutto con un cucchiaio di legno per impedire la formazione di grumi. Ora procedete con la preparazione degli stoppini intrecciando due fili di cotone spesso, prestando attenzione però alla lunghezza. Lo stoppino, infatti, dovrà essere almeno cinque centimetri più lungo dello stampo che utilizzerete per dare forma alla vostra candela, altrimenti non sarà possibile accenderla.

A questo punto, posizionate il lucignolo in verticale al centro dello stampo (per facilitare l’operazione vi consigliamo di immergerlo per qualche secondo nella cera bollente per farlo indurire), versate la cera ancora calda e attendete finché il composto non si sarà solidificato. Se avete utilizzato un contenitore di vetro trasparente, potete anche lasciare la candela al suo interno, altrimenti estraetela dallo stampo una volta che si sarà raffreddata.

Per rendere la composizione ancora più gradevole sotto il profilo estetico, potete aggiungere alla cera liquida del colorante naturale della vostra tonalità preferita oppure dei petali di fiori secchi.

 

Gelatine profumate

In alternativa alle candele si possono realizzare delle coloratissime gelatine profumate da lasciare in bella vista su un mobile o una mensola della casa. Ecco come procedere: in un pentolino portate a bollore 200 ml di acqua fredda, aggiungete 50 grammi di gelatina in polvere e mescolate fino a che non si sarà sciolta completamente. Unite al composto un pizzico di sale continuando a mescolare e, quando avrà assunto una consistenza pastosa, aggiungete 20/30 gocce del vostro olio essenziale preferito e un po’ di colorante alimentare della tonalità che più vi piace.

Infine, versate il composto nel contenitore scelto (meglio se in vetro trasparente) e lasciatelo raffreddare: la vostra gelatina profumata è pronta per diffondere un piacevole profumo in tutta la casa per circa un mese.

Gessetti profumati

Se oltre a profumare la casa, cercate una soluzione che contribuisca anche a decorarla, vi consigliamo di preparare degli accattivanti gessetti profumati. Grazie ai numerosi stampi disponibili in commercio sarà possibile realizzare elementi decorativi di diverse forme e colori, da appendere alle pareti o posizionare all’interno di vasi e ciotole per impreziosire gli ambienti.

Per prepararli potete ricorrere a due tecniche: la prima consiste nell’utilizzare della polvere di gesso ad asciugatura rapida, facilmente reperibile nei negozi di bricolage; mentre la seconda prevede l’uso del bicarbonato in sostituzione del comune gesso, che a quanto sembra assicura gli stessi risultati.

In entrambe i casi il procedimento è lo stesso e consiste nell’aggiungere a un bicchiere di gesso (o bicarbonato) mezzo bicchiere di acqua, mescolando il composto con cura per impedire la formazione di grumi. Ora, unite al preparato venti gocce del vostro olio essenziale preferito e, se volete creare dei gessetti colorati, un po’ di colorante naturale.

Una volta mescolato bene il tutto, versate l’impasto negli stampini e lasciate in posa per qualche ora, fino a che non si sarà indurito. Voilà, i vostri gessetti profumati fai da te sono pronti per profumare gli ambienti domestici con originalità e stile.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 06.04.20

 

Che si tratti di un deodorante tradizionale o di un antitraspirante, questi cosmetici svolgono il loro compito in modo efficace e, nella maggior parte dei casi, riducono gli odori sgradevoli, impedendone la formazione. Di fatto, però, i consumatori non conoscono bene la differenza tra le varie formulazioni, argomento che tratteremo in maniera approfondita nel presente post.

 

L’estate è sicuramente il periodo dell’anno in cui la voglia di vacanze e di pomeriggi passati a rilassarsi in riva al mare si fa maggiormente sentire. Ma è anche quello della sudorazione incoercibile, delle ascelle “pezzate” e degli odori sgradevoli, per non parlare poi delle imbarazzanti macchie sui vestiti e delle docce che sembrano non bastare mai.

Ma come eliminare questi sgraditi inconvenienti? Le soluzioni, in effetti, sono tantissime, anche se la maggior parte dei consumatori spesso non è adeguatamente informata sull’argomento. In America, per esempio, il deodorante più venduto è l’antitraspirante, che viene considerato un vero e proprio farmaco, a differenza del nostro Paese che invece lo cataloga come cosmetico, al pari di quello tradizionale.

La confusione, quindi, è abbastanza lecita e presuppone una maggiore cautela in fase di scelta. Sebbene venga considerato un nemico da combattere, in realtà il sudore è fondamentale per la regolazione della temperatura corporea, mentre i veri responsabili degli aromi spiacevoli sono i batteri che, attivandosi a contatto con le sostanze volatili presenti sulla pelle, generano secrezioni maleodoranti.

Per prevenire la proliferazione degli odori imbarazzanti è buona norma prestare la dovuta attenzione alla propria igiene personale, cambiare gli abiti con una certa frequenza e utilizzare un deodorante adatto alle proprie esigenze cutanee e formulato per risolvere una specifica problematica. A questo punto sorge spontanea una domanda: quale formulazione scegliere tra le tante disponibili in commercio? La risposta è nel post a seguire.

 

Deodorante o antitraspirante?

Ai fini di una scelta consapevole, è fondamentale conoscere la differenza tra deodorante e antitraspirante. Secondo uno studio condotto dall’Università di Catania nel 2016, un consumatore su tre è convinto che le due tipologie siano assolutamente identiche, nulla di più sbagliato naturalmente!

Per quanto apparentemente simili tra loro, gli antitraspiranti e i deodoranti sono cosmetici che sfruttano meccanismi d’azione diversi, svolgendo di conseguenza una specifica funzione. I primi sono formulati prevalentemente con sali di alluminio, il cui compito è quello di ridurre la sudorazione bloccando temporaneamente l’attività delle ghiandole endocrine. In questo modo, il sudore non riesce a uscire anche per diversi giorni consecutivi, per cui il rischio di emanare un cattivo odore è quasi pari a zero.

Questi cosmetici sono abbastanza sicuri e non comportano particolari effetti collaterali, sebbene il loro utilizzo prolungato e in quantità eccessive potrebbe irritare la pelle, generando talvolta pruriti e bruciori a livello locale.

Il deodorante, invece, agisce direttamente sui batteri responsabili dei fenomeni degradativi delle componenti volatili solforose presenti sulla cute, mascherando di conseguenza gli odori sgradevoli senza, però, eliminarli del tutto. Visto, poi, che questi prodotti svolgono anche una funzione antibatterica e antisettica, sono in grado di assicurare un duplice effetto, ossia regolare la sudorazione e bloccare l’attività dei batteri che proliferano sulla superficie cutanea.

A differenza dei precedenti, però, la loro efficacia è alquanto limitata e, dal momento che la loro formula si basa principalmente sull’impiego di alcol e profumi di sintesi, potrebbero comportare nei soggetti più sensibili dolorose irritazioni e pericolose reazioni allergiche.

Per scegliere il prodotto giusto, dunque, è importante sapere di cosa si ha bisogno: se di un cosmetico che copra semplicemente gli odori (deodorante) o di uno che blocchi la sudorazione (antitraspirante). Leggere l’INCI dei deodoranti prima di acquistarli è il primo passo per evitare di mettere a repentaglio la salute della propria pelle, così da non avere brutte sorprese, come allergie, sfoghi cutanei e irritazioni, dovute alla presenza di sostanze a cui si è intolleranti o sensibili.

 

Quale formulazione scegliere

Per scegliere il deodorante giusto bisogna tenere conto delle proprie preferenze e abitudini, senza trascurare – ovviamente – il tipo di problematica sulla quale si vuole agire. In commercio si possono trovare diversi tipi di deodoranti e antitraspiranti con formule e consistenze specifiche che si propongono di soddisfare ogni tipo di esigenza: spray, stick, roll-on, creme, squeeze, non c’è che l’imbarazzo della scelta.

In effetti, queste tipologie sono più o meno identiche in quanto a efficacia, mentre quello che cambia è solo il metodo di applicazione. I deodoranti in spray sono i più diffusi, poiché consentono una rapida asciugatura e non necessitano di un contatto diretto con la pelle, dimostrandosi quindi ideali nel caso in cui si voglia condividerli con altre persone.

Gli stick e i roll-on, invece, sono più pratici da applicare e permettono di modulare il quantitativo di prodotto da utilizzare a seconda delle esigenze, ma per questioni igieniche ne viene sconsigliata la condivisione.

A chi soffre di iperidrosi (sudorazione eccessiva) e ha una pelle particolarmente sensibile, consigliamo le formule in crema, che però necessitano di maggiore accortezza in fase di stesura per evitare di macchiare gli indumenti, soprattutto se non vengono fatte asciugare in modo perfetto.

 

Consigli per una corretta applicazione

Prima di applicare il deodorante o l’antitraspirante è buona norma provvedere a una corretta igiene personale. Oltre a lavare con cura la zona di interesse, è bene utilizzare un sapone a pH neutro che non vada ad alterare il delicato equilibrio epidermico.

Si consiglia, inoltre, di cambiare gli abiti con una certa frequenza, soprattutto in estate o quando si svolgono attività sportive ad alto impatto, e lavarli con un ciclo ad alte temperature per eliminare eventuali cariche batteriche.

Infine, dopo la depilazione è preferibile attendere almeno un giorno prima di applicare il deodorante, scegliendone uno specifico che contenga sostanze lenitive e idratanti.

Gli ingredienti da evitare

Per scegliere il prodotto giusto, al di là delle preferenze e dei gusti personali, bisogna considerare anche la propria tipologia di pelle: per chi ha una cute normale, che non presenta particolari sensibilità o allergie, un cosmetico vale l’altro, mentre in caso di pelle delicata o reattiva, la decisione andrà ponderata con maggiore attenzione.

In entrambe i casi, sarebbe meglio stare alla larga da ingredienti chimici di sintesi, come profumi artificiali e parabeni, che rischiano di compromettere il delicato equilibrio idrolipidico della zona, mentre i soggetti sensibili dovrebbero optare per cosmetici molto delicati e di stampo naturale.

In alternativa al deodorante tradizionale, si può utilizzare la pietra di allume di potassio (o allume di rocca) che, oltre a eliminare efficacemente i cattivi odori, è assolutamente priva di sostanze aggressive e potenzialmente irritanti. 

Esistono, infine, altri ingredienti naturali dalle proprietà antibatteriche e antitraspiranti che possono essere sfruttati per autoprodurre in casa un buon deodorante fai da te, come la salvia, dalle note proprietà antisettiche e rinfrescanti, il rosmarino, a effetto purificante e astringente, e la camomilla, che si fa apprezzare per la sua azione igienizzante e tonificante.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 06.04.20

 

Con l’arrivo dell’estate, uno dei must have di bellezza che non manca mai nei beauty case dei consumatori è il deodorante. Ma sul web (e non solo) è facile cadere vittima delle fake news che riguardano questo prodotto. Scopriamo insieme quali sono le bugie più diffuse sui deodoranti.

 

Tra tintarella, spiagge e attività sportive, la bella stagione porta con sé tutto il suo carico di entusiasmo ed euforia, ma segna anche l’arrivo di uno dei problemi più imbarazzanti e temuti da uomini e donne: la sudorazione. 

Certo, si può ricorrere a uno dei migliori deodoranti venduti online, ma è anche vero che su questi prodotti se ne sentono di tutti i colori: dai cosmetici antitraspiranti a base di sali di alluminio e zinco che promettono fino a 48 ore di protezione, alle leggende metropolitane secondo cui il loro utilizzo potrebbe addirittura aumentare il rischio di sviluppare tumori cutanei.

Ma quante di queste dicerie corrispondono a verità? In questo post abbiamo raccolto i cinque pregiudizi più comuni legati all’uso dei deodoranti, aggiungendo alcuni utili consigli per una scelta consapevole.

 

Il deodorante è inutile se ci laviamo con una certa frequenza?

IN PARTE VERO, IN PARTE FALSO. Quando da bambini uscivamo a giocare all’aperto con i nostri amici la mamma ci raccomandava sempre di non sudare, ma ovviamente nessuno ha la facoltà di controllare la propria sudorazione in modo volontario. Succede e basta, ed è un bene che sia così.

In caso di sforzi fisici, stimoli emotivi o quando fa particolarmente caldo, il nostro organismo avverte automaticamente la necessità di dissipare il calore accumulato per mantenere la temperatura corporea costante, tra i 36 e i 37° C. Questo processo di regolazione avviene proprio attraverso la sudorazione, che è dunque un meccanismo naturale e inevitabile almeno quanto la respirazione.

A dispetto di quanto si possa pensare, il sudore in sé è una sostanza incolore e inodore, e i veri responsabili degli odori sgradevoli sono i batteri che si vengono a formare al suo interno. Visto che la sudorazione rappresenta una barriera protettiva naturale del nostro organismo, è chiaro che i deodoranti non dovrebbero bloccarla del tutto, ma piuttosto neutralizzarne gli effetti negativi.

Sicuramente una corretta igiene personale, con lavaggi frequenti, l’uso di detergenti a pH neutro e un cambio frequente di abiti, aiuta a tenere sotto controllo la proliferazione dei cattivi odori, così come radersi nelle aree del corpo che producono più umidità, come ascelle e inguine.

Visto, però, che per molti di noi questi accorgimenti potrebbero non bastare per regolare la sudorazione e la conseguente formazione di sostanze volatili maleodoranti, diventa fondamentale l’uso di un buon deodorante che si proponga di minimizzare la proliferazione degli enzimi batterici responsabili dei fenomeni degradativi del sudore senza, però, alterare il delicato equilibrio epidermico della zona: i migliori in tal senso sono quelli formulati con sostanze antitraspiranti (come i sali di alluminio e lo zinco), o ad azione batteriostatica per inibire l’attività della flora batterica che genera i cattivi odori.

 

È vero che i deodoranti formulati con alluminio sono cancerogeni?

FALSO. In effetti, la notizia (o per meglio dire la “fake news”) circola in rete da un po’ di tempo, generando inutili allarmismi tra i consumatori. Alcuni di questi articoli mettono in guardia sul fatto che i sali di alluminio e i parabeni contenuti in molti deodoranti avrebbero un effetto cancerogeno, poiché impedirebbero alla pelle di eliminare determinate tossine con il sudore, promuovendo così lo sviluppo di tumori e linfonodi. Si sostiene anche che l’abitudine di depilare le ascelle favorisca la penetrazione di sostanze tossiche attraverso l’epidermide.

Inutile dire che si tratta solo di sciocche credenze popolari che non hanno alcun riscontro scientifico. Recenti studi, infatti, hanno dimostrato che in realtà non esiste alcuna relazione di causa ed effetto tra queste sostanze e il rischio di sviluppare un tumore. È bene anche precisare che ricorrere alla ceretta o al rasoio può sì aumentare il rischio di irritazioni e infezioni cutanee, senza però modificare l’assorbimento delle suddette sostanze attraverso la cute.

Chi cerca una valida alternativa ai tradizionali cosmetici antitraspiranti disponibili sul mercato, può utilizzare l’allume di rocca o di potassio, una pietra inodore e incolore priva di alcol, siliconi e parabeni. Questi prodotti naturali sono ideali per quanti hanno una cute particolarmente sensibile o delicata, poiché riducono al minimo il rischio di irritazioni e dermatiti da contatto, regolando al contempo la traspirazione della pelle, mantenendola fresca e asciutta per tutto il giorno.

 

Per avere una maggiore “copertura” è necessario utilizzare un deodorante antitraspirante?

VERO E FALSO. I deodoranti antitraspiranti che assicurano fino a 48 ore di protezione, in genere, mantengono tutte le promesse fatte (in alcuni casi, infatti, la loro persistenza può durare fino a due giorni e persino di più), ma molto – ovviamente – dipende anche dalla propria igiene personale.

Per far sì che il deodorante svolga il suo compito nel miglior modo possibile, è necessario lavare accuratamente la zona di interesse prima dell’applicazione, in modo da rimuovere le impurità e permettere alle sostanze contenute di ridurre la proliferazione degli odori sgradevoli.

 

Si può applicare il deodorante subito dopo la depilazione?

VERO, MA BISOGNA ADOTTARE ALCUNE PRECAUZIONI. Dopo la depilazione è preferibile non applicare nulla sulla pelle, ma se proprio non possiamo farne a meno, è consigliabile utilizzare un deodorante specifico, delicato e formulato senza aggiunta di sostanze chimiche potenzialmente irritanti.

Come già anticipato, la sudorazione è un processo fisiologico naturale che il nostro organismo attiva automaticamente per mantenere la temperatura corporea costante: il sudore, oltre a svolgere un’importante funzione termoregolatrice e antisettica, elimina le tossine e mantiene inalterato l’equilibrio idrolipidico della cute; insomma, è fondamentale per il benessere del nostro organismo.

Per ridurre la formazione degli odori sgradevoli, in commercio sono disponibili prodotti adatti a ogni tipo di esigenza, con caratteristiche e funzioni diverse in base alle abitudini e alle preferenze di ciascuno.

Dopo la rasatura, a prescindere dalla tecnica depilatoria utilizzata, la pelle è più stressata e sensibile, per cui è consigliabile applicare il deodorante nelle 24 ore successive, o quantomeno sceglierne uno che non vada ad alterare il delicato pH cutaneo della zona. 

A ogni modo, è buona norma lavare le ascelle subito dopo la depilazione con acqua tiepida e un detergente neutro; e prima di utilizzare il deodorante, è bene testarlo su una piccola parte di pelle per essere sicuri che non generi irritazioni o fastidiosi bruciori.

I deodoranti dermatologicamente testati sono più sicuri?

FALSO. Quando sulle etichette dei cosmetici appare la scritta “dermatologicamente testato”, questo non vuol dire che il prodotto sia più sicuro di altri, anzi in realtà potrebbe contenere ugualmente sostanze allergizzanti o sensibilizzanti.

L’unico espediente che può aiutarci a individuare un deodorante efficace che non comporti alcun rischio per la salute della nostra pelle, è quello di leggere attentamente l’INCI del prodotto, ossia la lista degli ingredienti contenuti, per scegliere consapevolmente quello adatto alle proprie esigenze cutanee.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 06.04.20

 

Deodorante – Guida all’acquisto, Opinioni e Confronti

 

La scelta del deodorante è una questione abbastanza soggettiva, poiché l’odore più o meno sgradevole prodotto dal sudore dipende da diversi fattori genetici e ambientali, come l’alimentazione, il sesso, l’età, lo stile di vita e l’igiene personale. Che sia spray, in crema o stick, in vendita si possono trovare prodotti studiati per soddisfare ogni tipo di esigenza e noi ne abbiamo selezionati alcuni tra quelli più richiesti online che, oltre a presentare il miglior rapporto qualità/prezzo sul mercato, si fanno apprezzare per la loro efficacia. In particolare, vi consigliamo di valutare i due articoli che hanno conquistato la vetta della nostra classifica: il Dove Deodorante Original, diventato ormai un’icona nell’ambito dell’igiene quotidiana, si prende cura della pelle assicurando fino a 48 ore di protezione; mentre il Deodorante Minerale di La Tradizione Erboristica Forsan, formulato a base di allume di potassio, si pone come ottimo rimedio naturale contro il sudore. 

 

 

Tabella comparativa

 

Pregio
Difetto
Conclusione
Offerte

 

 

Gli 8 migliori deodoranti – Classifica 2020

 

Nella classifica che segue troverete la nostra recensione dei migliori deodoranti del 2020, scelti dal nostro team tra quelli più richiesti sul mercato tenendo conto di una vasta gamma di esigenze.

 

Deodorante Dove

 

1. Dove Deodorante Original

 

Questo famoso e apprezzato deodorante del noto marchio di prodotti per l’igiene personale Dove, oggi appartenente al gruppo olandese-britannico Unilever, non ha certo bisogno di presentazioni. Formulato senza impiego di alcol e sali di alluminio, assicura fino a 48 ore di protezione lasciando sulla pelle una piacevole sensazione di freschezza che lo rende adatto per quanti sono sempre in movimento.

La sua texture leggera, arricchita con ¼ di crema idratante, nutre e lenisce la zona delicata delle ascelle anche dopo la rasatura o la depilazione. Per questo, il deodorante Dove risulta ideale per tutta la famiglia, anche in caso di pelle particolarmente sensibile o reattiva, ed è privo di profumazioni invadenti che potrebbero entrare in conflitto con altri cosmetici applicati dopo la detersione quotidiana.

Il flacone dispone di un pratico erogatore che ne rende l’applicazione pratica e veloce, ma bisogna prestare attenzione al quantitativo da usare se non si vuole correre il rischio di macchiare gli abiti o di lasciare fastidiose tracce sulla pelle.

 

Pro

Idratante: Ciò che differenza il Dove Original dagli altri prodotti venduti online, è la sua formula arricchita con crema idratante, che aiuta a mantenere la pelle morbida e idratata per tutto il giorno.

Profumazione delicata: Realizzato senza aggiunta di alcol e sali di alluminio, vanta un profumo tenue e delicato che lascia una piacevole sensazione di freschezza anche dopo 48 ore dall’applicazione.

Conveniente: In comparazione ad altre offerte disponibili in commercio, questa è sicuramente la più conveniente sotto il profilo economico, poiché comprensiva di sei bombolette spray, da 200 ml ciascuna, a un prezzo molto vantaggioso.

 

Contro

Ingombrante: Sebbene il flacone da 200 ml garantisca un buon numero di applicazioni, risulta scomodo da portare con sé in viaggio o in palestra a causa del suo notevole ingombro.

Potrebbe macchiare: Bisogna prestare attenzione al quantitativo da applicare per impedire che il prodotto lasci degli antiestetici aloni sui capi scuri.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Deodorante naturale

 

2. La Tradizione Erboristica Forsan Deodorante Minerale 100% naturale

 

La Tradizione Erboristica Forsan è un brand che da oltre 25 anni fonda tutto il suo processo produttivo sulla naturalità e la sicurezza degli ingredienti impiegati per la formulazione dei suoi prodotti, con un’attenzione particolare anche alla sostenibilità ambientale.

Non a caso, al secondo posto della nostra classifica troviamo proprio il suo deodorante naturale a base di Allume di Potassio, un po’ caro rispetto alla media ma assolutamente sicuro sulla pelle e ideale per le persone più esigenti.

Ci ha colpito soprattutto per la sua composizione 100% naturale, priva di alcol, siliconi, OGM e altre sostanze chimiche potenzialmente dannose o aggressive, che assicura un’idratazione profonda e un buon effetto lenitivo. Per questa ragione, il deodorante risulta adatto anche per chi ha la pelle particolarmente delicata e si può applicare subito dopo la depilazione per alleviare eventuali irritazioni o rossori.

Un altro grande vantaggio del prodotto è il suo profumo leggero e delicato che si adatta tanto ai gusti degli uomini quanto a quelli delle donne, ed è clinicamente testato contro ogni possibile reazione avversa.

 

Pro

Naturale: Realizzato con cristallo minerale di Allume di Potassio, il deodorante naturale Forsan è assolutamente privo di alcol, OGM, siliconi e parabeni, per rispettare anche le pelli più sensibili senza provocare arrossamenti o dermatiti da contatto.

Zero macchie sui vestiti: Dal momento che il prodotto non lascia tracce sui capi, non sarà necessario attendere che si asciughi del tutto per potersi vestire, sicuri che dopo aver dato un’ultima occhiata al proprio outfit non ci saranno antiestetiche macchie bianche da rimuovere prima di uscire.

Durata: La sua efficacia anti-odore si protrae fino a 48 ore dall’applicazione, perfetto quindi per chi vuole eliminare i cattivi odori con una profumazione gradevole ma discreta.

 

Contro

Applicazione: Se si inumidisce troppo la pietra c’è il rischio che si formino delle crepe in superficie che potrebbero causare un progressivo sgretolamento del deodorante.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Deodorante intimo

 

3. Bioclin Deo Intimate Spray

 

L’igiene intima è indispensabile per sentirsi puliti e prevenire quei disturbi che interessano l’apparato genitale maschile e femminile. A volte, però, una corretta pulizia potrebbe non bastare per impedire la formazione dei cattivi odori e, pertanto, si può pensare di ricorrere a una soluzione complementare, come un buon deodorante intimo.

A nostro avviso, il migliore è il Deo Intimate Spray di Bioclin, in quanto studiato per eliminare gli enzimi batterici e donare un’immediata sensazione di freschezza e pulizia.

Ideale per chi vuole sentirsi protetto e profumato in ogni momento della giornata, vanta una formula delicata che non altera il naturale pH fisiologico della mucosa genitale, soprattutto durante il ciclo mestruale o la menopausa, quando cioè le difese naturali sono più basse e il rischio di infezioni è più alto.

Il flacone da 100 ml, sebbene venduto a un costo abbastanza alto rispetto alla media, presenta dimensioni tali da poterlo inserire comodamente nella borsa o nel beauty case, così da portarlo con sé anche fuori casa.

 

Pro

Rinfrescante: Oltre a prendersi cura della zona intima riducendo le irritazioni ed eventuali pruriti, il Deo Intimate Spray di Bioclin dona un’immediata sensazione di fresca e pulizia senza alterare il delicato equilibrio fisiologico della mucosa genitale.

Antimicrobico: La sua formula arricchita con attivi antimicrobici assicura un’efficace azione batteriostatica che neutralizza la proliferazione dei batteri responsabili degli odori sgradevoli.

Formato: Il flacone da 100 ml è dotato di un pratico erogatore che ne rende l’applicazione comoda e veloce e, grazie alle sue dimensioni contenute, può essere inserito facilmente nella borsa per portarlo con sé in viaggio, a lavoro o ovunque sia necessario.

 

Contro

Non è economico: È chiaro che un deodorante intimo così valido ed efficace non poteva trovarsi in vendita a prezzi bassi. Se nonostante il costo alto volete comunque sapere dove acquistare il prodotto di Bioclin, il seguente link vi rimanderà allo store online che lo propone al miglior prezzo.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Deodorante Borotalco

 

4. Borotalco Deodorante Fresh Spray

 

Il miglior deodorante per le proprie esigenze deve essere efficace, antiodorante e regolatore della sudorazione. Tra i prodotti più venduti che presentano queste caratteristiche, il deodorante Borotalco Fresh Spray è uno dei pochi che mantiene tutte le promesse fatte.

Tanto per cominciare, l’offerta comprende ben dodici flaconi in formato spray da 150 ml ciascuno a un costo davvero conveniente, così da non rimanere mai senza il proprio deodorante preferito e ottenere un notevole risparmio economico.

Il prodotto piace soprattutto per la sua composizione a base di microparticelle di talco che assorbono efficacemente il sudore e regolano la naturale traspirazione della pelle, mantenendola fresca e asciutta fino a 48 ore dall’applicazione.

Il profumo è abbastanza tenue e delicato, per cui risulta adatto anche per chi non tollera gli odori troppo forti e pungenti, mentre l’assenza di alcol permette di usarlo anche tutti i giorni senza avvertire fastidi, ma è bene prestare attenzione al quantitativo da applicare per non rischiare di macchiare i vestiti.

 

Pro

Profumazione: Il profumo di Borotalco si unisce ai freschi effluvi di agrumi per donare alla zona ascellare un odore molto gradevole che permane a lungo senza risultare troppo invadente.

Efficace contro il sudore: Prodotto con microparticelle di talco, rientra nella categoria dei deodoranti adsorbenti poiché capace di assorbire efficacemente il sudore lasciando la pelle fresca e asciutta per 48 ore.

Senza alcol: Chi non sa quale deodorante comprare perché ne cerca uno abbastanza delicato da non comportare irritazioni o fastidi, potrà fare affidamento sulla formulazione priva di alcol e parabeni del nuovo Borotalco Fresh Spray, perfetto anche per chi ha una cute sensibile o reattiva.

 

Contro

Potrebbe macchiare: L’unico appunto che possiamo muovere al prodotto è la formazione di antiestetici aloni e macchie bianche sui vestiti se non si presta attenzione al quantitativo da applicare.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Deodorante Breeze

 

5. Breeze Deodorante Squeezer Classico 67

 

Se siete alla ricerca di un deodorante senza alluminio che, oltre a essere delicato sulla pelle, garantisca una protezione attiva contro i cattivi odori, secondo noi la vostra scelta dovrebbe ricadere su uno dei prodotti appartenenti alla linea Squeezer di Breeze.

Tra i più venduti spicca in particolare il Classico 67, caratterizzato da un’ottima efficacia anti-odore che permette di stare in movimento tutto il giorno, anche quando fuori fa molto caldo, senza avvertire quella fastidiosa sensazione di bagnato che fa venire voglia di cambiarsi.

Pur non essendo il prodotto più economico della nostra lista, riteniamo che il prezzo sia assolutamente proporzionato alla qualità della formulazione, visto che tra gli ingredienti non sono presenti sali di alluminio e parabeni che potrebbero causare irritazioni e arrossamenti.

La profumazione è abbastanza forte ma comunque discreta e dona una piacevole sensazione di freschezza che dura a lungo, mentre l’applicazione del deodorante Breeze risulta agevole grazie al nuovo vaporizzatore no gas che permette di dosare sempre la giusta quantità di prodotto, evitando gli sprechi.

 

Pro

Anti-odore: Applicato regolarmente dopo la doccia, il deodorante Breeze Squeezer Classico 67 protegge dai cattivi odori nei momenti di sudorazione intensa grazie alle sue spiccate proprietà anti-odoranti.

Delicato: La sua formula priva di alcol e sali di alluminio lo rende adatto per tutta la famiglia, poiché lascia la pelle morbida e non causa irritazioni né sfoghi cutanei.

Applicazione: Il flacone da 100 ml è provvisto di un pratico erogatore no gas che, oltre a risultare delicato sulla zona ascellare, permette di applicare sempre il giusto quantitativo senza sperperi.

 

Contro

Profumo: Il prodotto presenta una profumazione abbastanza forte che, per quanto non risulti eccessivamente fastidiosa, potrebbe prevalere sul profumo che si utilizza di solito.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Deodorante Nivea

 

6. Nivea Men Deodorante Cool Kick 48h

 

Tra i nostri consigli d’acquisto non poteva mancare un prodotto pensato appositamente per gli uomini: il deodorante Nivea Cool Kick 48h. Il suo straordinario successo nelle vendite deriva da due fattori: il primo è il costo molto conveniente a cui viene proposto il formato da 50 ml che garantisce una lunga durata, sebbene molto dipenda dalla frequenza di utilizzo; il secondo è la buona qualità del cosmetico, che è formulato senza aggiunta di alcol, coloranti e conservanti per una tollerabilità cutanea dermatologicamente testata.

L’applicatore roll-on risulta scorrevole e pratico da usare, mentre il profumo appare deciso e duraturo, al punto che molti uomini lo utilizzano in sostituzione al proprio profumo abituale, anche per non creare contrasti con la sua fragranza molto marcata.

Passiamo ora in rassegna i pro e i contro del prodotto di maggior successo della linea Nivea For Men, in modo da avere un quadro più preciso delle sue caratteristiche principali e decidere sul suo potenziale acquisto.

 

Pro

Efficace: Il deodorante Cool Kick di Nivea è una certezza in campo cosmetico e igienico perché assicura fino a 48 ore di protezione, riducendo efficacemente la proliferazione dei cattivi odori causati dall’eccessiva sudorazione.

Rapporto qualità/prezzo: Il costo del formato da 50 ml è davvero vantaggioso, soprattutto se si considera la buona qualità della formulazione che, essendo priva di alcol, coloranti e conservanti, risulta adatta anche per gli uomini con pelle sensibile o reattiva.

Roll-on: Dai pareri degli utenti si evince un’ampia soddisfazione in merito alla praticità di applicazione del roll-on, che appare molto scorrevole e permette di applicare sempre il giusto quantitativo di prodotto.

 

Contro

Profumo intenso: La profumazione risulta abbastanza forte e persistente, per cui consigliamo di non esagerare con il profumo per evitare di creare contrasti troppo pungenti e fastidiosi.

Acquista su Amazon.it (€2.49)

 

 

 

Deodorante antitraspirante

 

7. L’Oréal Paris Deodorante Men Expert Cool Power Anti-Traspirante

 

Il deodorante antitraspirante più apprezzato dagli uomini è sicuramente il Men Expert Cool Power di L’Oréal Paris, e non solo per il prezzo conveniente a cui viene venduto il formato da 150 ml, ma anche per la sua formula a base di agenti rinfrescanti che si attivano automaticamente quando la sudorazione corporea aumenta.

Oltre a ridurre i cattivi odori generati dal contatto del sudore con la pelle, l’efficacia antitraspirante dello spray è in grado di bloccare temporaneamente l’attività delle ghiandole sudoripare inibendo, di conseguenza, la proliferazione dei batteri che generano secrezioni ascellari maleodoranti.

L’opinione degli utenti che lo hanno già provato è molto positiva, soprattutto in merito alla durata, che si protrae fino a 48 ore dall’applicazione senza mai perdere di intensità. Anche il profumo è stato gradito dai più, sebbene qualcuno l’abbia giudicato troppo pungente e non adatto a chi è intollerante agli odori troppo forti e persistenti.

A ogni modo, se state cercando un deodorante dal costo economico, ma senza per questo rinunciare alla buona qualità, il prodotto di L’Oréal Paris potrebbe essere la soluzione adatta a voi.

 

Pro

Antitraspirante: I sali di alluminio contenuti nella formulazione del prodotto svolgono un’azione astringente capace di assorbire il sudore e di disattivare temporaneamente l’attività delle ghiandole sudorali.

Durata: Il deodorante Men Expert Cool Power di L’Oréal Paris piace soprattutto per la sua efficacia rinfrescante che mantiene la pelle fresca e asciutta fino a 48 ore dall’applicazione; perfetto, quindi, per gli uomini che sono sempre in movimento o praticano attività sportive ad alta intensità.

Costo: Nonostante si tratti di un cosmetico di qualità comprovata, può essere acquistato a un prezzo davvero conveniente.

 

Contro

Profumo intenso: Premesso che non possiamo considerarlo un vero e proprio difetto, perché dipende principalmente dai gusti personali, sta di fatto che in molti non hanno gradito la profumazione intensa e pungente del prodotto.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Deodorante Neutro Roberts

 

8. Neutro Roberts Deodorante Stick Dermazero

 

I nostri consigli d’acquisto si concludono con la recensione del deodorante Neutro Roberts Dermazero che, a differenza di altri prodotti simili, è assolutamente privo di sali d’alluminio, alcol e parabeni, come si evince dal suo INCI praticamente ridotto all’osso.

Ovviamente non stiamo parlando di un deodorante di stampo “green”, visto anche il prezzo economico a cui viene venduto, ciononostante si pone come soluzione ideale per chi ha una pelle particolarmente sensibile e vuole limitare l’impiego di sostanze che comporterebbero irritazioni e arrossamenti nella zona ascellare.

Insomma, si tratta di un prodotto per nulla aggressivo e capace di tenere lontani i cattivi odori fino a 24 ore. Inoltre, la versione stick risulta molto pratica da utilizzare e, grazie alle dimensioni contenute del formato da 40 ml, sarà possibile portarlo in viaggio o in palestra senza causare problemi di ingombro nella borsa o in valigia.

Tuttavia, quest’ultima caratteristica rappresenta un’arma a doppio taglio, dal momento che il quantitativo offerto è abbastanza limitato e non riesce a garantire una durata prolungata, soprattutto in caso di utilizzi frequenti.

 

Pro

Delicato: Gli ingredienti impiegati per la realizzazione del prodotto, pur non essendo di origine naturale, sono dermatologicamente testati nel rispetto delle pelli più sensibili e delicate.

Formulazione: Il principale vantaggio legato all’utilizzo del deodorante Neutro Roberts Dermazero è quello di impedire che la zona ascellare entri in contatto con parabeni, sali di alluminio, alcol e altre sostanze potenzialmente irritanti.

Applicazione: Il profumo appare abbastanza neutro e per nulla invadente, mentre la stesura risulta pratica e veloce grazie alla dotazione di un applicatore roll-on molto scorrevole e facilmente modulabile.

 

Contro

Durata: A differenza di altri prodotti in stick, il Neutro Roberts Dermazero offre un’efficacia di sole 24 ore, mentre il formato da 40 ml non garantisce un buon numero di applicazioni, soprattutto quando utilizzato in maniera frequente.

Clicca qui per vedere il prezzo

 

 

 

Guida per comprare un deodorante

 

Quando si parla di deodorante è impossibile stabilire quale sia il migliore in assoluto, dal momento che ogni formulazione è pensata per rispondere a specifiche esigenze. In spray, stick, roll-on, antitraspirante, dalla texture in crema, sul mercato ne esistono di diverse tipologie, e se vi occorre qualche consiglio sull’argomento, leggete la nostra guida per capire come scegliere un buon deodorante capace di prevenire, mascherare e risolvere il problema della sudorazione e dei cattivi odori che ne conseguono.

L’importanza del sudore

Nell’ambito dell’igiene personale, il sudore viene considerato il male assoluto, indice di una scarsa cura di sé e causa di imbarazzo nei rapporti interpersonali. In realtà, la sudorazione è un fenomeno fisiologico indispensabile per la regolazione della temperatura corporea: quando il corpo si surriscalda, a seguito di un’intensa attività fisica o per via del caldo, le ghiandole sebacee si attivano per raffreddare la superficie corporea attraverso la produzione del sudore.

Oltre ad avere un ruolo chiave nella regolazione e dissipazione del calore, svolge un’altra importantissima funzione: insieme al sebo prodotto dai tessuti epiteliali, si occupa di formare una sorta di film protettivo sulla pelle, che la protegge naturalmente dai batteri e dalle tossine esterne che potrebbero comprometterne la salubrità e l’idratazione.

Inoltre, a dispetto di quanto si possa pensare, il sudore in sé è un liquido inodore e le vere responsabili della puzza sono le sostanze solforate prodotte dalla flora batterica presente sulla cute, soprattutto nella zona inguinale e ascellare.

Per minimizzare la produzione dei cattivi odori, si consiglia quindi di rasare le aree del corpo che producono una maggiore umidità e usare regolarmente un deodorante che, oltre a non alterare l’equilibrio fisiologico del derma, sia modulato sulle necessità dell’organismo per risolvere una specifica problematica.

In effetti, scegliere un prodotto aggressivo volto solo a mascherare o coprire l’odore di sudore non è mai una soluzione vantaggiosa, dal momento che potrebbe compromettere il pH naturale della pelle e l’attività delle ghiandole sudoripare, causando irritazioni e arrossamenti senza nemmeno risolvere il problema.

 

Le tipologie

Che sia estate o inverno non ha importanza: il deodorante resta un cosmetico indispensabile nell’ambito dell’igiene quotidiana, ma sul quale spesso poco ci si sofferma. Quale scegliere? A cosa prestare attenzione prima di comprarne uno? E come individuare quello più adatto alle proprie esigenze?

Quando vi troverete a confrontare i prezzi e le caratteristiche dei vari prodotti in commercio, tenete sempre a mente che un buon deodorante non si giudica solo dalla profumazione, ma anche dagli ingredienti impiegati per la sua formulazione, ciascuno dei quali svolge una specifica funzione.

Le sostanze antitraspiranti, come i sali di alluminio e lo zinco, si propongono di bloccare la produzione di sudore da parte delle ghiandole sudoripare attraverso una parziale riduzione del dotto di secrezione sudorale, in modo da limitare la traspirazione e la conseguente proliferazione dei batteri che causano gli odori sgradevoli. Questi prodotti sono indicati per chi soffre di sudorazione eccessiva ma, in genere, se ne consiglia l’uso per un periodo di tempo limitato per evitare l’insorgere di fastidiose irritazioni e bruciori a livello locale.

Se invece l’odore è particolarmente acre e pungente, la soluzione migliore sono i deodoranti adsorbenti: arricchiti con ossido di zinco, magnesio e glicinato, sono in grado di ”assorbire” le sostanze volatili generate dal sudore, limitando così la formazione dei cattivi odori. Si tratta, in genere, di ingredienti assolutamente sicuri e ben tollerati dalla pelle, ma per ottenere l’effetto sperato sarà necessario associare l’uso di questi prodotti ad altri cosmetici più specifici.

Chi suda poco dovrebbe scegliere un deodorante coprente formulato a base di oli essenziali o erbe aromatiche (lavanda, sandalo, camomilla, citronella e così via) e senza alcun principio attivo. La loro funzione è quella di mascherare gli odori senza eliminarli e hanno generalmente un’efficacia limitata a non più di cinque/sei ore al massimo.

Infine, per risolvere il problema a monte e ridurre la proliferazione batterica bisognerebbe optare per un deodorante “battericida”, in grado di bloccare l’azione degli enzimi batterici responsabili dei fenomeni degradativi del sudore senza, però, alterare la flora stanziale e il delicato equilibrio epidermico della zona.

A ogni pelle il suo deodorante

Da qui è chiaro, dunque, che il deodorante svolge un ruolo di primo piano nell’ambito della beauty routine, e non solo per ridurre gli odori imbarazzanti provocati da una sudorazione eccessiva, ma anche per prendersi cura del benessere e della bellezza del proprio corpo. 

A tal proposito, prima dell’acquisto è fondamentale capire quali sono le caratteristiche della propria pelle, se è delicata, secca, reattiva o grassa, in modo da scegliere il prodotto giusto ed evitare di ritrovarsi in breve tempo con le ascelle infiammate o irritate.

Questo significa che il deodorante deve essere considerato alla stregua di un vero e proprio trattamento di bellezza e, come tale, necessita di un’igiene accurata e di alcune precauzioni d’uso che ne promuovano l’efficacia.

Ricordate, inoltre, che qualunque sia il prodotto scelto andrà sempre associato a una regolare detersione quotidiana, per cui prima di procedere con l’applicazione è bene lavare accuratamente la zona con un sapone a pH neutro ed evitare cosmetici a base alcolica o addizionati con profumi artificiali che potrebbero rivelarsi aggressivi e potenzialmente irritanti.

 

 

 

Domande Frequenti

 

Come eliminare le macchie di deodorante indurite sulle magliette?

Molti deodoranti, anche quelli della migliore marca, possono lasciare antiestetiche macchie sui vestiti, che spesso si rivelano piuttosto difficili da rimuovere. Per eliminare gli aloni induriti sui tessuti, è buona norma pretrattare la zona con una miscela di acqua e bicarbonato (o aceto) prima di inserire il capo in lavatrice. Per gli indumenti non lavabili a macchina, invece, si può realizzare uno smacchiatore a base di sale, aceto e detersivo per i piatti da spruzzare direttamente sulla macchia, per poi tamponare la zona con un panno umido.

 

Bicarbonato come deodorante?

L’utilizzo del bicarbonato come deodorante non è una novità: da sempre considerato un efficace rimedio naturale contro il sudore, è in grado di creare un ambiente ostile alla proliferazione della flora batterica responsabile dei cattivi odori. L’applicazione locale del bicarbonato, infatti, rende il pH ascellare alcalino per ridurre l’adesione dei batteri sulla superficie cutanea e facilitarne la successiva eliminazione.

 

Dove buttare le bombolette spray di deodorante?

Sebbene sia ormai pratica comune gettare le bombolette spray dei deodoranti direttamente nei rifiuti indifferenziati, in realtà bisogna prestare attenzione ai simboli riportati sul flacone. Se sono presenti sigle o immagini che indicano la tossicità o l’infiammabilità del prodotto, allora andrà smaltito nei cassonetti appositi dei centri di raccolta; in caso contrario, si potrà gettare la bomboletta, in acciaio o alluminio che sia, nella raccolta dei metalli/alluminio, mentre il tappo e l’erogatore vanno raccolti nell’apposito contenitore per la plastica.

 

Come creare un deodorante per ambienti?

Per rendere la propria casa profumata senza ricorrere a prodotti chimici nocivi tanto per la salute quanto per l’ambiente, si possono realizzare dei profumi “fai da te” utilizzando ingredienti naturali e facilmente reperibili. Per esempio, si possono mescolare 20 gocce del proprio olio essenziale preferito a mezzo litro d’acqua e 10 ml di alcol per ottenere un deodorante per ambienti simile a quelli che si trovano in commercio. Potete mettere la soluzione in un contenitore spray oppure in un flacone munito di midollini in legno per diffondere la fragranza nelle stanze della casa.

 

Cosa usare al posto del deodorante?

Oltre al già citato bicarbonato, in sostituzione ai tradizionali deodoranti si può usare anche dell’argilla areata o una pietra di rocca, che si propongono di assorbire efficacemente il sudore ed eliminare gli odori sgradevoli. In alternativa, potete utilizzare anche della lavanda, dalle proprietà antibatteriche e lenitive, oppure dell’estratto di menta piperita che, oltre a minimizzare la proliferazione batterica, svolge un’efficace azione rinfrescante e purificante.

 

 

 

Come utilizzare un deodorante

 

Scegliere il deodorante giusto è importante, ma lo è anche la sua corretta applicazione. Nelle righe che seguono ci concentreremo proprio sul corretto utilizzo di questi cosmetici, ma non prima di aver esaminato alcuni aspetti fondamentali da considerare in fase d’acquisto.

Perché sudiamo?

La sudorazione svolge una funzione essenziale per l’organismo, poiché contribuisce a riequilibrare la temperatura corporea e a eliminare batteri e tossine che si depositano quotidianamente sulla pelle. Il nostro corpo, infatti, inizia a sudare quando avverte la necessità di disperdere il calore, soprattutto in caso di sforzi fisici, stimoli emotivi e quando fa molto caldo.

In queste circostanze, si crea un ambiente favorevole alla proliferazione dei batteri che generano il degrado delle sostanze organiche contenute nel sudore, determinando di conseguenza la formazione dei cattivi odori.

Proprio per questa ragione, è importante scegliere e applicare regolarmente un buon deodorante che sia in perfetto accordo con il proprio tipo di pelle e di sudorazione, in modo da evitare situazioni imbarazzanti e prendersi cura della propria igiene personale in modo mirato.

 

Spray o roll-on?

Una volta individuato il prodotto adatto alle proprie esigenze, bisogna concentrarsi sull’applicatore, che può essere spray oppure roll-on. Il primo è sicuramente più igienico rispetto al secondo, perché non necessita di un contatto diretto con la pelle e permette una rapida asciugatura, dimostrandosi quindi ideale se si vuole condividere il cosmetico con altre persone.

Gli stick, invece, sono più pratici da utilizzare, anche in virtù delle loro dimensioni discrete, e sono la scelta migliore se la zona da trattare non è depilata, ma per questioni igieniche ne viene sconsigliata la condivisione.

Chi, invece, presenta problemi di sudorazione eccessiva, accompagnata da un odore acre e persistente, dovrebbe preferire un prodotto in crema, più di nicchia rispetto ai precedenti ma di gran lunga più facile da applicare. Oltre a svolgere un’intensa azione idratante e lenitiva, sono formulati senza aggiunta di alcol e profumi artificiali, per cui risultano perfetti anche per coloro che hanno una pelle sensibile o delicata.

Come applicare il deodorante in modo corretto

Prima di applicare il deodorante è fondamentale seguire alcuni step indispensabili che costituiscono la base di una buona igiene personale. Per prima cosa, bisogna lavare accuratamente la zona con acqua e un detergente specifico, o quantomeno a pH neutro, per rimuovere le impurità e permettere alle sostanze contenute nel deodorante di svolgere nel miglior modo possibile il proprio compito.

Un altro accorgimento da adottare per risolvere il problema degli odori sgradevoli è quello di depilare le aree maggiormente soggette a sudorazione per favorire l’evaporazione del sudore e impedirne il ristagno.

Anche cambiare gli abiti di frequente aiuta a tenere sotto controllo la formazione del cattivo odore e, a tal proposito, sono da preferire i tessuti in fibra naturale, come il cotone o il lino, che permettono una maggiore traspirazione anche quando fa particolarmente caldo. Inoltre, se non volete ritrovarvi con antiestetiche macchie sugli abiti, soprattutto se di colore scuro, è consigliabile aspettare che il deodorante si asciughi del tutto prima di vestirsi.

Infine, se preferite qualcosa di più naturale rispetto ai classici prodotti disponibili sul mercato, potete utilizzare dell’allume di rocca o di potassio, una pietra inodore e incolore costituita da sali di potassio e alluminio, che va passata sulla pelle dopo averla inumidita con acqua.