Ultimo aggiornamento: 13.06.21

 

Volete sfoggiare ciglia lunghe, folte e ben definite? Se la vostra intenzione è di usare l’olio di ricino, scoprite con noi se funzionerà o meno

 

L’olio di ricino è un rimedio antico, ma sempre attuale, che può essere usato su varie parti del nostro corpo, come le ciglia, le unghie, le sopracciglia e anche i capelli. Ma è vero che bisogna utilizzarlo per ottenere risultati eccezionali, quindi capelli più corposi o ciglia più folte e lunghe?

Cerchiamo di capire insieme tutti i benefici dell’olio di ricino

 

Cos’è l’olio di ricino?

Parliamo di un prodotto naturale, molto denso, che si ottiene tramite la spremitura dei semi della pianta omonima. Di colore giallo o anche trasparente, ha un odore che richiama quello prodotto dalle ghiandole del castoro, motivo per il quale prende anche il nome di castor olio

Un rimedio della nonna facile da reperire ovunque, in farmacia, parafarmacia o anche erboristeria, se non volete provare con Internet. Per essere sicuri di acquistare quello puro, è necessario osservare l’INCI, cioè la lista degli ingredienti, che deve riportare solo la scritta “Ricinus Communis Seed Oil”.

Si tratta di un olio ricco di vitamina E e che aiuta a rinforzare i peli, proteggendoli e rendendo il fusto più spesso. Essendo un prodotto naturale, non ha un costo elevato e per questo è un rimedio molto usato anche contro patologie come la forfora e le dermatiti. 

Nonostante questo è sempre bene fare attenzione ed evitare che accadano così incidenti: infatti cosa succede se l’olio di ricino va negli occhi? Accade che la cute può irritarsi, come anche che gli occhi possano arrossarsi, per cui, in questo caso, è necessario interrompere il trattamento. 

Inoltre se vi state chiedendo se l’olio di ricino in gravidanza fa male, la risposta è che è meglio evitarne l’uso anche durante l’allattamento.

Perché l’olio di ricino fa crescere le ciglia?

Partiamo dall’uso di questo prezioso olio, per arrivare poi a capire se funziona effettivamente o meno. Prima di tutto è necessario avere il viso completamente struccato, inumidire le ciglia con dell’acqua e poi mettere qualche goccia sulle ciglia superiori e su quelle inferiori. 

Se vi viene difficile applicarlo con le dita, potete utilizzare lo scovolino di un mascara che non usate più e che avete disinfettato e ripulito del materiale, oppure un cotton fioc, con l’accuratezza di fare attenzione a non farlo penetrare nell’occhio.

Naturalmente il momento da preferire è la sera, prima di andare a letto, così da consentirgli di agire durante il sonno. Quanto tenere l’olio di ricino sulle ciglia? In questo caso tutta la notte: solo così potrete avere la certezza che penetrerà al loro interno.

C’è chi dice di aver ottenuto buoni risultati dopo qualche settimana, chi che sono necessari almeno sei mesi per vedere i cambiamenti: l’olio di ricino è in grado di idratare e stimolare la crescita di peli e capelli, ma può davvero far crescere le ciglia? Secondo alcuni dermatologi la risposta è no.

La fondatrice di un brand di extension per le ciglia, Clementina Richardson, è totalmente contraria a questo olio da mettere puro, in quanto può, come abbiamo detto, avere delle controindicazioni. Meglio, secondo lei, optare per un siero per la crescita delle ciglia che è stato sottoposto ad accurati test oftalmici.

Il dermatologo delle vip Harold Lancer, al contrario, sostiene che sia del tutto inutile usare l’olio di ricino sulle ciglia, in quanto più rischioso che vantaggioso. Infatti, proprio perché non sottoposto a controlli, potrebbe causare irritazioni anche gravi in chi ha molta sensibilità.

Se vi state domandando, allora, come far rigenerare le ciglia la risposta è di rivolgervi solo a prodotti con certificazione, che abbiano l’indicazione specifica sulle parti del corpo dove possono essere usati senza problemi.

Ci sono infatti coloro che non hanno tratto alcun beneficio usando l’olio di ricino o hanno avuto risultati talmente piccoli da ritenerli insignificanti. Infatti, la vera funzione di questo prodotto è quella di lucidare e rendere più grosse le ciglia, che così sembrano più folte, ma in realtà non lo sono.

Olio di ricino e sopracciglia

A differenza delle ciglia, sulle sopracciglia l’olio di ricino può dare buoni risultati, visto che è in grado di farle ricrescere, riempiendo le parti vuote, naturalmente se è presente il bulbo pilifero. Se avete esagerato con la pinzetta per molti anni, non potrete aspettarvi certo dei miracoli, ma la situazione potrà migliorare abbondantemente. 

Dovrete essere costanti e applicarlo sulle sopracciglia la sera, dopo esservi struccate e averle inumidite, così da farlo agire per tutta la notte. 

 

Olio di ricino e unghie

Un altro uso che si può fare di questo prezioso olio è quello di passarlo sulle unghie, quelle più soggette a spezzarsi. In questo caso dovrete creare un miscuglio, aggiungendo anche olio di oliva e olio di limone, mescolare bene e poi usare un pennellino per ungere bene le unghie, meglio se la sera e prima di dormire.

Se seguirete questo trattamento per almeno un paio di settimane, vedrete un miglioramento della situazione: attenzione però a proteggere le mani, quando lavate i piatti o per lavori pesanti, in modo da non perdere tutto l’effetto positivo. 

E i capelli?

Anche la chioma può beneficiare dell’olio di ricino: potrete applicarlo come un unguento sulle punte, prima di lavare i capelli, per averli morbidi e ben nutriti, quindi meno soggetti a spezzarsi. Come procedere?

Prima di tutto bagnate i capelli e poi applicate l’olio di ricino come se si trattasse di un impacco. Potete tenerli in posa per circa 20 minuti prima di procedere al lavaggio, ma non usarlo come lucidante finale, perché è troppo pesante e andrebbe a sporcare i vestiti.

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments