Ultimo aggiornamento: 17.10.21

 

Concedersi un bel pediluvio a fine giornata è la soluzione migliore in caso di piedi gonfi e appesantiti, rivelandosi un ottimo rimedio naturale anche per detossinare l’organismo e prevenire i calli. Ecco cinque ricette facili e veloci per preparare al meglio questa piccola coccola quotidiana.

 

In qualità di struttura biodinamica principale dell’organismo, i piedi sono responsabili della nostra postura, offrendoci una base solida su cui appoggiare il corpo. Per questo motivo, quando appaiono gonfi, doloranti e affaticati è importante prendersene cura ogni giorno nel modo giusto.

Tra i trattamenti idroterapici più indicati per concedersi un momento di meritato relax a fine giornata, il pediluvio si pone come rimedio naturale utile, non solo per migliorare il benessere e l’aspetto dei piedi, ma anche per depurare l’organismo e prevenire molti problemi di salute. In questo articolo vi mostreremo alcune ricette facili ed economiche per prepararne cinque tipi diversi, ognuno con una specifica finalità curativa e terapeutica.

 

I benefici del pediluvio

L’idroterapia è una pratica molto antica che sfrutta i benefici terapeutici dell’acqua per curare numerosi disturbi e promuovere il benessere fisico. Tra le tecniche più utilizzate da questa disciplina spicca sicuramente il pediluvio, un trattamento facilmente realizzabile anche a casa per rilassarsi e prendersi cura di sé. Utilizzato principalmente per lenire lo stress e la spossatezza, dona un immediato sollievo ai piedi aiutando a prevenire la formazione di calli e geloni.

Anche la pelle ovviamente ringrazierà, visto che aggiungendo alcuni ingredienti naturali all’acqua, come il bicarbonato e il limone, sarà possibile ammorbidire le screpolature e ripristinare l’elasticità della cute, mentre il sale aiuterà a lenire i gonfiori e le irritazioni. Gli oli essenziali, invece, saranno perfetti per realizzare un pediluvio rilassante che vi permetterà di allentare la tensione e lo stress accumulati nel corso della giornata.

Insomma, per ogni esigenza e problematica esiste un trattamento idroterapico specifico che potrete realizzare nell’intimità della vostra abitazione, meglio ancora se accompagnato da un rilassante bagno con bicarbonato in una delle migliori vasche idromassaggio in circolazione per concedersi una vera e propria coccola a costo zero!

Quando e come fare un pediluvio

Si fa presto a dire “pediluvio”, ma in realtà per realizzarne uno in modo corretto e godere di tutte le sue proprietà terapeutiche, è necessario adottare alcuni piccoli accorgimenti che vengono solitamente trascurati dalla maggior parte delle persone. Uno di questi è sicuramente la temperatura dell’acqua, che tende a variare a seconda dell’obiettivo che si vuole raggiungere e del periodo dell’anno in cui ci si trova.

Per esempio: un pediluvio caldo sarà indicato in caso di raffreddamento, dolori e reumatismi, mentre l’acqua fredda si rivelerà utile per stimolare la circolazione sanguigna e attenuare i gonfiori alle caviglie.

Anche le tempistiche di immersione cambiano in base alle circostanze, visto che i pediluvi con acqua calda richiedono in genere tempi di ammollo superiori ai venti minuti (soprattutto se hanno finalità rinvigorenti e riscaldanti), che si riducono a dieci per quelli tonificanti realizzati con acqua fredda.

Per quanto riguarda i momenti della giornata in cui concedersi questa piacevole coccola, in linea di massima si consiglia la sera prima di andare a dormire, nei fine settimana per rilassarsi e subito dopo aver fatto sport per dare un po’ di sollievo ai piedi doloranti. Ovviamente, si tratta di raccomandazioni generali di carattere puramente indicativo, poiché ogni momento sarà buono per concedersi un po’ di tempo per sé e per la cura dei propri piedi.

 

1. Come preparare un pediluvio antinfiammatorio

La prima ricetta che vi proponiamo prevede l’utilizzo di ingredienti facilmente reperibili in casa che non vi costringeranno a precipitarvi di corsa al supermercato per concedervi un momento di puro relax. Quello che vi occorre, oltre a una bacinella capiente riempita con dell’acqua tiepida, sono due cucchiaini di bicarbonato e qualche goccia di olio essenziale alla lavanda.

Per ottenere un maggior effetto rilassante e terapeutico potete versare nell’acqua anche qualche goccia di succo di limone e un cucchiaino di acqua ossigenata, e dopo soli dieci minuti di immersione i vostri piedi torneranno come nuovi.

2. Pediluvio fai da te con acqua e sale

Un grande classico dell’idroterapia fai da te è sicuramente il pediluvio con sale, utile soprattutto in caso di piedi gonfi e affaticati. Ideale anche per le donne in gravidanza che vogliono allentare le tensioni accumulate durante la giornata, prepararlo è davvero semplicissimo e alla portata di tutti.

Basta prendere una bacinella capiente e sciogliere due cucchiai di sale marino iodato nell’acqua tiepida, avendo premura di mescolare bene il tutto con un cucchiaio di legno per permettere al sale di sprigionare le sue proprietà benefiche. Per rendere il tutto ancora più rilassante potete anche utilizzare dei sali per pediluvio che aiutino a drenare i liquidi in eccesso e detergere la pelle in profondità, in modo da renderla più morbida ed elastica.

 

3. Pediluvio disinfettante con aceto

Noto per le sue proprietà disinfettanti e antibatteriche, l’aceto può essere utilizzato anche come rimedio naturale per donare un immediato sollievo ai piedi doloranti. Oltre a purificare la pelle in profondità, aiuta a ridurre le screpolature, prevenendo infezioni e micosi.

Per prepararlo basta diluire 100 ml di aceto di mele in 300 ml di acqua tiepida e lasciare i piedi in ammollo per 10-15 minuti. Per stemperare l’odore intenso dell’aceto, potete anche usare qualche goccia del vostro olio essenziale preferito, sebbene noi consigliamo quello di tea tree per potenziare le proprietà disinfettanti del pediluvio.

 

4. Un pediluvio contro i cattivi odori

In caso di cattivi odori, ma anche per lenire le irritazioni dovute alla ceretta o all’utilizzo dell’epilatore, la soluzione migliore è preparare un pediluvio con bicarbonato, a cui aggiungere un infuso di salvia o di zenzero e un paio di cucchiai di sale grosso da cucina. Dopo aver lasciato i piedi in ammollo per una decina di minuti, vi consigliamo di applicare sulla zona una crema idratante specifica per dare sollievo alla pelle secca e screpolata.

5. Pediluvio curativo per le unghie

Se vi state chiedendo come ammorbidire le unghie dei piedi, sappiate che esiste un pediluvio che potrete utilizzare come fase preparatoria per un pedicure fai da te. Già con un trattamento settimanale a base di acqua e sale sarà possibile risolvere velocemente il problema delle unghie incarnite, mentre in caso di micosi il rimedio più indicato sarà una miscela a base di bicarbonato di sodio e aceto di vino, a cui potrete aggiungere i vostri oli essenziali preferiti.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI