Ultimo aggiornamento: 13.08.22

 

I capelli biondi hanno un loro fascino, tuttavia, non è sempre così facile passare da una tonalità all’altra senza ricorrere all’utilizzo di prodotti chimici.

 

Vi piacerebbe avere una chioma bionda ma non volete rovinarla con un decolorante aggressivo? In questo articolo vi spiegheremo alcune tecniche che è possibile adoperare per schiarire i capelli naturalmente. Alcuni alimenti infatti hanno delle proprietà chimico fisiche in grado di rimuovere lo strato più superficiale di melanina, così da riuscire a ottenere gradazioni di colore più chiare rispetto alla propria.

 

Come schiarire i capelli in modo naturale

Sicuramente avrete sentito parlare dei famosi metodi della nonna: talvolta si rivelano solo una leggenda, molto spesso invece ci aiutano a risolvere dei problemi in modo più facile, senza ricorrere all’uso di medicinali aggressivi, oppure, in questo caso, di prodotti chimici.

Attenzione: molti impacchi necessitano di un’asciugatura naturale affinché il risultato possa essere più evidente e immediato. Per questo motivo, è consigliabile effettuarli durante l’estate, per garantire l’esposizione alla luce del sole.

 

Come schiarire con la birra

Uno dei metodi più utilizzato dai giovani per ottenere i capelli schiariti naturalmente è sicuramente l’impacco con la birra. Prendete un paio di bottiglie della bevanda, preferibilmente bionda, e bagnate completamente la chioma. Per raggiungere un effetto più immediato, è preferibile far asciugare i capelli al sole: in questo modo i raggi daranno il loro contribuito all’ottenimento di una sfumatura perfetta.

Il succo di limone

La vitamina C, ovvero la sostanza acida presente nell’agrume, può eliminare in modo naturale lo strato superficiale della melanina e fungere da schiarente per capelli.

Versate in una ciotola il succo di due limoni e mescolateli con un paio di cucchiai di acqua per evitare che la soluzione risulti troppo aggressiva. Bagnate completamente i capelli e lasciate agire per qualche ora, infine, effettuate un normale shampoo e utilizzate un balsamo molto nutriente, poiché l’acidità dell’agrume potrebbe far seccare eccessivamente le lunghezze.

 

La curcuma

Se volete ottenere dei riflessi biondi e partite già da una colorazione piuttosto chiara, questa spezia indiana potrebbe fare al vostro caso. La curcuma era apprezzata già nell’antichità dai Veda per le sue proprietà antibatteriche, antiossidanti e rivitalizzanti. Infatti, viene ancora oggi adoperata nella medicina tradizionale asiatica e nell’ayurveda persino per dimagrire e disintossicare l’organismo. È possibile utilizzarla anche sui capelli chiari per donare delle sfumature più bionde e luminose, tuttavia, chi presenta già una tonalità tendente al bianco o al platino, farebbe meglio a optare per un altro metodo, poiché la curcuma potrebbe rilasciare riflessi arancioni.

Per la preparazione dell’impacco vi occorrerà scaldare un cucchiaio di spezia in un pentolino di acqua calda, senza però arrivare all’ebollizione. Lasciate raffreddare e attendete che la polvere si sia depositata sul fondo: in alternativa, potrete utilizzare una garza o un colino, e versare solo la parte liquida in un flacone munito di erogatore. Spruzzate la miscela sui capelli fino a bagnarli del tutto, e lasciate agire per circa un’ora e mezza. Infine, sciacquate abbondantemente e procedete con il normale lavaggio. Se non siete del tutto soddisfatti del risultato, vi consigliamo di ripetere l’impacco almeno ogni due settimane.

Come schiarire i capelli con la camomilla

Uno dei rimedi naturali più diffusi e utilizzato fin dall’antichità è di sicuro la camomilla.

Si tratta di una pianta delicata dalle proprietà emollienti e calmanti, in grado di rendere i capelli di un paio di toni più chiari a seconda della base di partenza. È molto efficace sulle chiome bionde, mentre su quelle castane potrebbe dare una sfumatura leggermente più tendente al rame. Preparate un decotto di camomilla portando a ebollizione per alcuni minuti due o tre sacchetti di infuso. Lasciate raffreddare, dopo di ché versate il liquido in un flacone munito di spruzzino e cospargetelo su tutta la testa, insistendo però sulle lunghezze.

 

Come decolorare i capelli 

I rimedi appena elencati si rivelano molto efficaci sulle chiome bionde, tuttavia, schiarire i capelli scuri non è così semplice, soprattutto se si parte da una base nera. In quel caso il nostro suggerimento è quello di accettare il vostro colore naturale, curando piuttosto la qualità dei fusti con impacchi idratanti e rigeneranti. Ciò nonostante, se volete a tutti i costi ottenere una tonalità molto più chiara rispetto a quella di partenza, l’unica soluzione prevede l’utilizzo dei prodotti per schiarire i capelli adoperati dai parrucchieri, per riuscire a rimuovere buona parte della melanina presente sulle lunghezze.

Purtroppo però, tali tecniche, seppur professionali, possono portare all’indebolimento dei fusti, provocandone la disidratazione e talvolta la caduta. Per evitare il danneggiamento eccessivo, sul mercato è possibile reperire un colore per capelli temporaneo, in grado di donare alla chioma una tonalità particolare, come per esempio grigia, bianca, rosa, verde o blu, ma che si elimina progressivamente dopo pochi lavaggi. Si tratta di una valida alternativa per chi è stanco di vedersi tutti i giorni sempre uguale ma non ha voglia di apportare un cambiamento definitivo alla propria immagine.

Come schiarire i capelli tinti

Si tratta di un’operazione molto difficile, soprattutto se la tinta adoperata è molto più scura rispetto al proprio colore naturale. Inoltre, il nero e il rosso richiedono dei prodotti molto particolari per essere eliminati, per questo motivo, se non siete esperti è preferibile recarsi da un parrucchiere specializzato, che potrà eseguire un trattamento chiamato decapaggio.
Si tratta di un impacco con una sostanza chimica in grado di eliminare lo strato più superficiale del colore dei capelli, tuttavia, se lasciato in posa per troppo tempo può rovinare le chiome, lasciando una spiacevole sfumatura verde.

Un’alternativa senz’altro più naturale prevede l’utilizzo di olio, come per esempio quello di germe di grano. Quest’ultimo è ricco di acidi grassi insaturi, ovvero Omega-3 e Omega-6, in grado di scindere i legami chimici che la tinta ha formato sui fusti, fissandosi e colorandoli.

Inumidite i capelli e applicate abbondantemente l’olio su tutte le lunghezze. Il tempo di posa può variare da 30 minuti fino a un paio d’ore: indossate una cuffia o avvolgete la testa nella pellicola trasparente affinché il calore possa far agire meglio e più velocemente il prodotto.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI