Ultimo aggiornamento: 20.01.21

 

I grani di miglio sono piccole cisti superficiali che generano antiestetici punti bianchi in rilievo in zone circoscritte del viso. Vediamo come prevenirli e quali sono i prodotti cosmetici da utilizzare per dire addio a questo fastidioso inestetismo.

 

Conosciuti anche con il nome di pietre di sole, i grani di miglio sono un problema estetico a cui sono soggette molte persone a prescindere dal sesso, dall’età e dalle proprie caratteristiche cutanee. Così chiamati per la loro forma tondeggiante molto simile ai semi di miglio, compaiono principalmente sul viso, interessando soprattutto la zona del contorno occhi e delle guance. Si tratta, in pratica, di piccole cisti costituite da cheratina che si formano sotto pelle generando antiestetici punti bianchi in rilievo difficili da rimuovere.

Pur essendo innocui, non sono visti di buon occhio da chi ne è affetto proprio perché tendono a formarsi sulle zone del volto più evidenti, diventando un problema estetico con cui diventa difficile convivere.

Fortunatamente, per liberarsi di questo fastidioso inestetismo è possibile ricorrere a diversi trattamenti beauty, che vanno dalle tradizionali creme per pelle acneica disponibili in commercio fino ad alcuni rimedi naturali – facilmente realizzabili anche a casa – che promettono di rimuovere le palline di grasso sul viso senza alterare il delicato equilibrio epidermico del microbiota cutaneo.

 

Cosa sono e perché si formano

Come accennato, i grani di miglio sono delle cisti cutanee di pochi millimetri di diametro che si formano sotto pelle. Sebbene l’associazione al termine “cisti” potrebbe generare paura e preoccupazioni in chi ne è affetto, in realtà si tratta di un problema puramente estetico che può essere risolto facilmente adottando alcuni piccoli accorgimenti. Le cause che portano alla formazione di questi puntini bianchi sulla pelle possono variare da persona a persona a seconda dell’età, della tipologia di pelle e dello stile di vita adottato.

Sicuramente chi ha già sofferto di acne neonatale è maggiormente predisposto a sviluppare questo inestetismo cutaneo in età adulta, sebbene la comparsa dei brufoli nel neonato risieda in una temporanea cheratinizzazione della pelle dovuta agli influssi ormonali della madre.

A ogni modo, la formazione dei grani di miglio sembra essere correlata prevalentemente a una scorretta skincare quotidiana che preveda l’uso di cosmetici e prodotti per il make up troppo aggressivi o non adatti alle proprie caratteristiche cutanee.

Allo stesso modo, anche un’inadeguata pulizia del viso può contribuire alla comparsa di comedoni bianchi, soprattutto se si utilizzano detergenti irritanti e tonici a base oleosa che rischiano di alterare il film idrolipidico che ricopre lo strato corneo.Recenti studi, inoltre, hanno riscontrato una correlazione tra l’insorgenza dei grani di miglio e gli squilibri ormonali, spesso accentuati da un’eccessiva esposizione ai raggi UV senza un’adeguata protezione solare.

La buona notizia è che, qualunque sia la causa scatenante, è possibile risolvere il problema ricorrendo a trattamenti dermocosmetici – alcuni anche realizzabili in casa con ingredienti naturali – che permettono di prevenire e curare il disturbo proprio come accade con i fatidici punti neri infiammati.

 

Cinque rimedi (naturali e non) contro i grani di miglio

Bene ora che abbiamo chiarito cosa sono i grani di miglio e quali sono le cause della loro comparsa, non ci resta che scoprire i cinque rimedi top che vi permetteranno di dire addio una volta per tutte a questo odioso inestetismo.

1. Curare la propria alimentazione

Come per ogni problema estetico, anche nel caso delle pietre di sole la prevenzione comincia a tavola. È risaputo, infatti, che l’adozione di un regime alimentare equilibrato, associato a uno stile di vita più sano, favorisca la salute e il benessere della pelle, ripristinandone il naturale equilibrio idrolipidico.

Pertanto, il primo accorgimento da adottare per prevenire ed eliminare i grani di miglio in modo naturale è ridurre il più possibile il consumo di cibi grassi in favore di quelli a elevato contenuto di vitamine e antiossidanti, come la frutta e le verdure.

Se, poi, non riuscite proprio a resistere alle patatine fritte e ai cibi più appetitosi, potreste anche valutare l’ipotesi di acquistare la migliore friggitrice ad aria per non essere costretti a rinunciare al piacere di una gustosa frittura, che in questo caso risulterà di gran lunga più leggera e salutare.

 

2. Una corretta pulizia del viso

Un’altra strategia vincente per rimuovere i grani di miglio è eseguire quotidianamente un’accurata pulizia del viso, che favorisca la rimozione delle impurità e dei residui di trucco responsabili dell’occlusione dei pori.

Inutile dire che i cosmetici utilizzati per la skincare dovranno essere specifici per la propria tipologia di pelle (secca, sensibile, mista, grassa o matura), e lo stesso vale per i prodotti per il make up. In caso di dubbi, è sempre buona norma effettuare una visita specialistica dal dermatologo per farsi consigliare i trattamenti cosmetici più adatti alla propria condizione cutanea.

3. Esfoliazione della pelle

Oltre a una regolare pulizia del viso, un altro espediente utile per eliminare i grani di miglio è eseguire una volta alla settimana un gommage esfoliante che aiuti a rimuovere progressivamente i punti bianchi.

Se non siete avvezze all’uso di prodotti chimici per l’esfoliazione della pelle, potete anche realizzare uno scrub “homemade” a base di ingredienti naturali facilmente reperibile nella vostra dispensa, come lo zucchero, i fondi di caffè, la farina di cocco e il sale marino.

 

4. Una maschera fai da te

Restando sempre in ambito di skincare, si consiglia anche di effettuare una maschera esfoliante per purificare la pelle e favorire la rimozione dei grani di miglio. A questo scopo si rivelano molto efficaci quelle a base di frutta (fragola, pomodori, kiwi ecc.), che andranno applicate con costanza e regolarità dalle due alle quattro volte la settimana per ottenere risultati apprezzabili.

5. Rimozione definitiva

Se, poi, le avete provate tutte per risolvere il problema, ma con scarsi risultati, non fatevi prendere dalla tentazione di strizzare o bucare i grani di miglio come se fossero dei brufoli.

Questa pratica, oltre a risultare poco igienica, potrebbe favorire la comparsa di irritazioni e cicatrici, peggiorando ulteriormente la situazione.

Pertanto, se i punti bianchi non ne vogliono proprio sapere di abbandonarvi, sarebbe meglio rivolgersi a uno specialista per farsi incidere il grado e rimuovere la cisti sottocutanea. In alternativa si può anche ricorrere al laser, tenendo però presente che si tratta di una pratica decisamente più costosa delle precedenti, che andrà sempre eseguita presso una struttura specializzata e da personale competente.

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments