Ultimo aggiornamento: 06.12.19

 

Vediamo insieme come effettuare un trattamento completo per i piedi, una parte del corpo spesso trascurata ma fondamentale per il nostro benessere

 

Indossare un bel sandalo in estate è certamente una soluzione comoda ed elegante, soprattutto dopo aver tenuto i piedi nascosti in scarpe pesanti e non sempre comode quali sono quelle invernali. 

Proprio per questo però, ci si accorge spesso di quanto il trattamento abbia in realtà danneggiato i nostri piedi. Calli, ispessimenti, altri difetti estetici e non solo infatti, possono limitarci nella libertà di indossare il sandalo che preferiamo, percependo in alcuni casi anche lievi sensazioni di dolore o osservando una tendenza alla formazione di piccole piaghe. 

Per risolvere questi inconvenienti e per far sì che possiate sfoggiare i vostri piedi abbronzati senza problemi di nessun genere, elenchiamo alcuni passaggi fondamentali, che devono rientrare nella vostra beauty routine giornaliera o settimanale. Vediamo quindi nel dettaglio come affrontare ciascuna delle fasi che andremo a descrivere e anche come sfruttare al meglio lo scrub, un prodotto dalle mille funzioni e utilissimo anche nel nostro caso. 

 

Il pediluvio

Un primo step per avere piedi morbidi e curati consiste certamente nell’effettuare un  pediluvio, un’abitudine antichissima e molto utile per preparare la pelle a essere esfoliata e nutrita a fondo. 

Il pediluvio deve essere effettuato in una grande bacinella colma d’acqua, con una quantità che può arrivare anche a ben 4 litri. La temperatura ideale è quella tiepida e la durata totale varia dai 10 ai 20 minuti: più tempo i vostri piedi trascorreranno dentro l’acqua e più potranno beneficiare delle proprietà di questo trattamento. 

Evitate di utilizzare acqua troppo calda o troppo fredda: nel primo caso andreste sì ad ammorbidire le zone più dure, ma anche a rallentare il microcircolo, avvertendo quindi una sensazione di eccessiva pesantezza. Nel secondo invece, non riuscireste a percepire la morbidezza necessaria per procedere poi alle fasi successive. 

Per poter parlare però di reali proprietà benefiche, l’acqua soltanto non può bastare per effettuare una pulizia profonda e accurata della pelle dei piedi: a seconda delle vostre esigenze infatti potrete aggiungere degli oli essenziali, del bicarbonato o altri estratti di erbe.

In alcuni casi può essere utile anche effettuare massaggi rotatori prima e durante il pediluvio con ingredienti nutrienti come l’olio di cocco, facile da reperire e molto versatile.

Dopo aver atteso il tempo necessario affinché i piedi risultino morbidi al tatto, dovrete asciugarli con cura, in caso contrario infatti potrete favorire la proliferazione batterica e quindi la formazione di leggere infezioni o funghi.

 

 

Esfoliare

Una volta ammorbidita la pelle dei piedi in maniera profonda, potete procedere con questa seconda fase: si tratta di trovare il metodo migliore per voi, affinché possiate eliminare le cellule morte o rendere più sottili eventuali callosità.

I mezzi da utilizzare per questo scopo sono diversi: il mercato propone degli strumenti professionali anche a uso casalingo, che vanno a rimuovere la pelle morta e a tagliare la parte di callo che è stata ammorbidita dall’acqua. 

Si tratta comunque di oggetti che necessitano di un po’ di pratica e di cui consigliamo l’utilizzo solo a coloro che hanno già una certa dimestichezza con questi strumenti. In caso contrario invece ci sono soluzioni più delicate e per questo meno pericolose, come la pietra pomice o lo scrub.

La pietra pomice si presenta come una vera e propria pietra, molto leggera, che, se applicata sui piedi con movimenti rotatori, ha ruolo esfoliante e lievemente abrasivo, che concorre in modo efficace ma delicato, all’eliminazione di componenti in eccesso.

Un ultimo modo consiste nell’utilizzo di uno scrub.

 

Lo scrub

Lo scrub è un sistema usato praticamente su tutte le parti del corpo e che risulta molto efficace anche ai nostri scopi. Si tratta di un prodotto più o meno fluido realizzato con una componente liquida, un olio, una crema o un sapone, e una solida, costituita generalmente da microsfere di origine naturale o meno.

Massaggiare, nel nostro caso, i piedi con lo scrub vuol dire lasciare agire le microsfere in modo che portino via i materiali in eccesso; potete comprarne uno già pronto, cercando magari tra gli scrub più venduti online, o realizzarne uno a casa vostra. 

Vi basterà aggiungere al vostro sapone preferito o a un olio, del sale grosso o del caffè in polvere.

 

La crema 

L’ultimo passaggio, fondamentale, è quello della crema per i piedi. In commercio ci sono moltissime varianti, diverse per ingredienti e funzionalità; sta a voi decidere quale sia la migliore per i vostri scopi in base alle vostre esigenze.

Sono presenti infatti prodotti dalle proprietà defaticanti, rinfrescanti o semplicemente nutrienti, ciò che non cambia è però la frequenza con cui applicare la crema per i piedi. Gli esperti infatti consigliano di dedicare alcuni minuti della propria routine quotidiana proprio a questo,  osservando che l’applicazione di una buona crema è qualcosa che deve essere effettuato almeno una volta al giorno, al mattino o alla sera.

 

 

Frequenza

Se la crema necessita di essere applicata tutti i giorni, lo stesso non si può dire del pediluvio o dello scrub. Non esiste una regola specifica ma, in assenza di esigenze particolari, si consiglia una cadenza settimanale.

Si può andare ad intensificare qualora la situazione richiedesse un intervento mirato e d’impatto, a seguito magari di un lungo tempo privo di alcuna cura. Negli altri casi invece, ripetere più volte un trattamento così invasivo potrebbe creare l’effetto opposto, ossia andare a rendere la pelle dei piedi eccessivamente levigata e delicata, più propensa alla formazione di piccole ferite o lievi abrasioni.

Come abbiamo già detto non ci sono regole specifiche, è importante capire quali sono le esigenze della nostra pelle e quindi agire di conseguenza. Puntate all’utilizzo di prodotti ricchi in principi attivi e valutate la possibilità di realizzarne ad hoc anche in casa vostra, eliminando imballaggi inquinanti e limitando il consumo di ingredienti come siliconi o conservanti, spesso presenti in articoli di questo tipo.

I piedi sono una parte del corpo spesso trascurata, ma con pochi passi riuscirete a prendervene cura e a ottenere quindi una pelle bella da sfoggiare durante tutta l’estate.