Come utilizzare un arricciacapelli

Ultimo aggiornamento: 22.02.24

 

Da quando è stato inventato, l’arricciacapelli è il migliore amico delle donne che vogliono dare alla chioma un po’ di movimento e realizzare acconciature sempre nuove e diverse.

Lasciateci indovinare, avete individuato il modello che fa per voi, ma non sapete come sfruttarlo al meglio per ottenere dei ricci perfetti? Prima di commettere un passo falso, leggete i nostri consigli per fare buon uso del vostro alleato di bellezza!

 

Facciamo un passo indietro

Prima di brandire il vostro arricciacapelli, è importante fare un passo indietro ed espletare alcuni rituali semplici ma imprescindibili per ottenere dei boccoli duraturi e salvaguardare la salute della capigliatura.

Non ci stancheremo mai di ripeterlo: questi dispositivi vanno utilizzati sui capelli lavati almeno il giorno prima e trattati con prodotti specifici, soprattutto nel caso in cui si abbia una chioma particolarmente sfibrata e arida.

Se avete appena fatto lo shampoo vi consigliamo di aspettare fino al giorno successivo, perché sui capelli puliti sarà più difficile garantire una lunga tenuta alle vostre onde.

Per facilitare le operazioni, molti hair stylist consigliano di utilizzare prodotti specifici per il curling che si propongono di strutturare il riccio.

Per assicurarsi un risultato più duraturo è possibile applicare sulle ciocche prima dell’arricciatura una mousse per lo styling o un definitore di ricci, in quanto capaci di donare maggiore elasticità alla fibra capillare e di dare ai capelli la forma desiderata.

Ricordate, infine, che l’arricciacapelli va utilizzato esclusivamente sui capelli asciutti per impedire che il calore possa bruciare o rovinare la vostra preziosa chioma.

 

Scegliere il prodotto giusto

Quando si tratta di scegliere un nuovo arricciacapelli il prezzo non è la sola variabile da considerare. Il diametro del ferro, per esempio, gioca un ruolo chiave al momento dell’acquisto e incide direttamente sul risultato finale.

In linea di massima, potremmo dire che maggiore è il diametro più il boccolo sarà largo, e viceversa.

Anche la possibilità di regolare la temperatura è un fattore da non sottovalutare nella scelta, visto che il calore è uno dei principali responsabili del danneggiamento dei capelli:

impostare la temperatura giusta non solo limita i danni alla chioma ma consente di ottenere l’effetto desiderato.

Chi confronta prezzi e caratteristiche dei prodotti disponibili sul mercato sa che i più affidabili non sono solo quelli della migliore marca ma piuttosto quelli in grado di combinare la praticità d’uso alle funzioni.

Sebbene queste non rappresentino probabilmente il criterio principale su cui basare il proprio acquisto, sono comunque capaci di ampliare la versatilità e la comodità d’impiego del dispositivo.

È anche una questione di praticità

Se volete sfruttare al meglio le potenzialità del vostro arricciacapelli ed evitare di trascorrere ore e ore davanti allo specchio per mettere in piega i capelli, allora vi suggeriamo di tenere conto di quanto segue.

Per utilizzare il vostro arricciacapelli come farebbe un parrucchiere professionista, impugnate lo strumento con fermezza e avvolgete la ciocca selezionata a spirale su tutta la lunghezza della barra per consentire al calore di diffondersi in maniera uniforme.

L’operazione deve essere abbastanza rapida per impedire che il calore rischi di bruciare i capelli, cercando di evitare il più possibile di spezzare la fibra capillare o di dare alla ciocca una piega sbagliata.

Se avete una chioma molto lunga è consigliabile realizzare il riccio in due sezioni, in modo da evitare che il capello si riscaldi troppo quando arrotolato su tutta la lunghezza del ferro.

A ogni modo, basta un po’ di pratica e qualche piccolo accorgimento per ottenere una pettinatura riccia e vaporosa con il minimo sforzo.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI