Come utilizzare una cipria

Ultimo aggiornamento: 16.04.24

 

Compatta o in polvere, la cipria è un prodotto per il make-up spesso sottovalutato, poiché non tutte sanno effettivamente a cosa serve e come si utilizza. Per fare chiarezza una volta per tutte, ecco una guida che spiega come applicarla in modo corretto per realizzare un trucco impeccabile e di lunga durata.

 

A cosa serve

Prima di spiegarvi come mettere la cipria è bene fare un passo indietro e capire qual è la sua funzione. Tutte sappiamo che il prodotto permette di fissare il make-up e di farlo durare più a lungo, in modo che si mantenga intatto per tutto il giorno.

Ma non serve solo a questo: applicato dopo il fondotinta si propone di opacizzare la pelle e uniformarne il colorito, donando un finish effetto glowy capace di rendere l’incarnato più radioso e compatto, soprattutto sulla zona T del volto.

Inoltre, assicura una rapida asciugatura del fondotinta, che in genere richiede tempi di posa abbastanza lunghi, senza modificarne la tonalità. Rispetto al passato, inoltre, questi prodotti non sono comedogeni, per cui non occludono i pori e consentono alla pelle di respirare, eliminando l’effetto lucido che si viene a creare dopo l’applicazione dei prodotti a base oleosa.

 

Gli strumenti giusti

Per quanto riguarda l’applicazione, ci sono molte tecniche che permettono di raggiungere i risultati sperati, per cui chi è alle prime armi dovrà sperimentarne più di una per capire qual è quella più adatta alle proprie esigenze e alla propria tipologia di pelle.

A prescindere dal metodo scelto, però, ricordate che è assolutamente fondamentale utilizzare gli strumenti giusti, altrimenti si potrebbero commettere degli errori che rischiano di compromettere la buona riuscita del trucco.

Con il classico pennello kabuki, caratterizzato da una superficie ampia e setole fitte, si potrà modulare la coprenza del prodotto e stenderlo uniformemente su tutto il viso; mentre la spugnetta è da preferire qualora si voglia realizzare un contouring più marcato ed elaborato, dato che permette di raggiungere anche le zone più nascoste del volto e di sfumare il colore alla perfezione senza creare quell’odioso effetto “mascherone”.

Infine, per ottenere un finish assolutamente naturale e un fissaggio più efficace si può inumidire la beauty blender con acqua prima di procedere con l’applicazione. In questo modo, si potrà risolvere il problema dell’effetto “gesso” sul viso, apportando una leggera umidità alla cipria che così non risulterà troppo polverosa.

Come si applica

A dispetto di quanto si pensi, applicare la cipria in modo corretto è molto semplice, purché si presti attenzione al quantitativo da impiegare. Dopo aver intinto il pennello o la spugnetta nel barattolo contenente la polvere, picchiettate delicatamente sui bordi del contenitore per rimuovere gli eccessi di prodotto e distribuirlo uniformemente sulle setole.

Fatto questo, applicate la cipria sul viso accompagnando la stesura con piccoli movimenti circolari: si parte dalla zona centrale del viso, che corrisponde a guance, naso e zigomi, e si termina con fronte e mento, senza tralasciare ovviamente il decollette.

Una volta terminato il lavoro, il risultato dovrebbe essere omogeneo e il colore ben sfumato, in caso contrario potete utilizzare un pennello pulito per uniformare la cipria, prestando attenzione però a non portarvi via anche il fondotinta applicato in precedenza.

Un piccolo consiglio: se non siete sicure dell’effetto ottenuto e temete che gli eccessi di polvere vadano a creare uno sgradevole effetto “cakey”, scattate un selfie con il flash; se in foto si notano delle chiazze bianche ed eccessivamente lucide, allora dovrete rimuoverle con una spugnetta leggermente inumidita.

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI