Ultimo aggiornamento: 26.07.21

 

Avere la pelle a buccia d’arancia è un problema molto comune: ma come si capisce se questa è cellulite e quali rimedi ci sono? Vediamolo insieme.

 

Ne avrete sentito parlare e, probabilmente, avrete potuto constatare con mano di cosa si tratta: ma che differenza c’è tra la pelle a buccia d’arancia e la cellulite sulla pancia e sulle altre parti del corpo?

In realtà sono correlate, visto che la prima non è altro che la manifestazione della seconda. Il tessuto cutaneo, infatti, si altera e crea quei buchi che costituiscono l’effetto a buccia d’arancia: in realtà questo fenomeno non compare subito, cioè quando la cellulite è al primo stadio, ma successivamente.

 

Pelle buccia d’arancia: quali sono le cause?

Se avete la cellulite sul sedere e su altre parti del corpo e volete capire quale sia il motivo che l’ha scatenata, ecco qui qualche esempio:

 

Usare indumenti molto stretti, come i jeans o i leggings, comporta una riduzione della circolazione sanguigna. Se siete solite accavallare anche le gambe, il problema si moltiplica, diventando così ben presto una cellulite piena di buchi.

Gli sbalzi ormonali sono un’altra delle papabili cause, visto che gli estrogeni presenti nel corpo femminile favoriscono la ritenzione idrica: i capillari non sono così più in grado di drenare e quindi i liquidi in eccesso tendono ad accumularsi. 

Non fare esercizio fisico, mangiare cibi molto grassi, molti zuccheri, bere troppo alcol e poca acqua sono alcune delle cause della cellulite. 

La circolazione sanguigna non corretta, dovuta a cause genetiche, provoca problemi vascolari e quindi l’organismo non può più espellere le tossine che vanno così a creare grasso. 

Pelle a buccia d’arancia rimedi

Per cercare di prevenire la cellulite, è importante seguire una dieta sana, che preveda soprattutto frutta e verdura, almeno 2 L al giorno di acqua e deve essere accompagnata anche dall’attività fisica.
Se ne avete già sentito parlare ma vi sembra un’impresa impossibile, sappiate che bere tanta acqua è il primo passo per combattere la ritenzione idrica, visto che l’acqua agisce sulla diuresi e quindi permette di eliminare tutto ciò che c’è in eccesso nel corpo.
Naturalmente non vale bere sostanze zuccherate o gassate, in quanto contengono elementi che non fanno altro che aumentare la ritenzione idrica e l’accumulo di adipociti. Se non volete limitarvi all’acqua, potrete optare per il tè, gli infusi, le spremute e gli estratti.
Ciò che invece deve essere eliminato è il consumo di alcolico, che è una delle prime cause della cellulite. Quello che si deve preferire, inoltre, sono alimenti ricchi di vitamina C e di vitamina P, cioè quelli che aiutano le cellule a rigenerarsi: parliamo di arance, kiwi e dei frutti rossi.

 

Quali sono i cibi detox contro la pelle buccia d arancia?

Ecco qualche alimento che potrete inserire nella vostra alimentazione se avete intenzione di contrastare i buchi sulla pelle:

Il melograno, i frutti rossi, la barbabietola rossa, i mirtilli, le bacche di goji

I finocchi, i carciofi, i broccoli, i cavoli

Il crescione, il riso integrale, i semi di lino, le noci brasiliane, la quinoa, il grano saraceno

La papaya, il cumino, le alghe marine, le mele, l’avocado, l’ananas, il pompelmo, il limone

L’aloe, le carote, lo zenzero, la curcuma e l’amaranto.

Preferibile evitare il sale, che favorisce la ritenzione idrica, quindi non solo è bene limitarne il consumo negli alimenti ma anche evitare i cibi confezionati che ne contengono grandi quantità, come le patatine o anche gli insaccati.
Per non mangiare la pasta senza sale, potrete aggiungerlo a fine cottura, quando cioè ne assorbe in quantità minori. Potrete invece preferire le spezie, il limone e le erbe aromatiche per aggiungere gusto alle pietanze.
Inoltre ci sono alcuni consigli che potete seguire per migliorare la situazione, come usare l’aceto di mele per i capillari, quindi bere ogni mattina un bicchiere d’acqua con due cucchiai di questo liquido al suo interno, per almeno 15 giorni.
Un altro rimedio per migliorare la circolazione è quello di fare un’infusione di foglie di betulla, mettendole per 5 minuti nell’acqua calda, e poi bere.

 

Cellulite: come eliminarla con l’attività fisica

Se dovete capire che tipo di attività fisica fare per contrastare la cellulite, non possiamo che consigliarvi quella di tipo aerobico, cioè quella che apporta ossigeno mentre ci si esercita. Questa costante presenza infatti riduce i carboidrati e poi passa a bruciare tutte le riserve di grasso, dopo essere approdati agli zuccheri complessi.
Potete provare a fare degli esercizi anche in casa, con accessori che non costano e che sono molto facili da reperire:

lo stepper è ideale per chi vuole lavorare sulle gambe e sui glutei, in quanto favorisce la perdita di peso, rassodando il corpo. Molti modelli sono compatti o pieghevoli, per cui è possibile portarlo con sé, per esempio, in vacanza. 

la corda è un altro elemento di facile reperimento, che permette di aumentare la resistenza cardiaca, rinforzando il cuore, tonificando il corpo e migliorando l’equilibrio e la postura. 

Il potere del massaggio

Un altro modo per aiutare la circolazione è quello di effettuare dei massaggi anticellulite, che sono utili proprio a ripristinare il movimento del sangue in zone come la pancia, le cosce e le gambe.
Meglio ancora se si effettua il linfodrenaggio, che migliora le condizioni dei tessuti ed è anche utile per rallentare l’invecchiamento cutaneo. Per ottenere dei risultati abbastanza validi e visibili, potrete eseguire un ciclo di 10 o 12 sessioni, in base al problema da voi affrontato.
Se, invece, avete intenzione di prevenire il problema, potrete fare anche solo una seduta alla settimana mentre dovrete farne almeno due quando invece la cellulite è già a uno stadio avanzato.
Se volete fare da soli o completare i trattamenti con qualcosa di casalingo, potrete optare anche per l’acquisto di un massaggiatore anticellulite da usare almeno una o due volte al giorno, a seconda della gravità del problema. 

 

   

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI