Ultimo aggiornamento: 30.03.23

 

Con l’estate ormai alle porte, per le donne la preoccupazione più grande è sicuramente la cellulite.

Da sempre considerata la nemica più acerrima della bellezza, questa infiammazione del tessuto connettivo è dovuta ai depositi di adipe e agli stili di vita scorretti.

Di cosmetici per combatterla ce ne sono a bizzeffe: creme, impacchi, fanghi, gommage, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Ma come orientarsi tra così tante proposte?

Per individuare il trattamento adatto alle proprie esigenze e che porti ai risultati sperati, è importante conoscere tutte le caratteristiche da ricercare in questo genere di prodotti e imparare a usarli nel modo giusto.

Ecco, dunque, alcuni utili consigli per una scelta consapevole e un corretto utilizzo.

 

Come funzionano le creme anticellulite

Le creme anticellulite sono classificate come “cosmetici”, e questo significa che agiscono solo sullo strato superficiale della pelle.

Per questa ragione, nessun trattamento può dirsi efficace al 100% se non abbinato a una dieta sana e una regolare attività fisica.

A tavola bisognerebbe ridurre il più possibile il consumo di sale e zucchero, mentre per favorire l’eliminazione dei liquidi in eccesso, è bene prepararsi di tanto in tanto una buona tisana drenante o un infuso di tè verde.

Non dimenticate, poi, di bere almeno due litri di acqua al giorno.

Tornando alle creme anticellulite, per ottenere i risultati sperati le parole d’ordine sono: “costanza” e “regolarità”.

Una volta scelto il prodotto adatto, è necessario applicarlo tutti i giorni per almeno un paio di mesi, accompagnando la stesura con un massaggio dal basso verso l’alto con movimenti circolari.

Oltre a preferire un cosmetico provvisto di un INCI sicuro e rispettoso del delicato equilibrio epidermico della zona, le creme anticellulite, per essere davvero efficaci, dovrebbero contenere tre tipi di ingredienti:

liporiducenti, per ridurre gli accumuli di grasso localizzati e accelerare il metabolismo; drenanti, per eliminare i liquidi in eccesso e stimolare la microcircolazione; e idratanti, per mantenere la pelle elastica e tonica.

 

Scegliere il prodotto giusto

Visto che gli inestetismi non sono tutti uguali, per scegliere il prodotto giusto bisogna considerare il tipo di cellulite sul quale si vuole agire.

Se la pelle appare granulosa, senza accumuli di grasso visibili e con piccole fossette qua e là, è molto probabile che si sia affetti da cellulite compatta, un inestetismo piuttosto frequente soprattutto tra le adolescenti e le “under 30”.

Per combatterla è necessario intervenire tempestivamente con una dieta bilanciata e l’uso costante di una crema ad azione idratante.

Diverso, invece, il caso della cellulite edematosa, caratterizzata da accumuli adiposi concentrati prevalentemente sulle cosce e i glutei.

Oltre a ridurre il consumo di sale e cibi grassi, è importante scegliere una crema a base di sostanze drenanti, che si propongono di eliminare i liquidi in eccesso e di stimolare la microcircolazione.

Quando, infine, si deve intervenire sulla pelle a buccia d’arancia e le adiposità localizzate, sintomi tipici della cosiddetta cellulite “molle”, bisognerà ricorrere a un trattamento d’urto volto a tonificare, rassodare e levigare la pelle.

Consigli utili per una corretta applicazione

È chiaro, dunque, che la lotta alla cellulite richiede determinazione e costanza, ma è altrettanto importante seguire alcuni piccoli accorgimenti che possono aiutarci a ridurre questo odioso inestetismo.

Innanzitutto, è necessario preparare adeguatamente la pelle al trattamento, lavando accuratamente la zona con un sapone neutro.

In fase di applicazione, è bene eseguire un massaggio drenante per riattivare la circolazione sanguigna e facilitare l’assorbimento dei principi attivi contenuti.

Dopo aver prelevato una noce di crema, stendetela sulla zona di interesse con movimenti circolari, partendo dal basso verso l’alto, “pizzicando” leggermente la pelle con le dita.

Per quanto riguarda, invece, le tempistiche, ogni cosmetico ha una sua posologia e una specifica modalità d’uso, ed è pertanto buona norma leggere attentamente le indicazioni riportate sulla confezione o sul foglietto illustrativo.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI