Ultimo aggiornamento: 04.02.23

 

Siamo giunti a quella che forse è la sezione più attesa di tutta la nostra guida. Dopo i vari consigli d’acquisto, link su dove acquistare e la presentazione di prodotti e caratteristiche varie, adesso è il momento di capire come mettere l’eyeliner. Seguite le istruzioni presenti qui sotto e vedrete che non sarà poi così difficile.

 

Preparazione

Innanzitutto la palpebra deve essere già truccata. Se infatti state pensando ad un make up intenso come uno smooky eyes, è vero che l’eyeliner andrà sfumato con gli ombretti, ma è anche vero che senza una buona base, il tratto andrebbe a scomparire dopo la prima applicazione di polveri o altri pigmenti. Se non riuscite a fare durare il tratto quanto volete, sfruttate questa fase preparativa anche a questo scopo.

Per aiutarvi a mantenere il colore intatto infatti, potete munirvi di un buon primer e, per uniformare l’incarnato, di un buon correttore. Procedete poi con gli ombretti di base e solo adesso continuate con l’applicazione dell’eyeliner.

 

Applicazione

Iniziamo spiegando come mettere l’eyeliner a penna; come abbiamo detto si tratta della tipologia di applicatore più semplice perché basterà impugnarlo come un normale pennarello e regolare l’intensità del colore e lo spessore in base alla pressione. Seguite la rima ciliare meglio che potete e allungate il tratto in base ai vostri gusti..

Uno dei dubbi più comuni è infatti quello di non sapere come mettere l’eyeliner sottile; quanto più tenete l’attaccatura delle ciglia come riferimento, quanto più naturale sarà il look creato e, in questo caso, non dovrete esercitare troppa pressione.

Lo stesso vale qualora vogliate capire come mettere l’eyeliner liquido, una tipologia un po’ più difficile perché tende a essere molto sensibile anche ai più piccoli tremori della mano, causando spiacevoli imprecisioni e sbavature. L’eyeliner liquido si adatta meglio a pennellini sottili e per questo è più adatto a mani esperte e ferme; se siete alle prime armi è preferibile optare per consistenze più solide e applicatori più spessi come quello in feltro o a penna.

Trucchi e consigli

Ciò che spesso risulta difficile è creare un tratto del giusto spessore e soprattutto che sia uguale su entrambi gli occhi, per questo abbiamo alcuni consigli.

Provate, prima di iniziare, a disegnare con l’applicatore scelto dei punti equidistanti l’uno dall’altro; iniziate dal centro dell’occhio e procedete a distanza di pochi millimetri verso l’esterno. In questo modo avrete un’idea più chiara del tratto che verrà fuori e sarà più facile correggere eventuali errori.

Se invece il vostro problema è la punta esterna, ossia siete in grado di fare linee precise fino alla fine della palpebra, ma avete difficoltà a orientare la punta verso la stessa angolazione, potete utilizzare del banale nastro adesivo. Un piccolo pezzo attaccato alla fine dell’occhio può aiutarvi perché vi basterà seguire la sua inclinazione, senza dovervi preoccupare di sbavature inferiori che verranno portate via una volta staccato.

Ovviamente dovete fare attenzione nell’attaccare i due pezzi in maniera quanto più simile possibile, ma, come nel caso dei puntini, potrete staccare e riattaccare ogni volta che volete, fino a che non siete sicuri di aver trovato l’inclinazione giusta.

 

 

 

Vuoi saperne di più? Scrivici!

0 COMMENTI