Ultimo aggiornamento: 16.10.19

 

Tutti gli utilizzi alternativi dell’estratto vegetale più venduto e apprezzato al mondo.

 

L’olio di cocco è da sempre utilizzato nei paesi tropicali, come l’India e la Thailandia, mentre nel nostro continente vede un’ampia diffusione solo nell’ultimo decennio. Questo perché veniva considerato dannoso per l’organismo a causa del suo alto contenuto di acidi grassi saturi, almeno fino a quando non è stato dimostrato che i grassi a catena media contenuti, a differenza di quelli di altri grassi vegetali, riescono ad apportare numerosi benefici al nostro stato generale di salute.

Si può utilizzare in cucina sia come condimento, nella preparazione di ricette dal sapore speziato ed esotico, sia per la frittura, dato che la sua struttura riesce a rimanere intatta anche ad alte temperature senza produrre sostanze nocive, e si pone come ottimo alleato per la salute e la bellezza grazie alle sue innumerevole proprietà lenitive e idratanti.

Si tratta, dunque, di un grasso vegetale molto versatile che viene impiegato soprattutto per la cura del corpo e dei capelli, ma in realtà i suoi utilizzi si spingono ben oltre. Vediamo quali sono.

 

In cucina

Per chi segue la filosofia vegana, l’olio di cocco si presta come ottimo sostituto del burro e di altri grassi di origine animale, soprattutto nella preparazione di ricette dolci e salate.

Viene utilizzato soprattutto per realizzare prodotti da forno perché a temperature superiori ai 25°C si solidifica e mantiene gli impasti sodi e compatti dando loro la giusta consistenza.

Dato che ha un punto di fumo piuttosto alto e sopporta bene le temperature elevate si spende ottimamente anche come olio per frittura senza subire deterioramenti.

Aggiunto ai frullati e ad altre preparazioni a base di frutta e verdura facilita l’assorbimento delle vitamine liposolubili, oltre a rendere le ricette più nutrienti e gustose.

 

 

Per dimagrire

Sebbene l’olio di cocco vergine sia costituito per il 90% da acidi grassi saturi, è stato dimostrato che aiuta a dimagrire. Sembra assurdo ma è così! Tra i suoi tanti benefici per la salute, si riscontra anche un effetto positivo sul BMI, ossia l’indice di massa corporea. Questo si deve proprio alla particolare struttura dei suoi acidi grassi che, essendo a catena lunga, riescono a svolgere un’azione favorevole sul metabolismo, incentivando dunque la riduzione della massa grassa e il conseguente dimagrimento.

Ingerendo 15/20 grammi di olio di cocco al giorno, inoltre, sarà possibile aumentare il senso di sazietà nonché il dispendio energetico e lo smaltimento delle calorie.

 

Aiuta a bilanciare gli ormoni

L’olio di cocco è un grasso vegetale che aiuta a bilanciare in modo naturale la produzione degli ormoni da parte delle ghiandole surrenali e della tiroide. Questo perché è un’eccellente fonte di acidi grassi sani che incentivano le suddette ghiandole a regolarizzare la secrezione ormonale. Proprio per questo motivo, viene consigliato soprattutto in menopausa e può avere effetti benefici anche sui livelli di estrogeni.

 

Per le ossa

Tra le proprietà più apprezzate dell’olio di cocco si colloca anche la riduzione dello stress da ossidazione che colpisce le ossa, poiché facilita l’assorbimento di calcio e magnesio da parte dell’organismo.

La sua assunzione, infatti, si dimostra di grande utilità per aumentare il volume e la densità ossea, soprattutto nei soggetti affetti da osteoporosi.

 

Assorbimento di vitamine e nutrienti liposolubili

Come tutti ben sanno, le vitamine sono indispensabili per il benessere del nostro organismo, in quanto consentono il normale svolgimento della maggior parte dei suoi processi fisiologici. Anche in questo caso l’olio di cocco si rivela davvero efficace, dato che crea una condizione ottimale affinché il corpo possa procedere a un corretto assorbimento delle vitamine A, D, E e K, così da migliorare la salute di ossa, denti, capelli e pelle.

In virtù del fatto che il 60% degli acidi grassi contenuti è costituito da acido laurico, una sostanza dalle proprietà antivirali, antibatteriche e antifungine, la sua assimilazione contribuisce anche a proteggere l’organismo dall’attacco di virus e batteri, espletando dunque un effetto benefico anche per il sistema immunitario.

 

Aiuta a tenere sotto controllo gli zuccheri nel sangue

L’olio di cocco è un grasso vegetale capace di rilasciare i suoi nutrienti in modo lento e graduale, per cui riesce a fornire al corpo tutta l’energia di cui necessita per rendere più sostenibili i livelli di zucchero nel sangue, migliorando di conseguenza la tolleranza al glucosio.

Inoltre, aggiungere un cucchiaino di olio di cocco alle pietanze durante i pasti aiuta la digestione, dato che riesce a lubrificare il tratto gastro-intestinale, a facilitare il transito del cibo nel canale digerente e a rilassare le pareti dell’intestino.

 

Ottimo balsamo per le labbra

Unendo qualche goccia di olio essenziale a un cucchiaio di olio di cocco si può realizzare un ottimo balsamo emolliente ed esfoliante per rendere le labbra più morbide e levigate.

Non solo, grazie all’acido laurico, che come abbiamo già avuto modo di sottolineare dispone di eccellenti proprietà antibatteriche e antifungine, si potrà favorire la guarigione dell’herpes labiale e ottenere un immediato sollievo dal dolore.

Risulta efficace anche per calmare le infiammazioni e i rossori causati dalla rasatura, per cui gli uomini, e anche le donne che preferiscono ricorrere alla lametta per depilarsi, potranno utilizzarlo tranquillamente come dopobarba naturale o come balsamo post-rasatura.

 

I benefici per i denti

L’oil pulling è un’antica tecnica, utilizzata in particolar modo nella medicina ayurvedica, di recente tornata alla ribalta nell’ambito dell’igiene orale, soprattutto in virtù del crescente interesse verso i rimedi naturali. Si tratta, in pratica, di un trattamento basato su risciacqui con oli vegetali, e a tal proposito il più utilizzato è proprio l’olio di cocco.

È stato dimostrato, infatti, che la sostanza aiuterebbe a sbiancare i denti e a prevenire la formazione di placca e carie, per cui riesce a mantenere in buona salute l’intera cavità orale.

In commercio, infatti, non è difficile trovare dentifrici e colluttori che lo contengono, sebbene la maggior parte dei dentisti consigliano di utilizzare un olio di cocco (ecco la lista dei migliori prodotti) puro da diluire con acqua.

Tuttavia, è doveroso precisare che questo rimedio naturale non sostituisce l’uso del dentifricio e dello spazzolino, per cui si potrà ricorrere all’oil pulling con olio di cocco per migliorare l’igiene orale e mantenere i denti più bianchi, ma solo dopo averli lavati con il metodo tradizionale.

 

 

Anche per la pulizia della casa

Per quanto possa sembrare bizzarro, l’olio di cocco puro viene ampiamente utilizzato anche per le pulizie domestiche. Basta versarne qualche goccia su un panno umido per donare lucentezza alle superfici di casa, soprattutto quelle dei mobili in legno. Si tratta, dunque, di un espediente naturale che consente di risparmiare sull’acquisto di tanti altri prodotti chimici spesso anche aggressivi.