Ultimo aggiornamento: 02.06.20

 

L’impiego del cannabidiolo nel settore cosmetico è in piena espansione in tutto il mondo, ma la vera innovazione sono le creme per il contorno occhi arricchite con CBD per distende le piccole rughe e attenuare le occhiaie. Ecco svelati i motivi per cui possono essere considerate degli efficaci trattamenti antiage per la pelle.

 

Prendersi cura del contorno occhi è fondamentale per apparire sempre al top e sfoggiare uno sguardo luminoso e riposato. In questa particolare zona del viso, infatti, la pelle tende a diventare più sottile, risultando di conseguenza maggiormente esposta allo stress ossidativo e all’azione dannosa degli agenti esterni, come vento, raggi UV e inquinamento. 

Da qui è chiaro che con l’avanzare dell’età e senza le dovute attenzioni, la comparsa di rughe, zampe di gallina e occhiaie è praticamente inevitabile. Come prevenirle? Innanzitutto, bisognerebbe adottare uno stile di vita più sano e seguire un’alimentazione equilibrata, a base di frutta e verdura, e poi inserire nella propria routine di bellezza quotidiana cosmetici formulati appositamente per nutrire e idratare la zona perioculare, che è la più sensibile e delicata del volto.

In commercio esistono tantissimi prodotti per il contorno occhi, dalle creme ai sieri, passando per i gel e le maschere, ma tra le ultime novità del settore beauty troviamo anche i cosmetici con cannabidiolo, un metabolita della cannabis sativa dalle proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, che garantisce un’idratazione di lunga durata, apportando luminosità ed elasticità alla pelle della zona.

Se anche voi ne avete sentito parlare ma non siete ancora convinte delle loro straordinarie proprietà e dei benefici che sono in grado di apportare all’aspetto cutaneo, in questo post vi spiegheremo perché vale la pena inserirli nel proprio beauty case.

Le proprietà cosmetiche della cannabis

Recenti studi scientifici hanno dimostrato come dalla pianta della cannabis, o per meglio dire dai fiori e dai semi, si possa estrarre un olio capace di prevenire le rughe e rinforzare i capelli.

Questa sostanza, sempre più diffusa e apprezzata dalle beauty addicted di tutto il mondo in virtù dei numerosi benefici che è in grado di apportare alla bellezza del corpo e della pelle, è oggi tra le più utilizzate in ambito cosmetico per le sue proprietà idratanti e antiage.

Originario dell’Asia Centrale, l’olio di canapa viene estratto a freddo dai semi dell’omonima pianta e si contraddistingue per il suo odore abbastanza forte e pungente, oltre che per la consistenza fluida che non lascia tracce di unto sulla pelle. Contiene una dose rilevante di acidi grassi polinsaturi, Omega 3 e Omega 6, che si fanno apprezzare per le loro proprietà lenitive ed emollienti capaci di apportare tono ed elasticità alla pelle secca.

Non solo, l’olio di canapa contiene circa il 30% di acido linoleico, che in virtù della sua efficacia antimicrobica e antinfiammatoria, si pone come valido rimedio in caso di acne, brufoli e altre infiammazioni del tessuto connettivo, tra cui anche la cellulite.

Ma non è tutto, perché la sostanza è ricca anche di vitamine A ed E, due potenti antiossidanti capaci di prevenire e rallentare la proliferazione dei radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cutaneo, oltre che di calcio, ferro, fosforo, magnesio e potassio.

Grazie alla sua composizione chimica, il prodotto viene utilizzato sia in purezza per apportare idratazione e nutrimento alla pelle sia come eccipiente in molte preparazioni cosmetiche, come creme, unguenti, sieri e saponi, per prevenire la disidratazione, la desquamazione e tutti gli inestetismi causati dalla cheratinizzazione cutanea.

Questo lo rende particolarmente indicato per chi ha una pelle molto secca con tendenza ad arrossarsi e irritarsi facilmente, ma anche per quelle più mature che mostrano i segni evidenti dell’invecchiamento ossidativo.

Inoltre, vista la quasi totale assenza di effetti collaterali, l’utilizzo regolare dei cosmetici a base di cannabidiolo viene consigliato anche a chi ha una cute sensibile o delicata, soprattutto in virtù del fatto che non comportano alcuna alterazione significativa del naturale pH cutaneo.

 

Perché utilizzare un contorno occhi alla cannabis

Bene, ora che abbiamo fatto chiarezza sulle proprietà e gli utilizzi cosmetici dell’olio estratto dalla pianta della cannabis, cerchiamo di capire perché vale la pena utilizzare un buon contorno occhi a base di questa portentosa sostanza.

Innanzitutto, bisogna precisare che i prodotti da utilizzare in questa zona del viso devono essere specifici e formulati per combattere le imperfezioni più evidenti, come rughe d’espressione, zampe di gallina, borse e occhiaie.

I cosmetici per il contorno occhi che vedono l’aggiunta dell’olio di canapa si propongono proprio di ridurre e prevenire questi antiestetici inestetismi, grazie soprattutto all’elevato contenuto di vitamina E e acido linoleico.

Queste sostanze, oltre alle loro spiccate proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, svolgono un’efficace azione idratante ed emolliente che si propone di mantenere la pelle della zona nutrita, morbida ed elastica. 

In questo modo, le cellule epiteliali verranno incentivate ad attivare i loro naturali meccanismi di autoriparazione, con il duplice effetto di eliminare progressivamente il ristagno dei liquidi e stimolare al contempo la circolazione sanguigna per ridurre gonfiori e occhiaie.

Siero o crema?

Dal momento che i contorno occhi alla cannabis sono disponibili sia sotto forma di siero sia in crema, per scegliere il prodotto adatto alle proprie esigenze bisogna considerare la propria tipologia di pelle.

La differenza tra le due composizioni, in effetti, riguarda la loro consistenza: il primo ha una texture abbastanza liquida e leggera, per cui rappresenta la scelta ideale per quante hanno una cute mista o grassa, anche perché queste preparazioni cosmetiche vantano un effetto opacizzante che, oltre a ridurre la lucidità cutanea, aiuta a ridurre gli eccessi di sebo che generano la comparsa di brufoli e comedoni.

Inoltre, si dimostrano particolarmente efficaci quando la zona perioculare appare molto danneggiata e con rughe abbastanza marcate. Questo perché il siero, rispetto alla crema, contiene un’elevata concentrazione di principi attivi, come l’acido ialuronico, gli antiossidanti e la vitamina E, di cui l’olio di canapa è particolarmente ricco, ponendosi quindi come valida terapia d’urto da applicare a intervalli di 2/3 mesi l’anno.

La crema contorno occhi alla cannabis, invece, ha una consistenza più corposa e “pesante”, caratteristica che la rende adatta soprattutto in caso di pelle secca o soggetta a desquamazione localizzata.

Qualora si necessiti di un’azione più intensiva, soprattutto quando l’incedere delle lancette sul volto ha lasciato segni evidenti nella zona delicata del contorno occhi, si possono inserire nella propria skin care quotidiana entrambe le formulazioni, applicando il siero la mattina appena sveglie e la crema di sera poco prima di andare a dormire, così da trarre un maggiore beneficio dalla riattivazione notturna della circolazione sanguigna e sfruttare appieno tutte le potenzialità del contorno occhi all’olio di canapa.

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments