Ultimo aggiornamento: 06.06.20

 

Freddo, sole e vento possono pregiudicare la salute e la bellezza dell’epidermide. Per contrastare le aggressioni esterne e avere un incarnato radioso le parole d’ordine sono: nutrire, detergere e idratare.

 

La pelle, in qualità di organo più esteso del nostro corpo, è maggiormente soggetta agli effetti del tempo che passa. La paura di invecchiare riguarda molti di noi e la facilità con cui, oggi, si ricorre alla chirurgia estetica è a dir poco disarmante.

Ovviamente, non c’è nulla di male in questo, nessuno qui è contrario al famoso ritocchino, anzi ben venga se può farci stare bene con noi stessi e con gli altri. Prima, però, di ricorrere al bisturi, sappiate che ci sono altri modi per prevenire e combattere gli effetti dello skin aging, sicuramente meno invasivi e soprattutto più economici.

Come facile intuire, la cute è la prima e miglior difesa del nostro organismo, per cui è importante mantenerla in salute per rinforzare la sua capacità di agire come efficace barriera contro le aggressioni esterne.

Complici il freddo, i raggi UV, il vento e, per chi vive in città, lo smog ai massimi livelli, la pelle è messa ogni giorno a dura prova e, se non si corre ai ripari con una corretta skin care quotidiana, si rischia di indebolire le sue naturali difese, rendendola di conseguenza meno resiliente e più sensibile.

Purtroppo, sono ancora molte le persone che trascurano questa abitudine sottovalutandone l’importanza, ma seguendo tre semplici regole si potrà rendere il proprio incarnato fresco e radioso a lungo. Siete pronte a scoprire con noi i tre step fondamentali per una skin care perfetta? Allora, mettetevi comode che iniziamo.

Regola 1: detersione

Mettere la crema, togliere la crema. Mettere il trucco, togliere il trucco. Tra tutto questo mettere e togliere, che è tra l’altro il fondamento della beauty routine quotidiana, non bisogna mai sottovalutare l’importanza della detersione.

Sebbene ci sia ancora qualcuno che considera la pulizia del viso una fase secondaria della skin care, in realtà trascurare questo passaggio potrebbe alla lunga comportare l’insorgere di diverse problematiche, dall’acne alla secchezza epiteliale, dall’invecchiamento ossidativo alla formazione di antiestetici inestetismi.

Detergere il viso, in effetti, non è solo una necessità estetica ma un’abitudine assolutamente imprescindibile per mantenere l’incarnato giovane e luminoso, un’esigenza che si fa particolarmente sentire nella società moderna, dove inquinamento, smog, raggi UV e vento sono diventati i nemici numero uno della bellezza.

Attenzione però: i lavaggi frequenti e l’uso di detergenti troppo aggressivi potrebbero compromettere la barriera idrolipidica che riveste e protegge la pelle naturalmente, rendendola di conseguenza più vulnerabile agli agenti esterni, oltre a indurre le ghiandole sebacee a lavorare di più con effetti contrari a quelli desiderati.

La domanda da porsi è: cosa bisogna rimuovere dalla superficie cutanea e cosa invece va preservato? Anche in fase di detersione è fondamentale salvaguardare la naturale barriera della pelle, poiché – soprattutto in inverno – è quanto di più prezioso abbiamo per proteggere il nostro corpo dall’azione lesiva degli agenti atmosferici e del freddo.

Innanzitutto, per eliminare il make up e le tossine accumulatesi nel corso della giornata, la cute va lavata almeno due volte al giorno, al mattino e la sera prima di andare a letto, con acqua tiepida. Infine, per non alterare il film idrolipidico del derma è fondamentale utilizzare un detergente delicato e rispettoso del naturale pH cutaneo, ma bisogna stare attenti anche a come si asciuga il viso.

Per non sottoporlo a un ulteriore stress, è necessario prestare attenzione a non sfregare la zona con eccessiva veemenza; l’ideale, quindi, sarebbe tamponare delicatamente l’area di interesse con un asciugamano morbido fino a eliminare ogni residuo di umidità.

 

Regola 2: idratazione

La seconda regola da seguire per avere una pelle sana, tonica e luminosa è l’idratazione, un’abitudine assolutamente indispensabile per rallentare gli effetti dell’invecchiamento ossidativo causato dal freddo, dal sole e dal vento.

L’obiettivo può essere raggiunto agendo su due fronti: in primis, bisogna nutrire l’epidermide dall’interno, bevendo almeno due litri di acqua al giorno e seguendo a una dieta bilanciata a base di frutta e verdura; in secundis, è fondamentale agire dall’esterno utilizzando cosmetici ricchi di sostanze nutrienti, che si propongano di migliorare la compattezza della pelle, ripristinando la funzionalità della barriera cutanea.

Dopo i trent’anni sono da preferire le creme e i sieri a base di acido ialuronico e vitamine del gruppo B che, essendo ricchi di antiossidanti, si rivelano utili per contrastare efficacemente i segni del tempo, rallentandoli e prevenendone la comparsa.

Per calmare eventuali rossori e irritazioni, soprattutto quando si ha una pelle particolarmente sensibile o reattiva, la scelta dovrebbe invece ricadere su cosmetici formulati con ingredienti naturali senza aggiunta di parabeni, petrolati o altre sostanze potenzialmente aggressive che rischiano di compromettere il delicato equilibrio epidermico.

La disidratazione, però, non riguarda solo la zona delicata del viso ma può colpire anche altre aree del corpo, come unghie e mani. Un antico proverbio recita: “prevenire è meglio che curare” ed è proprio questa la filosofia su cui deve basarsi la scelta della migliore crema mani che ci accompagni durante il periodo invernale.

Con il freddo e il vento, infatti, le mani sono maggiormente soggette a screpolature, secchezza e invecchiamento precoce, per cui diventa fondamentale applicare regolarmente un buon cosmetico idratante che contribuisca a proteggerle dagli sbalzi di temperatura.

Regola 3: protezione

Quando il freddo si fa più intenso, una corretta detersione quotidiana e una costante idratazione potrebbero non bastare per salvaguardare la pelle da screpolature, irritazioni e rossori; una considerazione che ci introduce al terzo step fondamentale della skin care perfetta: la protezione.

Se vi state chiedendo come difendere la vostra pelle dalle intemperie, dovete partire dal presupposto che i principali nemici da combattere sono gli sbalzi di temperatura e i raggi UV, contro i quali è necessaria un’idratazione ad hoc a base di SPF.

I cosmetici da preferire, quindi, sono quelli che contengono almeno il 15% di filtri solari, in modo da schermare efficacemente gli effetti dannosi del sole. A dispetto di quanto si possa pensare, questi prodotti non vanno utilizzati solo durante il periodo estivo, ma anche in inverno, soprattutto quando si trascorrono le vacanze ad alta quota o si prevede di passare la giornata all’aperto.

Infine, è altrettanto importante proteggere la pelle dal vento che, oltre a comportare arrossamenti e screpolature, potrebbe provocare l’insorgenza di problemi cutanei ben più gravi, come dermatiti e couperose. Anche in questo caso, l’ideale è applicare regolarmente sul viso, ma anche su mani e labbra, una buon cosmetico nutriente che assicuri un’efficace protezione contro l’azione dannosa del freddo. 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments