Ultimo aggiornamento: 16.10.19

 

Tutti i motivi per cui può essere considerato un efficace trattamento antiage per la pelle e perché viene oggi definito un “elisir di giovinezza”

 

Se il vostro chiodo fisso è avere una pelle giovane e tonica, la soluzione più efficace risiede nell’utilizzo del miglior acido ialuronico per le vostre esigenze. Facile a dirsi ma non altrettanto a farsi, visto che in commercio esistono talmente tanti prodotti a base di questa miracolosa sostanza che scegliere quello più adatto al proprio tipo di pelle diventa un’impresa a dir poco titanica.

Non temete, siamo qui proprio per facilitarvi il compito e risolvere ogni vostro possibile dubbio sulla natura e le funzioni di quello che viene oggi definito un vero e proprio “elisir di giovinezza”. Procediamo, dunque, per gradi iniziando a dare una risposta esaustiva alla domanda “a cosa serve l’acido ialuronico?”, per poi concentrarci su tutti i suoi possibili utilizzi in campo cosmetico e non solo.

 

Che cos’è l’acido ialuronico

La prima cosa da sapere è che l’acido ialuronico è una componente fondamentale dei tessuti connettivi che conferisce resistenza ed elasticità alla pelle, oltre a formare un’efficace barriera che la protegge dagli effetti deleteri degli agenti esterni. Da un punto di vista chimico, viene classificato come glicosaminoglicano, in quanto composto da lunghe catene di zuccheri semplici, quali l’acido glucuronico e la N-acetilglucosamina. L’elevata polarità di queste sostanze conferisce alla molecola una buona solubilità in ambiente acquoso, ragion per cui riesce a garantire un’idratazione profonda ai tessuti interessati, proteggendoli al contempo da tensioni e sollecitazioni intense.

Si tratta, dunque, di una sostanza naturalmente prodotta dal nostro corpo, presente nella pelle, nel tessuto epiteliale, nelle articolazioni e negli occhi. La sua particolare struttura chimica gli permette di assorbire molte particelle d’acqua, divenendo uno strumento eccezionale per avere una cute sempre idratata, elastica e compatta.

 

 

Le proprietà

L’acido ialuronico presenta tante proprietà che lo rendono prezioso sia in campo cosmetico sia in ambito farmaceutico e medico. A rendere straordinario il suo impiego è la particolare capacità di legarsi alle molecole d’acqua e ad altre sostanze, caratteristica che consente di realizzare prodotti utili per la salute delle articolazioni e per il benessere del derma.

È capace di lubrificare le giunture cartilaginee, allo scopo di proteggerle dall’usura e dai carichi eccessivi, nonché di stimolare la produzione del tessuto connettivo e del collagene, in modo da tutelare l’organismo dall’attacco di batteri e virus. Inoltre, questa molecola è in grado di espletare importanti funzioni antinfiammatorie e cicatrizzanti, tanto è vero che viene utilizzata con successo nei trattamenti contro l’acne, le ulcere e le ustioni.

Grazie alle sue proprietà anti-age riesce a donare maggiore elasticità alla pelle ed è in grado di ridurre visibilmente i segni dell’invecchiamento cutaneo, stimolando allo stesso tempo la rigenerazione delle cellule epiteliali. In questo modo, la pelle, specialmente quella del viso, riesce a riacquistare la compattezza e la tonicità che con l’avanzare dell’età vengono inesorabilmente a mancare. Non è un caso, infatti, che la molecola venga oggi utilizzata in diversi trattamenti cosmetici volti a distendere le rughe del volto e a prevenirne la ricomparsa. Visto, poi, che stiamo parlando di una sostanza dermocompatibile, può essere utilizzata in tutta sicurezza su ogni tipo di pelle.

 

Le controindicazioni dell’acido ialuronico

L’uso topico non presenta particolari effetti collaterali, soprattutto quando utilizzato in ambito cosmetico, perché non provoca sensibilità ed è ben tollerato dall’epidermide. Tuttavia, a seguito dell’utilizzo di un siero o di una crema all’acido ialuronico, in alcuni casi potrebbero manifestarsi rossori, gonfiori, infiammazioni o prurito nelle aree di interesse. Questi effetti, però, non sono ascrivibili alla molecola in sé, ma piuttosto al fatto che è stato impiegato un cosmetico non di buona qualità.

Non sono stati, invece, registrati effetti collaterali a seguito dell’ingestione dell’acido ialuronico per via orale sotto forma di integratore o farmaco, e neanche in caso di infiltrazioni attraverso liquido sinoviale. Tuttavia, prima di intraprendere un qualsiasi trattamento è sempre opportuno accertarsi che non ci siano infezioni batteriche o di tipo virale in atto, soprattutto se l’intenzione è quella di ricorrere a filler a base di acido ialuronico da inoculare nelle zone del volto più sensibili, come labbra e contorno occhi. In questi casi, l’iniezione potrebbe comportare conseguenze piuttosto gravi e pericolose, come ecchimosi, ematomi, lividi e, in casi estremi, anche la formazione di ascessi.

Negli ultimi tempi, si sta facendo largo impiego della molecola anche per curare alcune infezioni oculari e, per il momento, non sono stati segnalati particolari controindicazioni nemmeno in questo ambito. A ogni modo, è sempre consigliabile declinare l’utilizzo della sostanza sotto ogni forma durante la gravidanza e l’allattamento, così da evitare ogni tipo di problema sia al bambino sia alla madre.

 

Come utilizzare un ialuronico puro

Nell’ambito della skincare, molti esperti raccomandano di utilizzare un siero all’acido ialuronico puro ad alta concentrazione. Questo perché molte creme viso ne contengono una quantità piuttosto scarsa e sono, in genere, formulate con l’aggiunta di altri ingredienti di derivazione chimica spesso dannosi per l’organismo.

La cosa migliore è, quindi, acquistare un gel o un siero che contenga solo acido ialuronico puro – meglio ancora se biologico e ad alto peso molecolare – e applicarlo dopo aver deterso la zona di interesse e prima di procedere ai trattamenti di bellezza successivi. Se si utilizza un gel puro lo si potrà applicare anche sul contorno occhi e sulla zona perilabiale per prevenire e ridurre le rughe d’espressione e le antiestetiche “zampe di gallina”.

Inoltre, si può usare l’acido ialuronico puro tutti i giorni e in qualsiasi momento della giornata, sia la mattina sia la sera prima di andare a dormire, e lo si può applicare tranquillamente su tutto il viso e anche sul décolleté per migliorarne la compattezza e l’elasticità.

 

 

Come realizzare una crema all’acido ialuronico in casa

Sarà anche vero che gli esperti consigliano di utilizzare un acido ialuronico puro e biologico, ma è altrettanto vero che quelli di buona qualità provvisti di un INCI “green” accettabile sono, in genere, i più costosi. Se non avete intenzione di spendere troppo potete anche realizzare un buon cosmetico anti-age direttamente tra le mura domestiche ricorrendo al fai-da-te. 

Quello che occorre è acqua distillata, sodio ialuronato in polvere e, se volete che il preparato duri più a lungo, qualche goccia di conservante naturale. Una volta aggiunta la polvere all’acqua distillata (senza però mescolare), lasciate riposare il composto per almeno otto ore in un luogo buio. In questo modo si formerà un gel viscoso, che andrà mescolato fino a quando non assumerà una consistenza liscia e omogenea. A questo punto potete aggiungere qualche goccia di conservante e iniziare a utilizzare la vostra crema antirughe fatta in casa.