Ultimo aggiornamento: 17.11.19

 

La piastra per capelli è indispensabile per avere un’acconciatura perfetta. Seguite questi consigli per ottenere i migliori risultati senza rovinare la chioma

 

Non importa il tipo di chioma che avete, la piastra è quell’accessorio in grado di trasformare il suo aspetto. Da capelli mossi o ricci a perfettamente lisci in pochi passi e non solo, perché con l’aiuto di questo strumento si possono anche creare boccoli e dare volume alla chioma: basta solo saperlo utilizzare. In questa guida ci occupiamo degli errori comuni da evitare per non danneggiare i capelli, ottenendo così qualsiasi risultato si desidera. Ecco, dunque, le strategie per garantire la buona salute del capello senza rinunciare all’utilizzo della piastra. 

 

Non usare un termoprotettore 

La prima accortezza riguarda l’utilizzo di un prodotto che protegge il capello dalle elevate temperature della piastra e del phon. In commercio ci sono spray e lozioni per capelli umidi, ideate per evitare che il calore di questi accessori possa danneggiare la struttura del capello, a lungo andare. 

Semplici da utilizzare ed efficaci, ma soprattutto necessari per preservare la chioma in buone condizioni. È necessario distribuire il prodotto su tutta la lunghezza dei capelli, partendo dalle radici fino alle punte. 

Questi prodotti funzionano come le creme anti UVB e UVA, che utilizziamo quando andiamo al mare, ovvero quando è opportuno salvaguardare i capelli scegliendo una protezione dal sole. 

 

 

Usare la piastra con capelli bagnati 

Un altro errore da non commettere è quello di usare la piastra con i capelli non del tutto asciutti. Questa operazione è la più pericolosa per i capelli, che rischiano di essere danneggiati in modo permanente. 

I capelli umidi sottoposti al calore della piastra si indeboliscono, con un effetto finale che è ben lontano dalla piega liscia e perfetta, che è in grado di raggiungere questo strumento. 

Se quindi non avete di intenzione di dare un taglio prematuro alla vostra chioma, è necessario fare attenzione durante la fase di asciugatura, assicurandovi che non ci siano ciocche ancora umide. 

Detto ciò, esistono piastre per capelli vendute online (ecco i migliori modelli) da poter utilizzare anche con i capelli umidi, senza rovinarli, se cercate una soluzione pratica e veloce. 

 

Temperatura al massimo 

Le piastre moderne possono raggiungere temperature molto elevate: in certi casi anche i 250°. Attenzione però, perché questo non significa che va bene scegliere sempre e solo quella più alta. 

Se avete capelli fini e fragili è sconsigliatissimo selezionare temperature maggiori di 150°, altrimenti si corre il grosso rischio di bruciarli. Queste sono infatti destinate a chi ha capelli crespi, grossi e molto ricci, ma anche in questo caso è sempre necessario prestare attenzione. 

È possibile anche alternare i livelli di calore in base all’acconciatura che si desidera, ma in generale, se i vostri capelli sono fini, è meglio non stressati con temperature troppo elevate. 

Un altro accorgimento prezioso è quello di evitare di stare troppo a contatto con il cuoio capelluto, viso e orecchie, per evitare di scottarsi con questo strumento. Riuscirete a ottenere comunque la piega desiderata.

 

Non spazzolare i capelli 

Per assicurare un buon risultato è necessario pettinare i capelli prima di utilizzare la piastra, in modo tale da liberare le ciocche e consentire all’accessorio di eseguire il suo compito. Potete pettinarle anche dopo aver passato la piastra per un liscio perfetto, aiutandovi con la spazzola o con un pettine dai denti larghi.

Un altro errore da non commettere è quello di prendere ciocche troppo grosse e passarle con la piastra troppe volte. Separate i capelli prima di iniziare creando piccole ciocche, e passate la piastra non più di due volte. In questo modo farete più in fretta a ottenere il vostro risultato, senza rischiare di danneggiare la chioma. 

 

L’importanza delle dimensioni 

Le piastre non sono tutte uguali e variano anche nella loro dimensione. Un errore da non commettere è quello di sottovalutare questo dettaglio, e puntare solo al costo o al marchio.

Se scegliete il brand migliore ma un prodotto che non potete usare, l’acquisto verrà fatto invano, quindi è bene tenere in considerazione questa caratteristica. Se avete i capelli lunghi potete acquistare una piastra classica in grado di creare l’acconciatura desiderata, senza fare troppi sforzi. 

Al contrario, se i vostri capelli sono corti avrete bisogno di una piastra più piccola che vi consenta di creare il vostro look facilmente. Le piastre da viaggio sono in assoluto le più piccole, una soluzione ideale per tenere i capelli in ordine in vacanza: sono ideali se non avete i capelli lunghi.

 

 

Scegliere una piastra economica 

Non sempre è bene puntare su un prodotto economico, soprattutto nel mondo delle piastre per capelli. In commercio ci sono numerose proposte interessanti da un punto di vista di rapporto qualità/prezzo.

Diffidate però da piastre troppo economiche e puntate a una maggiore qualità per il bene dei vostri capelli. Se non sapete da dove iniziare la vostra ricerca, chiedete il parere della vostra parrucchiera, specificando magari il budget che avete in mente: in generale si trovano prodotti buoni a partire dai 30 € in su. 

Un discorso un po’ diverso riguarda i modelli da poter utilizzare con i capelli bagnati, che, proprio per questa loro peculiarità, hanno un costo maggiore.