Ultimo aggiornamento: 02.06.20

 

Tutte sogniamo un corpo perfetto e senza antiestetici inestetismi, ma bisogna anche essere realiste e non lasciarsi abbindolare dalle “promesse miracolose” millantate dai vari trattamenti cosmetici. Per combatte la ritenzione idrica e la pelle a buccia d’arancia è fondamentale acquistare una crema anticellulite adatta alle proprie esigenze cutanee, e quale modo migliore per farlo se non capire come funzionano effettivamente questi prodotti? 

 

Si fa presto a dire che una crema è “anticellulite”, ma quanti di questi trattamenti sono davvero efficaci? Premesso che la costanza nell’applicazione è la migliore alleata per prevenire e combattere gli inestetismi causati dalla ritenzione idrica, il settore cosmetico propone tantissimi prodotti che promettono la salvezza contro questa fastidiosa piaga che colpisce glutei, cosce e fianchi. Ma vi siete mai chieste come funzionano, quali sono il loro punti di forza e gli eventuali effetti collaterali dovuti a uno scorretto utilizzo? Cerchiamo di scoprirlo insieme!

 

Che cos’è la cellulite e quali sono le cause

Per capire come agiscono questi cosmetici, dobbiamo innanzitutto chiarire cosa succede alla nostra pelle con il passare del tempo, poiché è proprio su questi cambiamenti che la crema anticellulite va a intervenire.

Per prima cosa specifichiamo che la pannicolopatia edemato-fibra-sclerotica, meglio conosciuta come cellulite, è una patologia cutanea causata da un’alterazione dell’ipoderma, uno strato attivo del tessuto connettivo costituito prevalentemente da cellule adipose.

Quando queste cellule adipose si accumulano in maniera eccessiva nel sottocute, gli edemi che vengono a crearsi generano un progressivo rallentamento del microcircolo, che è la principale via attraverso cui l’organismo espelle le tossine e i liquidi in eccesso.

La cellulite può fare la sua comparsa già a partire dai 20 anni, localizzandosi in modo particolare sulle cosce, nella zona laterale del bacino e sui glutei. Si tratta di un inestetismo che colpisce circa l’80% delle donne e le cause possono essere molteplici: predisposizione genetica, squilibri ormonali, scarsa attività fisica, alimentazione scorretta, fumo, alcol e obesità.

Anche un outfit poco comodo, come pantaloni troppo stretti e tacchi alti indossati per molte ore al giorno, possono incidere negativamente sul corretto funzionamento del sistema vascolare e linfatico, favorendo di conseguenza la comparsa della cellulite e dell’antiestetica pelle a “buccia d’arancia”.

Per ridurre e prevenire questi fastidiosi inestetismi è consigliabile, quindi, scegliere un abbigliamento confortevole, soprattutto se si svolge un lavoro sedentario, adottare uno stile di vita più sano ed eseguire dei massaggi linfodrenanti che vadano a potenziare gli effetti del cosmetico scelto.

 

Come agiscono le creme anticellulite

Tutte abbiamo sentito parlare delle creme anticellulite e, non a caso, sempre più donne sono alla continua ricerca di trattamenti beauty efficaci per combattere questo fastidioso inestetismo che, con il passare del tempo, rischia di diventare una vera e propria ossessione, se non addirittura un disturbo psicologico.

La crema anticellulite più venduta è sicuramente quella formulata con ingredienti che si propongono di ripristinare la corretta funzionalità del microcircolo e di mantenere questo stato nonostante gli stimoli esterni. Per contrastare la ritenzione idrica e le adiposità localizzate, le sostanze su cui fare affidamento sono la caffeina e la teofillina, il cui meccanismo d’azione si concentra proprio sull’attivazione del catabolismo lipidico, ossia il processo metabolico che permette la scissione e lo smaltimento degli accumuli di grasso.

Queste preparazioni cosmetiche, per essere veramente efficaci, devono svolge tre funzioni essenziali: la prima è sicuramente quella di favorire il drenaggio dei liquidi in eccesso, in modo che l’organismo, una volta smaltite tutte le tossine, possa trarre il massimo beneficio dalle altre sostanze contenute nel cosmetico, soprattutto quelle a effetto elasticizzante e levigante.

La seconda, invece, è volta a stimolare il metabolismo lipidico per combattere i depositi adiposi attraverso una maggiore produzione di lipasi, l’enzima che si occupa appunto della scissione dei grassi presenti nel tessuto sottocutaneo. 

L’ultima funzione, ma non per importanza, è la riattivazione del microcircolo, il cui rallentamento è la principale causa del ristagno dei liquidi. I cosmetici più adatti allo scopo sono quelli formulati a base di ingredienti ad azione tonificante e vasoprotettiva, come la vite rossa e la centella asiatica, che si propongono di rafforzare le pareti dei capillari rendendole più elastiche, in modo da migliorare progressivamente la circolazione sanguigna e ridurre gli edemi che provocano il ristagno dei liquidi negli spazi extracellulari.

 

Gli ingredienti più efficaci

Come anticipato, la cellulite è un inestetismo causato da uno squilibrio tra la circolazione venosa e quella linfatica, che comporta un progressivo accumulo di liquidi tra le cellule adipose. Una buona strategia per prevenire e combattere la ritenzione idrica responsabile della cellulite è sicuramente quella di adottare uno stile di vita sano, partendo da un’alimentazione equilibrata e una regolare attività fisica.

Fatto questo, si potrà inserire nella propria beauty routine un cosmetico anticellulite che aiuti a migliorare l’elasticità e il turgore della pelle, oltre a favorire l’eliminazione dell’adipe in eccesso. Visto, però, che i prodotti disponibili sul mercato non sono tutti uguali, anzi alcuni si dimostrano addirittura meno efficaci di altri, è fondamentale capire su quali ingredienti puntare per ridurre e prevenire l’antiestetica pelle a buccia d’arancia.

Tra i più utilizzati nella formulazione di queste preparazioni cosmetiche troviamo: la caffeina, che si fa apprezzare per la sua capacità di intervenire sul metabolismo dei grassi per facilitarne lo smaltimento da parte dell’organismo; la capsaicina, una sostanza estratta dal peperoncino che, attraverso l’aumento della temperatura corporea, si propone di stimolare la termogenesi per bruciare le riserve adipose presenti nel tessuto sottocutaneo; e la centella asiatica che, in virtù del suo potere drenante, rappresenta un vero e proprio toccasana per il corretto funzionamento della microcircolazione, oltre a rinforzare i capillari migliorandone la portata.

Un altro trattamento molto utile per tenere alla larga la cellulite sono i fanghi d’alga guam, perfetti per ridurre i segni più marcati ed evidenti della ritenzione idrica. Al pari degli altri, però, anche questi prodotti vanno applicati con costanza e associati a uno stile di vita sano per poter riscontrare nel breve periodo risultati apprezzabili.

A tal proposito, ci preme precisare che tutte le creme anticellulite, comprese quelle più costose e dall’inci di stampo biologico, da sole non possono fare miracoli e, per ottenere gli effetti sperati, andranno sempre supportate con un po’ di attività fisica e una dieta equilibrata.

Altrettanto importante è imparare a utilizzarle in modo corretto: per far in modo che la pelle possa beneficiare al meglio degli attivi contenuti nella preparazione cosmetica, bisogna dedicare qualche minuto in più alla propria skincare quotidiana. Pertanto, la crema andrà applicata sulle zone di interesse con un massaggio lento e circolare, partendo dal basso verso l’alto fino a quando il prodotto non sarà stato assorbito completamente dalla pelle.

 

 

 

Sottoscrivere
Notifica di
guest
0 Comments
Inline Feedbacks
View all comments