Ultimo aggiornamento: 17.11.19

 

Ecco svelati i motivi per cui i prodotti a base ialuronico sono capaci di apportare effetti benefici in favore della pelle e dell’organismo

 

L’acido ialuronico presenta molteplici proprietà, come salvaguardare la pelle dagli effetti dannosi del photoaging e dell’invecchiamento ossidativo, e contrastare diverse patologie a carico delle articolazioni e del sistema nervoso. Si tratta di un mucopolisaccaride già naturalmente presente nei componenti dell’epidermide e si occupa di nutrire le cellule e apportare compattezza e turgore alla pelle del viso. I suoi impieghi in campo cosmetico sono ormai ben noti a tutti, ma quello che probabilmente molti non sanno è che la sostanza non si limita solo ad apportare benefici alla pelle, ma svolge anche altre importanti funzioni utili per il benessere del nostro organismo.

Oltre a stimolare la produzione di collagene e ad aumentare la plasticità dei tessuti connettivi, il miglior acido ialuronico ci protegge dall’attacco di virus e batteri, e dispone di numerose proprietà cicatriziali e antinfiammatorie. 

Una premessa, però, è indispensabile: prima di intraprendere un qualsiasi trattamento a base di acido ialuronico è buona norma consultare il proprio medico di fiducia o un dermatologo, che sapranno darvi sicuramente le indicazioni necessarie per individuare il prodotto più adatto al vostro caso, in modo da poterlo utilizzare in tutta sicurezza.

Detto questo, sicuri che la maggior parte di voi seguirà il nostro consiglio, passiamo ora ad analizzare nel dettaglio tutti i possibili utilizzi di questa “miracolosa” sostanza che è oggi sulla bocca di tutti.

 

Idrata la pelle e riduce le rughe

Uno degli utilizzi più noti e frequenti è quello cosmetico. Lo si può trovare come eccipiente in molte creme e sieri idratanti, oppure sotto forma di filler all’acido ialuronico, da iniettare nelle zone del viso maggiormente soggette a cedimento, per contrastare i segni dello skin aging. In effetti, la principale funzione della sostanza è quella di rallentare e ridurre il progressivo invecchiamento cellulare, in quanto capace di penetrare negli strati più profondi del tessuto connettivo per nutrire e idratare le cellule cutanee, che verranno così incentivate ad autoripararsi e a ritrovare la compattezza e l’elasticità perdute.

Chi vuole ottenere una pelle rimpolpata e luminosa, quindi, dovrebbe sempre fare un utilizzo costante di cosmetici a base di acido ialuronico, soprattutto dopo i trent’anni, ossia quando la spontanea produzione della sostanza da parte delle cellule cutanee inizia pian piano a diminuire, con la conseguente comparsa di rughe e inestetismi vari.

L’azione nutriente e umettante della molecola, infatti, evita che la pelle si secchi, poiché riesce a trattenere le particelle d’acqua e l’umidità necessaria affinché il derma non perda tono ed elasticità, così da ottenere un’idratazione profonda.

Si possono realizzare anche dei trattamenti fatti in casa unendo l’acido ialuronico puro alla propria crema viso preferita, così da garantirsi un effetto anti-age più efficace e duraturo.

 

 

Contrasta l’artrosi e favorisce il benessere delle articolazioni

Sapevate che l’acido ialuronico si propone anche di salvaguardare la salute e il benessere delle nostre articolazioni? Ebbene sì, uno dei tanti utilizzi della molecola riguarda proprio il punto di connessione fra le strutture ossee contigue, sia che si tratti di articolazioni mobili sia di quelle fisse. L’effetto espletato dall’acido ialuronico in questi casi è quello di riempire le zone cartilaginee per ridurre i disturbi alle articolazioni, che risulteranno opportunamente lubrificate e anche più resistenti.

Proprio per questo motivo, si rivela particolarmente utile per contrastare l’artrosi e tutte quelle affezioni che sopraggiungono a seguito di interventi chirurgici, come quelli che interessano le articolazioni del ginocchio o dell’anca. Non a caso, diversi utenti che soffrono di osteoartrite del ginocchio hanno riscontrato effettivi miglioramenti dopo essersi sottoposti a trattamenti a base di acido ialuronico, riuscendo così a svolgere tutte le normali attività quotidiane e anche a prevenire l’ulteriore degrado del tessuto cartilagineo.

Visto, poi, che con l’avanzare dell’età le ossa tendono a diventare più fragili e a decalcificarsi, diversi esperti consigliano l’utilizzo della molecola anche come terapia preventiva, così da ridurre sensibilmente il dolore e, allo stesso tempo, migliorare la mobilità attenuando lo stress meccanico a cui vengono sottoposte le articolazioni durante la senescenza.

 

Contro l’acne e le cicatrici cutanee

Tra i tanti benefici dell’acido ialuronico troviamo anche quello di rendere meno evidenti le cicatrici cutanee, comprese quelle causate dall’acne. In questi casi, la molecola viene impiegata come principio attivo in diversi prodotti cicatrizzanti per la cura di piaghe, ulcere, ustioni e tutte quelle lesioni dermatologiche che tendono a contaminare le zone più delicate del viso.

Basta, dunque, recarsi in farmacia o rivolgersi a uno dei tanti negozi fisici o del web per acquistare un buon acido ialuronico cicatrizzante in forma di garze o pomata da applicare direttamente sulla ferita. In questo modo, si potrà velocizzare il processo di guarigione e favorire la riepitelizzazione della lesione.

 

Altri effetti sull’organismo

Come abbiamo già avuto modo di sottolineare, l’acido ialuronico è già presente in diverse zone dell’organismo e non solo a livello epidermico. Lo si ritrova nel tessuto connettivo, negli occhi e nel liquido articolare, quindi è chiaro che i suoi benefici non si limitano solo alla pelle del viso ma anche al resto del corpo, migliorandone sensibilmente lo stato generale di salute.

In commercio sono disponibili anche integratori a base della sostanza, i quali si propongono, non solo di stimolare la formazione di collagene e tessuto connettivo, ma anche di rinforzare le difese immunitarie dell’organismo e di proteggerlo dall’attacco di virus e batteri.

Presente anche nell’umor vitreo dell’occhio, in oftalmologia la molecola si fa apprezzare per la sua capacità idratante e l’effetto pseudoplastico molto simile a quello delle mucine solubili del film lacrimale. Pertanto, viene impiegata nella formulazione di diversi colliri che consentono la lubrificazione dell’intera superficie oculare.

 

 

Assunzione e dosaggio

L’acido ialuronico può essere assunto per via orale sotto forma di integratore o di farmaco, applicato per via topica o iniettato direttamente nell’area di interesse, ma è chiaro che il dosaggio e la frequenza di impiego variano in base al tipo di utilizzo a cui viene destinato. Per fare un esempio, gli integratori di acido ialuronico andrebbero assunti tutti i giorni per un periodo non eccedente i tre mesi, salvo diverse indicazioni riportate in etichetta, mentre il suo utilizzo in forma di farmaco deve essere sempre prescritto dal medico o da uno specialista.

Per quanto riguarda le iniezioni per via endoarticolare per trattare casi di artrosi del ginocchio o dell’anca, in genere sono sufficienti tre o cinque infiltrazioni per riscontrare i primi benefici. Altri ambiti in cui le iniezioni di acido ialuronico riscuotono successo sono la medicina veterinaria e la chirurgia plastica ed estetica, ma anche in questi casi il trattamento deve rispettare scrupolosamente le indicazioni del medico.

Il discorso, ovviamente, è diverso in caso di creme, sieri e altri cosmetici a uso topico ed esterno, poiché sarà sufficiente rispettare le modalità d’uso riportate in etichetta o sulla confezione.